Venerdì 19 Luglio 2019
   
Text Size

BIRARDI (UDC): ‘NEL CENTROSINISTRA SE IL PD CHIEDE SCUSA’

udc-birardi

“Se il Pd chiedesse scusa e mostrasse di aver sbagliato…”. Il condizionale è dell’ex consigliere Birardi, esponente del partito Udc.

All’ombra dello scudocrociato il gruppo casamassimese discute in questi giorni sul da farsi, anche se è troppo presto per definire alleanze e coalizioni.

Birardi dunque, non esclude alleanze con il centrosinistra, a patto che non vi sia un candidato sindaco della classe dirigente uscente:

“Qualsiasi coalizione – precisa Birardi ai nostri microfoni – con il centro-destra o il centro-sinistra, purché rispetti i principi di democrazia e di mandato elettorale. Un’alleanza con il centrosinistra comunque la vedo difficile, specie se si presentasse con candidato sindaco della vecchia giunta o del vecchio consiglio comunale che abbia accettato la violazione di quelle regole che ho denunciato in comizio”.

Birardi prende le distanze dall’amministrazione uscente accusandola di aver degradato Casamassima: “E pensare che i problemi veri ancora verranno fuori – rincara così la dose l’ex consigliere Questo paese è stato rovinato da questa amministrazione. Basta aprire gli occhi e si capisce che siamo tornati indietro, si vede il degrado. Noi, con quelle dimissioni e con l’opposizione in aula, abbiamo cercato in tutti i modi di bloccare questo degrado”.

Birardi critica anche il nuovo organo di stampa aperto ai lettori del Partito Democratico: “un giornalino che stravolge la realtà. Dei tre revisori dei Conti, due sono stati scelti dalla maggioranza, uno solo l’ha scelto la minoranza. Questo organo ha detto che l’amministrazione ha fallito in tutto, non è riuscita a portare avanti neppure il programma. Una amministrazione basata su accordi trasversali”.

Intanto nelle sedi dei partiti le bocche sono tenute ben cucite. Tutti i maggiori esponenti si guardano bene dal spifferare nomi di candidati al tricolore. Filtrano indiscrezioni su Nanna e Nitti nel centrosinistra, qualcosa bolle in pentola anche in quel del Pdl e nel centrodestra dilaniato finora dalle fratture interne e da focolai pronti a esplodere.

“L’Udc non è né di centro-destra né di centro-sinistra – risponde Birardi alla domanda su possibili alleanze – Attualmente, a livello nazionale si è costituito un Terzo Polo con il partito di Fini e con il partito di Rutelli”.

Ma il Terzo Polo a Casamassima non c’è. E il Fli a Casamassima è un partito mai nato.

“In effetti – osserva Birardi non si sente in giro di esponenti delegati a rappresentare il partito di Fini. I finiani c’erano in aula, però mi risulta che siano tutti nel Pdl”. Pure loro sono saliti sul carro, disse l’ex sindaco De Tommaso su Casamassimaweb.

Birardi è scettico sulla nascita di un Terzo Polo e paventa il rischio partiti dell’ultima ora: “Partiti che spuntano come funghi all’ultimo giorno. Ma noi – assicura il consigliere - di questi partiti nati all’ultimo giorno non ci siamo mai fidati e non ci fideremo. Vogliamo fare politica trasparente, chiara, con la certezza che dietro di noi non c’è nessuno e non abbiamo le mani legate. A livello locale continueremo a contestare questo modo barbaro di fare politica che, di fatto, allontana gli elettori".

Commenti  

 
#31 Giuseppina! 2011-02-01 11:17
Confermo (in maniera ufficiale) che......a parte i nuovi attori come candidati "Sindaco".....il resto dei FIGURANTI non cambierà!!!!! POVERA CASAMASSIMA :-((((
P.S. chiaramente sia a Destra che a Sinistra
 
 
#30 Osservatore 2011-01-31 08:54
e cosa ne dite di valutare anche le elezioni comunali precedenti al 2008? Il centro destra che si presentava con due liste aveva la maggioranza al primo turno ma al ballottaggio ha vinto il centro sinistra. Per il "ilcasamassimese" io forse ho bisogno dell'oculista ma i fatti parlano matematicamente e la matematica non è un'opinione.
 
 
#29 Vito Cassano 2011-01-28 18:28
Sul numero 2 di quest’anno de “la voce del paese” è stato pubblicata l’intervista a Birardi. Tale intervista stimola alcune riflessioni circa la necessità di avere elementi di valutazione per misurare la lealtà e la correttezza di persone, partiti, organizzazioni, ecc.. E’ necessario precisare che non una amministrazione si è alleata con parte dell’opposizione, ma, come tutti sanno, ad una coalizione (quella di centrosinistra) si è alleata parte della coalizione di centrodestra, che ne ha preventivamente condiviso il programma e conseguentemente le responsabilità di giunta per due anni e mezzo. Ho recuperato dal sito del ministero degli interni i dati delle elezioni amministrative del 2008. Al primo turno vince la coalizione di centro destra con 1400 voti in più del centrosinistra. I due sindaci hanno praticamente gli stessi voti 5515 de Tommaso 5639 Montanaro. Al secondo turno De Tommaso raccoglie 5576 (praticamente gli stessi voti del primo turno) mentre Montanaro 3657 la differenza è di 1919 voti. Poiché il PDL ha preso 2673 voti; l’UDC 1366; una lista civica 1304 e l’altra 739; e poiché Montanaro era rappresentante della lista civica, mi chiedo: chi è stato sleale e scorretto? E chi, al posto di Montanaro non avrebbe reso pan per focaccia? Ma soprattutto ritengo si illuda di grosso, chi crede che quello che è successo non potrà avere ricadute sulle prossime elezioni, perché questi dati la dicono lunga sui rapporti nel centro destra.
 
 
#28 ilcasamassimese 2011-01-27 20:35
Caro osservatore ........ fatti una visita dall'oculista!!
 
 
#27 Osservatore 2011-01-27 13:02
1) Birardi non si fida dei partiti improvvisati? Falso, il candidato sindaco del centro destra, che è passato al centro sinistra, faceva capo a un partito improvvisato appoggiato dall'UDC.
 
 
#26 anthos 2011-01-21 16:55
ragazzi, l' UDC in un comune fa esattamente quello che fa Casini a Montecitorio: va con chi gli assicurerà la poltrona...
 
 
#25 scudo crociato 2011-01-16 13:50
Siamo tutti consapevoli, tranne i l***(lecchino) di turno sempre pronti a difendere il portatore d'interesse e quindi a sopportate di tutto, pur di raggiungere la posizione di potere. Sono senza passione e senza onestà, spuduratamente opportunisti. Guardano solo il loro tornaconto siano essi imprenditori o professionisti o ecc. Eppure si guarda ancora al titolo di studio come pregiudiziale. Non dimentichiamo che il sindaco Carelli è stato aggredito politicamente,a torto o a ragione, dagli esponenti del suo stesso partito. Questo la dice tutta sull'UDC. Un professionismo dedito a far cadere giunte e mai a sfornare soluzioni per Casamassima.
 
 
#24 anonimo 2011-01-15 11:47
... Forza Birardi sei l'unico ... che dopo vent'anni di politica e risultati zero non ti rassegni ancora che la politica non è per te !
 
 
#23 Vito Cassano 2011-01-15 10:12
Gentile amicoweb, finora non ho mai conosciuto un ricco, che per diventare tale ha usato tutte le sue capacità professionali, imprenditoriali, ecc. per arricchirsi, che non si sia avvalso della politica che arricchirsi ulteriormente. Essere presenti ai consigli comunali aiuta sicuramente a capire la politica, ma non è il solo modo, ed ancora peggio è la piazza da cui si può cogliere solo la voce del popolo. Un bel pò di tempo fa erano le sedi di partito (PCI, DC, PSI, MSI ecc) che indottrinavano, discutevano, aiutavano e formavano i giovani a diventare classe dirigente. Oggi, non so se sia un bene o un male, la formazione avviene, sostanzialmente, in altri luoghi e con altri strumenti. Non si può che prenderne atto. Personalmente non mi illudo che sia lo strumento, il federalismo fiscale, ad indurre il sindaco ad essere esperto e onesto, ma la nostra capacità collettiva di partecipare ed esercitare quel controllo popolare che significa pratica della democrazia. Credo che un sindaco che ha il compito di rappresentare tutti i cittadini e non deve rispondere al solo partito che lo ha candidato, deve essere in grado di coniugare tutti gli interessi, con equilibrio e saggezza, per una armoniosa crescita sociale ed economica del paese. Se ne è capace o no, lo sapremo solo vivendo.
 
 
#22 AN gelo!!! 2011-01-14 20:18
chi entra in politica non lo fa per campare........ma per adagiarsi
 
 
#21 anonimo 2011-01-14 18:20
A ppoposito di BIrardi, è l'unico che ha fatto opposizione alla ex amministrazione De Tommaso. Glielo volete riconoscere? L'unico che ai corteggiamenti di De Tommaso e co ha detto no. L'unico che ha avuto il coraggio di fare un comizio in piazze e dire le cose così come stanno. Vuol dire che dopo tanti anni di politica ha ancora le mani pulite. Forza Birardi sei l'unico. Ti ho sempre votato e ti continuerò a votare. Non arrenderti.
 
 
#20 amicoweb 2011-01-14 18:16
Mi sto accorgendo che abbiamo tanta gente a Casamassima che capisce di politica. Qualche volta che sono andato a vedere un consiglio comunale, non ho trovato mai nessuno ad eccezione dei consiglieri. Come fate dico a sapere tutto di tutti? Prima di criticare la nostra classe dirigente bisogna mettersi la mano sulla coscenza. Tanto in campagna elettorale, proprio per la vostra lontananza dalla politica, ma vicini alle dicerie di piazza, vincerà chi vi imbroglierà meglio. Saremo chiamati ad eleggere una nuova amministrazione, solo con una miglior preparazione si può ottenere una buona classe politica. Nessuno si inventa sindaco, si viene eletti. Se la nuova amministrazione non farà nulla di nuovo la colpa è dei cittadini che sbagliano a votare e credono ancora nel diavolo. Abbiamo bisogno, in vista del federalismo fiscale, di un candidato sindaco che ha esperienza e sia onesto, che non abiia bisogno della politica per "campare", libero e stimato.
 
 
#19 filippo 2011-01-14 15:49
ANGOR la vit a 'capì!
 
 
#18 Giuseppina 2011-01-14 12:10
.....ma che vi sforzate a fare!!! Le elezioni non li vince chi è appogiato dal popolino......ma chi ha alle spalle Imprenditori....costruttori.....cioè tutti quei personaggi che hanno interessi economici su CASAMASSIMA!!!!!!!
 
 
#17 Atreiu 2011-01-14 11:39
Si, concordo appieno.
Questo è l'unico modo per sperare in un ricambio, senza piangersi addosso.
 
 
#16 Vito Cassano 2011-01-14 10:05
concordo sulla prima affermazione di atrieu ma rovescerei la seconda con:propongo il seguente elenco di candidati compreso se stesso con nome e cognome, venendo allo scoperto appunto!
 
 
#15 Atreiu 2011-01-14 08:51
Che fare?
Occorre urgentemente riattivare desideri, senso di appartenenza e passioni.
Uscire allo scoperto e dire in faccia a chi se lo merita: "tu na mall!".
 
 
#14 Vito Cassano 2011-01-13 18:26
Atreiu, che fare?
 
 
#13 Atreiu 2011-01-13 10:15
C’era un tempo in cui i segretari di partito e/o presidenti valevano qualcosa, erano eletti dalla base e avevano autorità e autorevolezza. Gli stessi erano portavoce del proprio partito e come si dice “mandavano avanti” le persone migliori.
Oggi ci sono personcine – nominate - che sono i primi a candidarsi e che dall’alto della loro quinta elementare pretendono di giudicare se una persona possa o meno fare il sindaco, se ha le potenzialità e capacità per amministrare.
Purtroppo ci sono anche giovani che non sono capaci di pensare a loro stessi, che non hanno raggiunto alcun traguardo nella loro vita e che, invece, ritengono di poter fare il bene della collettività.
E ci sono anche gli elettori Casamassimesi che seduti alla tavola di casa sono in grado di fare discorsi da statisti ma che quando incontrano le personcine o i giovanotti di cui ho parlato l’unica cosa che fanno è chiedere se “un domani” possono riparare la buca di fronte la casa.
 
 
#12 Vito Cassano 2011-01-13 09:33
Giuseppino, cerchi bene, vedrà che mi trova!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.