PD, ANDREA PALMIERI SMENTISCE LE VOCI SU AZZONE

Casamassima

Vox populi: l’avvocato Azzone sarebbe in pole per la candidatura a sindaco nel Partito Democratico.

“Non ne abbiamo mai parlato” - è la secca smentita del segretario Pd, Andrea Palmieri, ai nostri microfoni - “Non capisco come facciano a tirare in ballo nomi che non abbiamo nemmeno messo in discussione”.

Ieri sera si è riunito il coordinamento del partito e per la prima volta si è dato inizio al percorso che porterà all’individuazione e successiva conferma del candidato sindaco. E’ ancora presto per fare nomi. Così come dagli ambienti di centro-destra le bocche sono ben cucite: non ci sono ancora conferme su Francesco Cristantielli. “Il nostro progetto è diverso – osserva orgoglioso Palmieri – gli altri pensano solo alle poltrone, mentre del programma non gliene frega niente. A noi interessa il programma. Per ora preferisco non fare nomi e non voglio che se ne facciano, o che si mettono in mezzo persone che non sanno nulla, magari sono nomi tirati in ballo per il solo gusto di bruciarli”.

Il programma elettorale è pronto: smussato e rivisto su alcuni punti ieri sera, nella riunione del coordinamento.

“Lo abbiamo già stilato” – conferma il segretario, che lo illustra per sommi capi.

IL PROGRAMMA ELETTORALE – “Stiamo puntando tutto sulla vivibilità del paese. Concentreremo l’impegno e le forze sul piano urbano del traffico. Vogliamo completare quel processo, già avviato dall’amministrazione uscente, di manutenzione e affidamento a gruppi di cittadini e associazioni di giardini pubblici e spazi verdi”.

Occhi puntati anche sulle lottizzazioni, una delle quali non è stata approvata in extremis, appena caduta l’amministrazione. Il cemento è un tema di scottante attualità qui, a Casamassima.

“Bisogna capovolgere il modo di intendere delle lottizzazioni. Meno cemento – osserva Palmieri – nei nuovi quartieri bisogna puntare innanzitutto ai servizi: verde pubblico, strade, parcheggi. Massimo riguardo anche verso quelle lottizzazioni in fase di attuazione. Alcuni istituti scolastici sono in sovraffollamento, serve quindi un nuovo istituto per le materne e le elementari. Bisognerà individuare un’area su cui costruire un nuovo istituto scolastico”.

Una menzione nel programma anche per la zona PIP (piano insediamento produttivo): “L’amministrazione uscente stava maturando già i primi frutti. Nel programma il Pip è una delle priorità assolute, serve all’occupazione e allo sviluppo del territorio. Il progetto di fattibilità andrà discusso con i cittadini e con le categorie per tutti i correttivi.”

Infine ci sono le strade e la viabilità: “Le strade del paese necessitano di un nuovo piano e di un sostanzioso investimento, da mettere in conto già nei primi mesi di mandato. Bisogna asfaltare gran parte delle strade comunali”.

Palmieri illustra i suoi criteri da seguire per la scelta del candidato sindaco. “Una persona che dia garanzia di trasparenza e moralità, che abbia professionalità e competenze, che sia molto conosciuto dai cittadini”.