Domenica 21 Ottobre 2018
   
Text Size

Rifacimento manto stradale: botta e risposta tra maggioranza e opposizione

palmieri e latrofa

La strada della 'discordia'. E' la cosiddetta complanare est della strada statale 100 - via Vecchia Bari che conduce al centro residenziale Barialto. Un'arteria stradale asfaltata di recente dall'Enel al termine di lavori per l'interramento dei cavi della linea di elettificazione delle ferrovie Sudest. Interventi, questi ultimi, che hanno portato a un botta e risposta tra l'ex assessore ai lavori pubblici della giunta Cessa oggi consigliere comunale di minoranza in quota Pd, Andrea Palmieri, e l'attuale responsabile del settore lavori pubblici, Anna Maria Latrofa.

"Questa sera – ha fatto presente il 2 ottobre scorso Palmieri sulla sua pagina facebook - ho verificato con piacere, avendo seguito personalmente la vicenda da assessore, con tavoli tecnici alla presenza di Enel e della Ditta La gioia Costruzioni di Capurso, che sono in via di ultimazione i lavori di rifacimento del manto stradale, per l'intera carreggiata sulla via che porta a Barialto. Entro il 15 ottobre saranno completati i lavori di rifacimento anche dell'ultimo tratto di Via Bari, dall'incrocio con Via Orofino sino al rondò (per l'intera carreggiata) e dopo il rondò per metà carreggiata. Vorrei ricordare che questi lavori sono a costo zero per il Comune di Casamassima, a seguito di una convenzione tra Comune stesso ed Enel, per le autorizzazioni rilasciate a quest'ultima al fine di effettuare lavori di scavo per l'interramento di cavi della linea di elettrificazione delle ferrovie Sudest.

Si convenne, nel pieno rispetto del regolamento comunale, che l'Enel, dopo aver effettuato i lavori di manomissione stradale, avesse l'obbligo di riasfaltare le strade interessate, cosa mai accaduta in passato. Alcuni lavori previsti in convenzione erano stati eseguiti, senza oneri per il Comune, con il rifacimento totale del manto stradale, su via Stazione, Piazzale d'ingresso della stazione ferroviaria, via Adelfia, parte di via Quasimodo, Vvia Taranto (mai asfaltata), via Pesce e via Orofino. Complessivamente, con le opere di questi giorni, più di due chilometri e mezzo di strade asfaltate senza spese per il Comune di Casamassima".

"Non capisco perché – ha fatto presente dal canto suo l'attuale assessore ai lavori pubblici, Anna Maria Latrofa – si debba dare tanta enfasi a degli interventi che sono stati eseguiti dall'Enel, come anche Palmieri precisa, nel rispetto di un apposito regolamento comunale. Guardando gli atti si evince che già nel 2014, il 28 luglio, l'allora responsabile del servizio tecnico del Comune, Donato Capacchione, ebbe un incontro con rappresentanti di ferrovie Sudest, il 17 novembre dello stesso anno, invece, fu il responsabile del servizio, Antonio Vendola, a incontrare rappresentanti di Enel specificando nel verbale di quella riunione che 'il Comune, in sede di autorizzazione" avrebbe "specificato la tempistica dei lavori, l'entità e la tipologia dei ripristini stradali'.

L'11 marzo 2015, responsabile del servizio Francesca Sorricaro, Enel fu autorizzata a effettuare i lavori di costruzione della linea in cavo sotterraneo per collegamento elettrico alla cabina ferrovie Sudest, con la disposizione di effettuare poi i ripristini sulle strade interessate. Il 26 febbraio 2015, il commissario straordinario Alfonso Magnatta adottò una modifica al regolamento sulla manomissione di strade e piazze a seguito di lavori, redatto dall'allora responsabile dell'ufficio tecnico Francesca Sorricaro, precisando che le arterie fino a quattro metri di larghezza soggette a interventi fossero riasfaltate interamente dall'ente esecutore, quelle più larghe di quattro metri, invece, per la parte di carreggiata manomessa.

In tutti gli atti, a meno che non ve ne siano altri che invito eventualmente a farmi presenti, non vedo dove sia il nome dell'ex assessore Andrea Palmieri e quali meriti possa quindi avere. Anche in considerazione del fatto che tutti gli atti sono antecedenti all'amministrazione Cessa. Non vedo quali meriti possa vantare il consigliere Palmieri, soprattutto in considerazione del fatto che vi è un regolamento precedente all'amministrazione Cessa che in quanto tale va rispettato, indipendentemente da quella che è la maggioranza alla guida di Casamassima. La loquacità politica che oggi esprime il consigliere Palmieri mi sorprende. Non capisco perché non l'abbia tirata fuori durante il suo mandato. Forse perché in cuor suo, al di là delle facili strumentalizzazioni, sapeva di aver dato vita a un'azione amministrativa deludente".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI