Giovedì 21 Marzo 2019
   
Text Size

Una petizione per regolamentare i parcheggi

errico e ronghi

Progetto Casamassima e Rinnovamento Civico raccolto 96 firme

Una petizione sottoscritta da 96 commercianti cittadini. È l'iniziativa a cui hanno dato vita le espressioni politiche Progetto Casamassima, attraverso il segretario Lorenzo Ronghi, e Rinnovamento Civico, con la segretaria Angela Errico, al fine di sollevare presso l'amministrazione comunale il problema dei parcheggi qui a Casamassima, con particolare riferimento alle attività commerciali e artigianali.

"Il comune di Casamassima – osservano Progetto Casamassima e Rinnovamento Civico – ha un territorio prevalentemente pianeggiante e una superficie pari a 77,45 metri quadrati con una densità di 255 abitanti per chilometro quadrato. Negli anni vi è stato un discreto aumento della popolazione, con circa 19.800 residenti che di conseguenza hanno nuove necessità.

La popolazione di Casamassima, nei prossimi anni, registrerà un ulteriore incremento demografico, conseguente anche alla disponibilità di abitazioni esistenti, per cui bisognerà approvare e adottare un nuovo piano per l'individuazione di nuovi parcheggi.

La mancata realizzazione e pianificazione di ulteriori aree di sosta ha favorito il cosiddetto parcheggio 'selvaggio', per cui le numerose attività commerciali e artigianali hanno visto venir meno introiti, poiché impossibilitate a garantire i parcheggi alla clientela, con la conseguenza che abbiamo assistito impotenti a chiusure che hanno comportato il graduale degrado e una grave perdita di vitalità del nostro territorio.

I parcheggi, di fatto, rappresentano uno strumento capace di produrre un effetto di marketing territoriale, con un ritorno d'immagine sicuramente prezioso e produttivo, sia in favore della collettività che delle attività commerciali del nostro comune.

La principale causa di congestione del traffico urbano – proseguono Progetto Casamassima e Rinnovamento Civico – si identifica nell'uso promiscuo di strade, tra veicoli e pedoni, movimenti e soste, mezzi pubblici e privati. Pertanto, la riorganizzazione dei parcheggi richiede in primo luogo la definizione di un'idonea classifica funzionale delle strade.

Progetto Casamassima e Rinnovamento Civico , unitamente ai commercianti locali, chiedono al sindaco di Casamassima di adoperarsi per far inserire, all'ordine del giorno del primo consiglio comunale utile, secondo l'articolo 23 dello statuto comunale, la rivisitazione del piano parcheggi attualmente in vigore, aggiornandolo con l'introduzione di parcheggi a sosta limitata gratuita, di 30 e 60 minuti, per le attività commerciali che effettuano la vendita al minuto; con la sosta limitata gratuita, di 30 e 60 minuti, nei pressi di farmacie e parafarmacie; con la sosta limitata gratuita, di 30 minuti, in piazza Aldo Moro; con la sosta a lungo termine gratuita per le attività commerciali e artigianali, come barbieri, parrucchieri, studi medici o professionali, e altre tipologie di attività. Ma anche attraverso l'individuazione di ulteriori percorsi da destinare a parcheggi gratuiti, sia a sosta lunga che breve, per favorire sia il commercio che i residenti, l'ampliamento delle aree destinate al carico e scarico merci, l'introduzione di ulteriori spazi di sosta per diversamente abili, nei pressi di studi medici e attività commerciali.

I firmatari della petizione, 96 commercianti, sottolineano la necessità della gratuità dei parcheggi, perché una soluzione contraria causerebbe un isolamento commerciale per la già depauperata economia del paese.

L'articolo 23 dello statuto comunale del Comune di Casamassima – precisano inoltre Progetto Casamassima e Rinnovamento Civico – recita testualmente sottolineando che 'le istanze, petizioni e proposte indirizzate al sindaco da singoli cittadini, o da una pluralità di essi, sono esaminate dall'assessore competente per materia, insieme con il dirigente responsabile del servizio interessato, i quali procedono alla loro rapida valutazione, a consultare eventualmente gli interessati, e a dare risposta nel più breve tempo e comunque entro il termine stabilito dal regolamento.

Per le richieste relative a provvedimenti di competenza del sindaco o della giunta, l'assessore sottopone la pratica, istruita, ai predetti organi che adottano le decisioni di loro competenza, sentiti eventualmente i cittadini interessati, e le comunicano agli stessi entro il termine indicato nel precedente comma.

Le istanze, petizioni e proposte rivolte al consiglio comunale nelle materie di competenza di tale organo, sono trasmesse immediatamente al presidente, che ne informa il sindaco, e le sottopone, a seconda del loro oggetto, all'assemblea o alla commissione competente. Il presidente, quando l'istanza è di competenza dell'assemblea, e la commissione competente, quando spetta ad essa pronunciarsi, possono sentire i cittadini interessati. La risposta alle istanze, petizioni e proposte di competenza del consiglio comunale è, in ogni caso, effettuata dal presidente il quale precisa, nella stessa, l'organo che si è su di essa pronunciato. Della risposta è inviata copia al sindaco'.".

La petizione è stata inoltrata – leggendo i nomi dei destinatari - al sindaco Giuseppe Nitti, al presidente del cosiglio comunale, Pinuccio Valenzano, al comandante della polizia locale, Ivano Eramo, al prefetto di Bari, Marilisa Magno, e a tutti i cittadini di Casamassima.

 

LA REPLICA DEL SINDACO"
Se avessro letto il bilancio non avrebbero perso tempo"

"Mi fa piacere che Progetto Casamassima e Rinnovamento Civico si interessino dei problemi di Casamassima e dei commercianti, perché la partecipazione popolare rispetto alle scelte di un'amministrazione è giusto che sia quanto più ampia possibile.

Nel caso della petizione relativa ai parcheggi però, mi spiace sinceramente doverlo rilevare, i due movimenti hanno soltanto perso il loro tempo, facendolo perdere anche agli stessi commercianti. Se Progetto Casamassima e Rinnovamento Civico avessero soltanto letto il Dup, il documento unico di programmazione, e il bilancio di previsione, forse se ne sarebbero resi conto da soli".

Il sindaco Giuseppe Nitti commenta così la sottoscrizione della petizione promossa dalle due espressioni politiche cittadine.

"La questione dei parcheggi – conclude il primo cittadino – è già alla nostra attenzione, sappiamo benissimo quali sono le problematiche, siamo vicini ai commercianti, e ci adopereremo, per quanto possibile, per andare incontro alle loro necessità".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI