Mercoledì 26 Giugno 2019
   
Text Size

Congresso Partito Democratico 2019

Il segretario cittadino del Partito democratico, Rocco BagalÖ

Convocata a Casamassima la riunione di circolo. Vince Zingaretti. Bene Francesco Boccia

Con l’Assemblea Nazionale del 17 novembre, il Pd ha dato il via formalmente al percorso congressuale che porterà all’elezione del nuovo segretario. Sono in sei gli esponenti che hanno annunciato di concorrere alle primarie del 3 marzo 2019. Si tratta di Nicola Zingaretti, Maurizio Martina, Roberto Giachetti, Francesco Boccia, Maria Saladino e Dario Corallo.

Per scremare questa lista, il regolamento chiama a fare delle votazioni interne. Al voto riservato ai circoli, che si è aperto il 7 gennaio, hanno partecipato tutti gli iscritti al partito almeno dal 2017, e che hanno rinnovato la tessera nel 2018.

I risultati di circolo sono ancora provvisori in quanto si riferiscono al voto che si è svolto dal 7 al 23 gennaio, ma la votazione nei circoli è stata prorogata fino a domenica 27 gennaio. Intanto, Nicola Zingaretti raggiunge il 48,5% dei consensi, seguito da Martina con il 35,1%, Giachetti con il 12,8%, Boccia con il 2,3%, Saladino con lo 0,67% e Corallo con lo 0,63%.

I dati di questa fase saranno ufficializzati il 2 febbraio. Nelle settimane successive a tale data, i tre candidati più suffragati, che accederanno all’appuntamento di marzo, dovranno presentare una o più liste a proprio sostegno in ciascuna provincia, dalle quali usciranno 1000 eletti all’Assemblea Nazionale, massimo organo del partito.

L’assemblea Nazionale si riunirà il 17 marzo 2019. In quella sede, sarà proclamato segretario il candidato che ha ricevuto almeno il 50% + 1 dei voti. Ove nessun candidato abbia la maggioranza assoluta, l’Assemblea compierà il ballottaggio fra i due candidati più votati.

Non sono mancati finora i colpi di scena. Giachetti e Boccia tengono lontano di un soffio Zingaretti dall’asticella del 50%. Come riferisce il segretario cittadino del Partito Democratico, Rocco Bagalà, anche a Casamassima c’è stato uno slancio verso Boccia perché pugliese e molto qualificato. Ricercatore alla London School of Economics e visiting professor alla University of Illinois di Chicago, Francesco Boccia ha 50 anni. E’ nato il 18 marzo 1968. Originario di Bisceglie, ricopre a Bari la carica di assessore all’economia negli anni in cui Michele Emiliano è sindaco del capoluogo. Nel 2008 varca le porte di Montecitorio, e coordina le Commissioni economiche del Partito Democratico alla Camera fino al 2013. Nel febbraio dello stesso anno diventa Presidente della V Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione della Camera dei Deputati. A ottobre 2018 dichiara ai microfoni del Corriere della Sera la volontà di presentarsi alle primarie del Pd.

Sabato 19 gennaio e domenica 20 il circolo di Casamassima ha risposto alla chiamata del Pd nazionale per discutere le linee programmatiche dei singoli candidati alla segreteria. Rocco Bagalà comunica che nella sezione casamassimese, degli 82 iscritti, hanno votato 63 persone di cui 40 a favore di Zingaretti, 16 a favore di Boccia e 7 a favore di Martina. “Ciò dimostra - osserva Bagalà - che a Casamassima il Pd continua ad esistere a prescindere dai periodi di vittoria o di sconfitta a livello locale, poiché quello che ci differenzia dagli altri partiti è un senso di appartenenza profonda alla politica”.

Francesca Valentino

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.