Giovedì 25 Aprile 2019
   
Text Size

CONSIGLIO COMUNALE, I NOSTRI CONTI SONO IN REGOLA

Casamassima

L’unico ordine del giorno discusso al consiglio comunale di mercoledì scorso riguardava la salvaguardia degli equilibri di bilancio e ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi ai sensi dell’articolo 193 del d. lgs. 267/2000 e variazioni al bilancio di previsione 2010.

Come ha spiegato l’assessore alle Politiche fiscali, Fabio Nanna, il riequilibrio del bilancio è composto da due momenti: prendere atto dell’attività amministrativa e gestionale, del grado e della percentuale di impiego delle risorse, dello stato di avanzamento dei programmi da portare avanti, e approvare le variazioni del bilancio perché sia verificato lo stato delle finanze e se è il caso, ripristinati gli equilibri necessari.

A Casamassima l’equilibrio del bilancio non è attualmente in pericolo. Pare non ci siano particolari squilibri ed è assicurata l’ordinaria e la straordinaria amministrazione.

Le entrate sono state maggiori del previsto, per un totale di 95mila euro:

  • 65.000 € per i maggiori incassi di ICI e TARSU;
  • 5.000 € per la riduzione dei diritti sui servizi pubblici;
  • 10.000 € per la riduzione sui servizi generali;
  • Fondi regionali per un nuovo scuolabus.

Ci sono state anche spese impreviste per incrementare interventi necessari:

  • 15.000 € per i servizi sociali;
  • 15.000 € per contenziosi e risarcimenti;
  • Riscossione e accertamento tributi;
  • Riallineamento di interventi successivi, per esempio le quote per l’ATO.

Nonostante ciò si è riusciti a ricavare 30mila euro destinati alla riqualificazione di un’area di verde pubblico.

In materia finanziaria il vincolo più grosso e oneroso per i Comuni è costituito dal rispetto del patto di stabilità: c’è stato un inasprimento del d. lgs 78 che determina le penalizzazioni per lo sforamento del patto, la cui quota sarà pari al successivo taglio dei trasferimenti.

Quando questi inasprimenti sono stati ufficializzati, la Regione ha disposto il blocco totale dei pagamenti in conto capitale previsti nel bilancio regionale, anche di quelli per cui le risorse erano già a disposizione, così gli enti hanno dovuto riprogrammare le loro spese per rientrare nei limiti.

Casamassima ha una programmazione tale da rispettare il patto, ma c’è stato bisogno di sospendere i pagamenti in conto capitale, in cui rientra solo la nuova circonvallazione.

A questo proposito il consigliere Pignataro ha proposto di pagare le imprese anticipando i soldi, come alternativa al blocco dei pagamenti. Purtroppo è una soluzione espressamente vietata dal testo unico, perché il fine del patto di stabilità è proprio quello di bloccare le uscite.

Invece il consigliere Birardi, sulla scia di recenti polemiche, ha proposto l’adozione di un regolamento che coordini i finanziamenti comunali alle associazioni e agli eventi e ne giustifichi le entità, in modo da poter gestire meglio anche le spese legate alle sovvenzioni.

L’ordine del giorno è stato approvato con dodici voti favorevoli e sei contrari. A breve sarà convocato un nuovo consiglio per discutere i punti rimasti.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI