Mercoledì 18 Luglio 2018
   
Text Size

Un consiglio comunale in rosa

consiglio casamassima 2018

Saranno 6 le donne in aula sia che al ballottaggio vinca Nitti, sia che si affermi Mirizio

Un consiglio comunale tinto di rosa. E' quello che siederà tra i banchi dell'aula consiliare di qui a breve, dopo il ballottaggio tra Giuseppe Nitti e Agostino Mirizio, in programma il 24 giugno prossimo. Che sia il primo a vincere, espressione di una coalizione civica, oppure il rappresentante del centrodestra, un dato è certo: nella prossima assise cittadina non mancherà una larga presenza femminile. Al netto di eventuali e a questo punto improbabili apparentamenti, infatti, le consigliere comunali saranno 6. E questo sia che la cittadinanza il 24 giugno scelga Nitti, sia che preferisca Mirizio.

Se ad affermarsi sarà il giovane avvocato con il suo progetto civico, in consiglio siederanno – tra i banchi della maggioranza – Anna Maria Latrofa e Maria Montanaro della lista Rivoltiamo Casamassima, Marida Lerede espressione di Giuseppe Nitti sindaco e Azzurra Acciani per Autonomia cittadina. Alle quali andrebbero ad aggiungersi, tra gli scranni della minoranza, Antonietta Spinelli del centrosinistra e Monica Portaccio di Forza Italia.

Se lo scrutinio dovesse invece sorridere a Mirizio, in consiglio siederebbero in maggioranza Etta Di Donna e Monica Portaccio di Forza Italia, Lucrezia Sansolino di Fratelli d'Italia e poi, all'opposizione, Anna Maria Latrofa di Rivoltiamo Casamassima, Azzurra Acciani di Autonomia cittadina, e Antonietta Spinelli del centrosinistra.

In un caso o nell'altro, dunque, sindaco a parte, 6 consiglieri comunali su 16 saranno donne.

Volendo fare, per pura curiosità, un confronto tra il mosaico consiliare definitivo che gli elettori disegneranno tra poco più di una settimana, e quello da loro composto in occasione dell'affermazione elettorale del centrosinistra nel 2015, emerge un aspetto: anche allora le donne in consiglio furono 6. Con l'amministrazione Cessa, infatti – facendo riferimento all'ultima squadra consiliare, quella rimasta in carica fino al 28 luglio scorso – a sedere tra i banchi erano state Anna Maria Latrofa, in minoranza, e Pasqua Borracci, Arianna Zizzo, Maria Giovanna Nero, Stefania Verna e Nica Ferri per la maggioranza.

Saltando ancora più a ritroso nel tempo, fino ad arrivare a settembre 2014 e al periodo conclusivo dell'amministrazione allora guidata da Mimmo Birardi, si può constatare che all'epoca l'unica donna in consiglio comunale, tra i banchi dell'opposizione, era Nica Lilli.

La parola, tornando ai giorni nostri, adesso spetta come sempre agli elettori. Ma un dato è certo: il prossimo consiglio comunale sarà largamente tinto di rosa.

GIANLUCA ZACCHEO

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI