Mercoledì 12 Dicembre 2018
   
Text Size

La replica di Nitti all'ex sindaco Cessa

Giuseppe Nitti

ʺSe ha amministrato bene come dice, perché non si è ricandidato
provando a dare continuità al suo lavoro?ʺ


Non si è fatta attendere la replica del sindaco, Giuseppe Nitti, rivolta al suo predecessore, Vito Cessa, che era intervenuto su facebook in merito alla scuola Rodari.

"Caro Vito Cessa – ha ribattuto Nitti - leggendo il tuo post sulla scuola mi sono chiesto come mai tutta questa voglia di fare comizi tu non l’abbia espressa durante l’ultima campagna elettorale. Così i cittadini avrebbero potuto valutare il tuo operato e anche tu avresti preso coscienza del reale gradimento della tua precedente azione amministrativa.

Ti faccio soltanto presente che il tuo partito, il Partito democratico, dopo la tua esperienza da sindaco ha ottenuto soltanto poche centinaia di voti.

Il mio 'non parlerò adesso del passato' (il riferimento è al primo post sulla Rodari scritto da Nitti e poi contestato da Cessa, ndr) ha risposto a una finalità ben precisa: il mio post voleva soltanto condividere la mia felicità e quella della nostra amministrazione, ma soprattutto di tutta la comunità scolastica, per l’apertura della Rodari e la restituzione dell’istituto a studenti, genitori, dirigente, docenti e personale scolastico.

Se tu avessi letto con più serenità quanto da me scritto, e meno avidità nella corsa a prenderti i meriti circa la riapertura della scuola, avresti notato che io ho sottolineato di non voler 'parlare adesso (scritto interamente in maiuscolo da Nitti, ndr) dei disagi subiti in passato, né degli ostacoli che è stato necessario (sempre tutto maiuscolo, ndr) superare'. Non mi sembrava giusto distrarre l’attenzione dal fatto che i bimbi fossero tornati nella loro scuola, unica e sola cosa che conta, né mi è sembrato opportuno affrontare su facebook argomenti che hanno un loro luogo ‘sacro’ di discussione: l’aula del consiglio comunale. Lì, e tu lo sai bene, ho sempre portato avanti le mie ‘battaglie’, avendo come unico punto di riferimento Casamassima e i suoi cittadini.

Anche quando ho parlato di ostacoli, ho evidenziato che è stato necessario superarli, senza prendermi alcuna paternità: mi pare che l’italiano sia chiaro. Ho anche posto l’accento – questo lo rivendico con forza – sui meriti, indiscutibili, della nostra amministrazione, perché pensare di riaprire la Rodari a fine giugno era pura utopia.

Mi costringi, però, a bollare il tuo post artatamente incompleto. Per esempio – ha continuato il sindaco Nitti - hai dimenticato che l'intera comunità scolastica ha dovuto marciare in una manifestazione contro l'amministrazione da te guidata per farsi ascoltare. Hai dimenticato che hai commesso la follia di far partire i lavori poche settimane prima dall'avvio delle attività scolastiche. Hai dimenticato che sono stati bruciati circa 500.000 euro dal bilancio comunale e, questa, non è stata una scelta ma l'effetto di una cattiva programmazione. Hai dimenticato che i giovani studenti sono stati sballottati come fossero pacchi postali. Vedi, caro Vito? Appena insediati ci siamo messi subito a lavorare e a nessuno dei miei assessori appena nominati è venuto in mente di farsi un mese di vacanza in giro per il mondo, non mi risulta che nella tua gestione sia accaduto lo stesso.

Avrei voluto evitare questa analisi perché non mi piace guardare il passato, ma mi hai costretto ad elencare i danni cagionati alla nostra comunità dalla tua amministrazione. Però, su una cosa hai ragione: le persone e gli enti da ringraziare per essere riusciti a centrare l’obiettivo sono tanti: il giorno in cui inaugureremo la scuola (giovedì scorso, 20 settembre per chi legge, ndr) alla presenza della cittadinanza, dei genitori, le ringrazierò una per una. Perché sento di farlo e so quanto hanno lavorato, in silenzio, prima di arrivare alla riapertura del plesso Rodari. Per la discussione delle questioni politiche, mi sarebbe piaciuto confrontarmi direttamente con te in consiglio comunale. Ma tu hai fatto scelte diverse in campagna elettorale: scelte personali che in quanto tali meritano rispetto. Mi sorprende però il fatto che tu, dopo aver cambiato in meglio Casamassima - come sostieni – non abbia voluto provare a dare continuità alla tua 'eccellente' azione amministrativa, ricandidandoti.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI