Venerdì 24 Maggio 2019
   
Text Size

La Senatrice Cinque Stelle, Patty L'Abbate, ospite in città

M5S Casamassima (3)

Reddito di Cittadinanza e fondi ai comuni i temi affrontati

Reddito di cittadinanza e fondi per i Comuni al di sotto dei 20mila abitanti. Sono i temi al centro del dibattito – al quale ha preso parte la senatrice della Repubblica Patty L'Abbate, del Movimento cinque stelle – che il 9 febbraio scorso ha avuto luogo nell'aula consiliare del palazzo municipale.

Ad affiancare la rappresentante di palazzo Madama, oltre ai consiglieri comunali pentastellati cittadini, Antonello Caravella e Giuseppe Patrono, il sindaco Giuseppe Nitti. Presenti anche altri esponenti Cinque stelle casamassimesi, l'assessore al sociale, Michele Loiudice, e componenti della giunta comunale e della maggioranza consiliare.

M5S CasamassimaNel corso dell'appuntamento, che ha visto riempirsi l'aula consiliare, la senatrice L'Abbate ha illustrato la manovra del reddito di cittadinanza, rispondendo alle domande e agli interrogativi del pubblico presente.

"Mi fa piacere – ha detto tra le altre cose L'Abbate – notare che c'è collaborazione tra il sindaco, l'amministrazione e i rappresentanti del Movimento cinque stelle casamassimese. Credo molto nel lavoro comune tra le varie forze politiche, perché l'armonia è un bel segnale, soprattutto quando è finalizzata al raggiungimento di risultati che vanno a vantaggio dei cittadini".

"Il reddito di cittadinanza – ha chiarito invece Caravella prima dell'intervento della senatrice, (per seguire l'intero incontro è possibile collegarsi alla pagina facebook MoVimento 5 stelle Casamassima) – è una misura di politica attiva che riguarda il lavoro. È un provvedimento di grande complessità, il cui fine non è garantire il semplice sostegno, ma favorire la ricerca del lavoro. Rappresenta dunque una manovra rivolta alle reali esigenze dei cittadini.

M5S Casamassima (2)

Ringrazio – ha aggiunto inoltre Caravella – il presidente del consiglio comunale, Pinuccio Valenzano, e il sindaco, Giuseppe Nitti, per la grande disponibilità – che non è cosa recente - dimostrata nei nostri confronti e per il fatto di averci concesso l'utilizzo dell'aula consiliare. Il Movimento cinque stelle casamassimese, così come ha fatto anche con la precedente amministrazione di centrosinistra, sin dal primo giorno di lavoro ha cominciato ad avanzare proposte al sindaco Nitti e alla sua amministrazione, riscontrando da parte loro interessamento e spesso anche un positivo riscontro. Adesso andiamo avanti, anche perché le ricadute della politica nazionale sono a livello locale di vitale importanza. Tante volte abbiamo avuto a disposizione degli strumenti spuntati che non ci hanno permesso di andare incontro alle esigenze dei cittadini in maniera incisiva. A Casamassima, secondo uno studio di due anni fa, sono duecento le famiglie che non riescono ad arrivare a fine mese: adesso speriamo che il reddito di cittadinanza riesca a risolvere queste problematiche. Non va dimenticato che questa misura, nella sua complessità, prevede anche sanzioni importanti per che dovesse cercare di fare il furbo".

"In Italia – ha fatto invece presente il consigliere Patrono, soffermandosi sui fondi a disposizione dei Comuni – circa seimila Comuni, sugli ottomila complessivi, hanno meno di 20mila abitanti. A loro sono destinati 400milioni di euro totali, stanziati dal governo centrale. Gli enti locali che risulteranno beneficiari del finanziamento dovranno dare inizio ai lavori da realizzare attraverso questi fondi entro il 15 maggio prossimo. A inizio interventi riceveranno il 50% della somma loro destinata, in seguito avranno diritto alla parte restante, sempreché abbiano rispettato tempi e modi di realizzazione delle opere. Casamassima ha ottenuto un finanziamento pari a 100mila euro, che pensiamo possano essere utilizzati – ne abbiamo discusso anche con il sindaco – per la messa in sicurezza degli istituti scolastici di Casamassima".

Il dibattito poi è andato avanti, tra le numerose domande del pubblico presente.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI