Mercoledì 12 Dicembre 2018
   
Text Size

Tariffe Tari, la posizione del sindaco Nitti

Siindaco Giuseppe Nitti

"Tutelare le casse del comune vuol dire essere realmente dalla parte dei cittadini"

"In merito alle tariffe Tari 2017 e alla scelta, presa con il commissario Aldo Aldi, di fare ricorso al Consiglio di Sato dopo la sentenza del Tar, ritengo sia stata presa la decisione più giusta. Il sindaco ha il dovere di difendere le casse comunali: questo significa tutelare i cittadini ed essere realmente dalla loro parte, non fare proclami che si trascinano dietro il puzzo della mera strumentalizzazione politica". A parlare, replicando al comunicato del centrodestra casamassimese, è il sindaco, Giuseppe Nitti.

"Ho sempre immaginato – prosegue il primo cittadino – che dietro la questione Tari e il relativo Comitato ci fosse l'obiettivo di strumentalizzare politicamente la vicenda, adesso ho avuto conferma di quel che ho sempre sospettato. Da soli hanno alzato il velo dell'ipocrisia e dell'opportunismo. È anomalo anche il fatto che si voglia far passare l'azione del centrodestra e del Comitato Tari come un tentativo di difendere le tasche dei casamassimesi. Perché il Comune e le sue finanze non rappresentano i soldi dei cittadini? Augurarsi e sostenere scelte che vanno contro le casse dell'ente non significa forse andare contro la cittadinanza? Non credo che questo sia così difficile da comprendere per coloro che da diversi decenni giocano a fare i 'professori' della politica. A meno che non si menta sapendo di mentire.

Non condivido ma comprendo la voglia di fare opposizione a tutti i costi, ma questo, tutto vuol dire tranne che essere dalla parte dei cittadini. Avrei gradito, invece, maggiore dialogo e confronto, ma noto con dispiacere che il linguaggio è sempre lo stesso: offese personali e astio sterile.

Quanto al profumo dei fiori d'arancio, per essere gradito ai rappresentanti del centrodestra avrei dovuto fare forse come loro, lasciando alla cittadinanza soltanto il tanfo del degrado e delle erbacce".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI