Giovedì 17 Ottobre 2019
   
Text Size

VITO RODI, AUTONOMIA CITTADINA È UN LABORATORIO

Casamassima

Pubblicata la bozza di programma che la nuova lista civica intende condividere con la cittadinanza

«Siamo allenati a rincorrere lo sprint politico degli ultimi 30 giorni: a questo ci ha abituato la politica “classica”, quella del colpo di scena all’italiana che deve – come nel teatrino di un gioco a poker – svelare l’asso nella manica solo all’ultimo momento utile, in tempo per una campagna elettorale rampante e gremita di accordi e contratti. Perché di questo si tratta, imbastire opportunità e appoggiare le intese, pro-candidati e quinte sceniche d’interesse e a discapito – alla fine – della comunità, quella che, paradossalmente, deve votare scegliendo tra chi offre il “meglio”. Ma in 30 giorni come si fa a dimostrare di offrire il meglio?», dichiara Vito Rodi, candidato sindaco per Autonomia cittadina, nuova lista civica: «Abbiamo scelto di autofinanziarci e di dichiarare il gioco da subito, soprattutto perché crediamo nella programmazione e nel coinvolgimento della comunità. La situazione, invivibile, ha esasperato i cittadini. Chi sceglierà di appoggiarci si iscriverà al partito di quelli che credono nel sogno di rilanciare Casamassima, nello sviluppo sociale e culturale, oltre che economico».

Con questa dedica alla città, Autonomia cittadina opera una chiamata pubblica al popolo casamassimese: chiunque abbia il desiderio di partecipare alla costruzione della nuova identità cittadina (rilanciando il profilo storico di Casamassima, ma tenendo ben presente che buona parte della popolazione si è integrata “strada facendo”) è benvenuto. Una sede fisica apre le porte ogni giorno su corso Vittorio Emanuele al n. 28, e un indirizzo di posta elettronica ( Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ) è attivo h24 per raccogliere suggerimenti, collaborazioni volontarie e idee; è stato anche attivato un blog (www.vitorodi.wordpress.com), aggiornato quotidianamente con notizie e spunti per il dibattito e il confronto ponendo l’attenzione, dunque, sull’importanza dei processi circolari da attivare quali fattori di rinnovamento e svecchiamento della politica.

«Al fine di rendere credibile l’intento di coinvolgere i cittadini è stata resa pubblica la bozza di programma, consapevoli del fatto che la creatività collettiva può ambire al successo perché frutto di partecipazione condivisa: ciascuno, esprimendo il proprio parere contribuisce a costruire l’idea della gestione della cosa pubblica, affinché ognuno si senta proprietario di un pezzo di città», conclude Vito Rodi.

Commenti  

 
#160 CONTEMPLATIVO 2011-06-10 17:02
CERCASI GIUNTA COMUNALE DISPERATAMENTE:
I GIORNI PASSANO E DELLA NUOVA GIUNTA NEMMENO L'OMBRA!!!
CHE SAREBBERO DURATI POCO ERA SCONTATO ... MA QUESTI NON HANNO MANCO INIZIATO!!!
SI STANNO SCANNANDO PER LE POLTRONE!!!!
MEDITATE GENTE MEDITATE, SE QUESTO E' IL BUONGIORNO....
 
 
#159 dal blog di Rodi 2011-06-10 14:35
Sarà il caso che leggi meglio Peppino, i motivi delle "ferie". Giusto per correttezza, sai com'è.
 
 
#158 Peppino 2011-06-10 14:01
Bene a sapersi........!!!!!!??????? La prox volta il voto ve lo daremo via email o blog!!!!!!Buone Vacanze e al consiglio comunale cari eletti fate come meglio credete VOI :sad: :cry: :zzz
 
 
#157 dal blog di Rodi 2011-06-10 13:52
Peppino, c'è un annuncio pubblico su quanto chiedi rispetto a Rodi: vitorodi.wordpress.com/2011/05/30/chiuso-per-ferie-ironizzando/
 
 
#156 Peppino 2011-06-10 11:29
Mi chiedovo......come mai sono già chiusi le sedi dei 2 Movimenti????? Avete già finito di interegire con la gente????E tutti coloro che vi hanno votato ora a chi si devono rivolgere???
 
 
#155 francesco risoli 2011-04-23 14:31
per fugare ogni dubbio su come votare:
http://www.francescorisoli.it/2011/04/23/come-si-vota-a-casamassima/
 
 
#154 Giuseppe68 2011-04-09 00:21
ecco uno dei candidati della lista Vito Rodi: www.francescorisoli.it
Domenica 17 aprile Autonomia Cittadina presenta i candidati, almeno così si legge sul sito di francesco risoli
 
 
#153 anatra zoppa 2011-04-04 19:03
ma avete visto chi c'è nella colazione di centro destra come candidato sindaco...Mimmo Birardi. ;-)
e così vuole vincere la destra le elezioni?
ci ritroveremo nella stessa situazione della precedente tornata elettorale...ZOPPI!!!
 
 
#152 Gigi 2011-03-23 11:24
Egregio Giuseppe68 vista l'imposibilità mia e di qualche altro utente...sarebbe così gentile di informare anche noi sullì'identità dei candidati di Autonomia Cittadina? La ringrazio anticipatamente!
 
 
#151 Giuseppe68 2011-03-18 13:25
ieri mi sono affacciato per la prima volta al comitato elettorale del candidato Sindaco Vito Rodi ed ho avuto un'impressione molto positiva.
Mi sono anche informato su chi sono i candidati consiglieri nel pdl e chi sono, invece, i candidati per Autonomia Cittadina.
Nessun paragone.
Spero davvero che Rodi vinca le prossime elezioni anche perchè, se così non fosse, ci ritroveremmo con personaggi come L'Abbate, Tripoli, Montanaro...e via via dicendo, che manderebbero alo sfacelo in nostro Paese.
 
 
#150 alfiere nero 2011-03-17 14:33
Lillo da Lellare: andar lento nel risolversi e... nell'operare. Indugiare. Tentennare. Gingillare. ( Vocabolario Zingarelli pag. 864 ). Lillo dunque, se non passeggiassi ciondolante bovinamente sul corso, in piazza capiresti bene quello che scrivo. Ovviamente l'ambito è allargato allo strano lavoro che fai ( se ne hai uno ) e come l'hai ottenuto....Puah!
 
 
#149 alfiere nero 2011-03-16 19:48
Da buon teratologo dell'animo umano, cosa vi avevo detto dell'ing L'Abbate? Il Jabba the Hutt di Star Wars memoria, insediato nell 'ufficio Tecnico è finito nella rete.
Infatti il droide C-3PO al droide R2-D2 disse "Se ti raccontassi la metà di quel che ho sentito su Jabba the Hutt, ti prenderebbe un corto-circuito!".......
 
 
#148 Lillo 2011-03-16 18:48
Alfiere Nero, ma non hai nulla da fare tutto il giorno?
Presumo che non abbia un lavoro per perdere tempo a scrivere baggianate sul forum.
 
 
#147 Vito Cassano 2011-03-10 12:25
Non posso che esprimere un apprezzamento positivo dell’incontro tenuto con Vito Rodi ieri sera. Come era naturale alcune cose ci hanno accomunato, altre ci hanno visto discordi. Il clima comunque era di cordialità e disponibilità all’ascolto ed alla accoglienza, entrambe le cose, purtroppo si sono eccessivamente attenuate nei partiti, anche quello cui aderisco, a cominciare dal ritenere “forestiero” il non nato a Casamassima (voglio precisare che dei 20 ex consiglieri solo 6 risultano nati a Casamassima). Credo che Alfiere nero ponga problemi di contesto generale che sicuramente influenzano anche la vita di ognuno di noi, ma visto che “oggi” dobbiamo scegliere un sindaco, una maggioranza ed un consiglio comunale, il problema di fondo che mi sono posto, e che ho posto, è: per permettere un vero sviluppo di Casamassima è più utile avere un consiglio comunale che sia politicamente impegnato per evitare ogni interruzione della legislatura o un consiglio comunale che segua le canoniche regole della interdizione per determinare la fine anticipata della legislatura, a tutti i costi? Una giunta (in cui possono essere presenti anche non consiglieri, cioè non eletti dal popolo) deve o no svolgere il ruolo di governo dell’intera cittadinanza, che la maggioranza degli elettori hanno delegato a comporre per la concretizzazione del programma? Il sindaco deve o no essere il rappresentante dell’intera collettività e svolgere il suo ruolo da “buon padre di famiglia”? deve o no “godere” di questa autonomia dai partiti? A coloro che ritengono di non godere del mio stesso trattamento, riferisco una frase letta su un cartello di divieto di sosta per handicappati “se vuoi il mio posto prenditi anche il mio handicap”. Intelligenti pauca, è un motto che ho imparato risolvendo le parole crociate che poi sono riuscito a tradurre in “alle persone intelligenti bastano poche parole”.
 
 
#146 Autonomia cittadina 2011-03-09 22:13
@Sigmund Rascher. Ci ripetiamo: la campagna elettorale alla quale si fa riferimento (come già riferito in altro commento) risale a circa 30 anni fa.
@casam. purosangue: non siamo col cappello in mano a chiedere voti. Se i casamassimesi ci vorranno ci voteranno, altrimenti torneremo alle nostre attività professionali, alle famiglie e agli interessi privati. A buon intenditor… (vala la stessa risposta sulla riorganizzazione dell’ente data al “collega” Sigmund Rascher).
@Sigmund Rascher: il sig. Cassano è un attento lettore e una persona garbata. Pone quesiti precisi e si relaziona in maniera cordiale (tra l’altro abbiamo avuto il piacere di incontrarlo personalmente quest’oggi).
@Alfiere nero: il federalismo municipale non l’abbiamo mica scelto noi. Qualora ci insediassimo, avremo il dovere di applicare le leggi, adoperando al meglio le professionalità e le competenze della squadra, ed evitando di vessare i cittadini ulteriormente (e ci ripetiamo). Non si dimentichi che dobbiamo discutere di Casamassima e delle sue problematiche (le dinamiche nazionali possiamo solo limitarci a subirle, visto che non siamo al governo centrale e non possiamo intervenire sulle procedure fiscali, amministrative etc…). Poi se lei ha così tante proposte, segua l’esempio del sig. Vito Cassano.
 
 
#145 alfiere nero 2011-03-09 17:09
Luigi Einaudi, all´epoca sua, apprezzava molto questo tipo di imposizione che ha natura sostanzialmente proporzionale perché appunto si applica alle cose e non al reddito complessivo delle persone e delle imprese. Ma poiché bisogna comunque non smarrire il meccanismo della “progressività” del carico tributario per ragioni di evidente equità sociale, lo stesso Einaudi caldeggiava una tenue imposta patrimoniale ordinaria nonché una forte imposta sulle successioni che assicurasse un obiettivo che gli stava molto a cuore: l´eguaglianza delle posizioni di partenza – come lui le chiamava – e che oggi meglio si chiamano le “pari opportunità”. Richiamo gli insegnamenti einaudiani non solo perché vengono da uno dei grandi maestri della scienza delle finanze, ma anche da un grande liberale che oggi molti citano a sproposito come conservatore accanito. Luigi Einaudi, come tutti i veri liberali, non era affatto un conservatore ma un riformista a 24 carati. Tornando al fisco dei tempi nostri, la proposta è di tassare subito chi ha un adeguato imponibile, da oggi fino a quando la riforma fiscale sarà varata, e col ricavato rilanciare la crescita. Se il Pil del 1998, che era notevolmente inferiore a quello di oggi, dette un gettito di sei miliardi di euro, il Pil del 2011, nella stessa proporzione, ne darebbe probabilmente il doppio o poco meno. Tra rendite e manovra “una tantum” il rilancio della crescita disporrebbe d´una cifra ragguardevole senza minimamente allentare la tenuta dei conti. Questa proposta potrebbe esser fatta propria dai partiti d´opposizione e portata in Parlamento. Noi ce lo auguriamo per il bene del Paese. E voi di A.C. che dite a proposito? Aldilà delle striminzite risposte?
 
 
#144 alfiere nero 2011-03-09 17:08
Le ultime notizie di questo sito forniscono due reperti: l'asinino sig. Francesco che invito a leggersi il De vulgaris eloquentia di Dante e il giudizio di Autonomia Cittadina che il federalismo municipale è "utile e impegnativo". Ho espresso già il mio parere sugli effetti nefasti del succitato. Il fatto che viene considerato positivamente è sintomo che A.C. coltiva occultamente una liaison dangereuse con il PDL. Il federalismo municipale cancella 11,3 miliardi di trasferimenti statali ai comuni, ma permette ai sindaci di rifarsi attribuendo loro il potere di tornare a usare la leva fiscale, su vari fronti: affitti, IRPEF, evasione fiscale,tassa di soggiorno, imposta di scopo, IMU ( patrimoniale mascherata ), il fondo di riequilibrio. In realtà sappiano tutti benissimo (anche Tremonti lo sa) che esiste un solo strumento per rilanciare la crescita senza attenuare il rigore e la tenuta dei conti pubblici: il fisco. Del resto è questo strumento che Tremonti ha adottato nel decreto per il federalismo municipale e che presumibilmente adotterà anche per quello del federalismo regionale: ha delegato ai Comuni (e lo farà con le Regioni) di inasprire le imposte e istituirne di nuove e/o di lesinare i servizi pubblici di loro competenza.
Siamo pienamente d´accordo con lui contro un´imposta patrimoniale che produrrebbe un´esportazione di capitali massiccia e intollerabile (sebbene una “patrimonialina” opportunamente camuffata sia stata concessa al fisco comunale) ma questo non esaurisce il tema d´una manovra di rilancio attraverso il fisco nazionale. La Finanziaria in corso ha infatti escluso da ogni contribuzione sia i ceti ad alto reddito sia i ricchi e ricchissimi. Non ha tassato le rendite finanziarie, non ha toccato i redditi variabili.
Voglio qui ricordare che il governo Prodi, con Ciampi al Tesoro e Visco alle Finanze, per agganciare l´Italia all´euro – la sola grande riforma degli ultimi quindici anni – tassò i ceti medi alti, i ricchi ed anche le imprese con un´imposta che fu battezzata “tassa per l´Europa”.
Fruttò un gettito di dodicimila miliardi di lire, pari a sei miliardi di euro.
Era una “una tantum”, di cui quel governo restituì il 60 per cento due anni dopo come aveva promesso e che fu pagata senza particolari resistenze e opposizioni da parte dei contribuenti. Gli italiani avevano capito l´importanza dell´obiettivo, avevano fiducia in quel governo di persone perbene e si assunsero senza fiatare la loro parte di sacrificio.Tremonti ha in programma una riforma fiscale che, secondo quanto ha più volte dichiarato, dovrebbe spostare il peso tributario dalle persone alle cose. Di più non ha detto, ma non è difficile immaginare che rinasceranno imposte che un tempo si chiamavano “reali”: la “fondiaria”, la “ricchezza mobile” e altre analoghe.Continua...
 
 
#143 Sigmund Rascher 2011-03-09 16:38
Ah, gradirei che mi venisse risposto, se possibile, come avete fatto con il signor.Cassano e cioè evidenziando la domanda e rispondendo. Qui si può vedere, almeno in parte, il vostro grado di "indisponenza" (detto a fin di bene, per carità),ovvero come sarete con la gente che viene al comune per espletare i propri diritti, faccende, esporre reclami, interloquire,ecc, quando e se arriverete al potere,
 
 
#142 casam.purosangue 2011-03-09 16:35
Concordo con sigmund..girano solo attorno alle domande, ma non rispondono...siate chiari se volete il voto di noi casamassimesi...come vi ponete difronte all'ufficio tecnico ed ai suoi dirigenti?? Questa è una domanda importante, non basta uscirsene con un "riorganizzeremo l'intero ente".
 
 
#141 Sigmund Rascher 2011-03-09 16:32
Gentile "autonomia cittadina"; da buon politico che è lei, ha girato intorno ALLE mie domande senza tuttavia, rispondere. Gradirei inoltre una risposta al mio "ragionevole dubbio", visto che il fatto che il sig.Rodi ha fatto propaganda per degennaro, è tutt'altro che un ragionamento mentale individuale, ma un dato di fatto e ciò è ben lungi dall'essere considerabile come "soggettivo"!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.