Martedì 20 Agosto 2019
   
Text Size

Casamassima, 900mila euro per ‘far vivere’ 2 capannoni confiscati alla mafia

L'area del 'Baricentro' vista dall'alto

Gli immobili saranno ristrutturati e utilizzati per progetti legati all’arte e alla cartapesta

Ottocentonovantaquattromila euro. È l’importo del finanziamento che l’amministrazione e gli uffici comunali sono riusciti a ottenere, dal Ministero dell’interno, a seguito della partecipazione all’avviso pubblico relativo al recupero di immobili confiscati alla mafia. Immobili, due capannoni all’interno dell’area commerciale ‘Il Baricentro’, entrati a far parte della disponibilità prima dell’erario dello Stato e successivamente del patrimonio comunale.

Il Comune di Casamassima, dopo essere entrato in possesso dei beni, ha trasmesso al Ministero – che lo ha ritenuto ammissibile a finanziamento – un progetto relativo al riutilizzo di queste strutture, da destinare ad attività didattiche legate al tema dell’arte, delle emozioni e della storia.

I capannoni, una volta ristrutturati, saranno dunque utilizzati per dar vita a progetti riguardanti la cartapesta, elemento caratterizzante del territorio casamassimese, e il mondo della manualità creativa.

“Aver appreso che il progetto da noi presentato al Ministero dell’Interno è stato ammesso a finanziamento – osserva il sindaco Giuseppe Nitti – è motivo di grande soddisfazione. Perché testimonia l’attenzione dell’amministrazione nel cercare di reperire tutte le risorse disponibili, al fine di realizzare progetti utili per la nostra comunità. Quasi 900.000 euro sono una somma importante, che ci consentirà di ristrutturare i beni confiscati, adesso entrati a far parte del patrimonio comunale, e di restituirli ai cittadini casamassimesi”.

“Abbiamo lavorato alacremente – sottolinea il vicesindaco e assessore ai lavori pubblici, Anna Maria Latrofa – in stretta collaborazione con l’amministrazione e gli assessori a cultura e sociale, Azzurra Acciani e Michele Loiudice, per proporre al Ministero una progettualità che fosse ritenuta idonea ad essere finanziata. A tal proposito abbiamo operato in maniera instancabile, anche con gli uffici comunali, che ringrazio per il prezioso lavoro. Adesso l’iter che dovrà portarci alla realizzazione della ristrutturazione e alla concretizzazione del progetto va avanti. In un solo anno di amministrazione, siamo riusciti a recuperare il campo sportivo comunale, sistemare molte arterie stradali cittadine, ristrutturare la caserma dei Carabinieri e le scuole Marconi e media succursale, ad inaugurare la scuola Rodari, a proseguire l’iter all’asilo Collodi, solo per citare alcuni risultati dell’attività amministrativa. Adesso andiamo avanti per cercare di dare alla cittadinanza le risposte che si aspetta da noi”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.