Martedì 23 Ottobre 2018
   
Text Size

Presentazione delle liste: diverse rinuncie rispetto al 2015

comune di casamassima

Il dado è tratto. Certo, manca ancora la conferma ufficiale da parte della commissione elettorale, che nelle prossime ore dovrà convalidare le liste elettorali con i nomi dei candidati, ma – al momento in cui chiudiamo il nostro settimanale per consegnarlo alle stampe, proprio nel momento in cui partiti, movimenti e coalizioni stanno ultimando le pratiche per la consegna delle liste (la scadenza è fissata per sabato 12 maggio alle 12) – la consegna delle stesse è praticamente quasi del tutto ultimata.

Cinque, aspetto noto da tempo, saranno i candidati sindaci, che rispondono ai nomi di Antonello Caravella, Agostino Mirizio, Giuseppe Nitti, Lorenzo Ronghi e Antonietta Spinelli, mentre undici saranno le liste complessive, in base alle documentazioni presentate all'ufficio elettorale del Comune, così come fatto sapere dalle stesse espressioni politiche che concorreranno alla tornata elettorale del 10 e, in caso di ballottaggio, 24 giugno.

Scorrendo i nomi dei candidati, e facendo un confronto con quello che è stato l'ultimo arco consiliare, spiccano alcune assenze di profili che nel 2015 – anno in cui fu eletto sindaco Vito Cessa che al ballottaggio ebbe la meglio sulla coalizione guidata dal candidato primo cittadino, Vito Rodi – raccolsero ampi consensi che consentirono loro l'ingresso nella pubblica assise cittadina.

Tra questi, per esempio, emerge la scelta di non far parte della competizione del mese prossimo di Nica Ferri, pediatra nella sua vita professionale e presidente del consiglio comunale per gran parte dei due anni dell'amministrazione Cessa, che nella tarda primavera di tre anni fa raccolse ben 374 preferenze. Adesso ha preferito restare fuori dall'appuntamento con le prossime votazioni, così come fatto anche da Stefania Verna e Donato Fortunato, anche loro destinatari di larghi consensi alle ultime amministrative.

Osservando la composizione dell'ultima pubblica assise cittadina, ancora, si può notare il ritorno in campo di Rino Carelli e Piero Savino, oggi a supporto della candidatura di Agostino Mirizio, e di Gino Petroni, Vito Mazzei e Annamaria Latrofa, nelle liste che sostengono Giuseppe Nitti. Mariagrazia Palmieri invece, che scelse autonomamente di dimettersi quando era sindaco Cessa, per lasciar spazio a Vito Mazzei, non compare tra i prossimi candidati al consiglio comunale. C'è invece Antonello Caravella, in minoranza fino a luglio dello scorso anno, e oggi candidato sindaco del Movimento cinque stelle.

Pasqua Borracci, Giacinto Rella, Antonio Manzari, Maria Giovanna Nero e Raffaele Bellomo – in maggioranza con Cessa – hanno anche loro deciso di non partecipare all'imminente competizione elettorale, a differenza di Arianna Zizzo e Nicola Guerra – con quest'ultimo che a un certo punto prese il posto proprio di Raffaele Bellomo – oggi entrambi candidati con Nitti.

Della prima giunta Cessa invece, quella non tecnica, Antonietta Spinelli è candidato sindaco, Rocco Bagalà e Andrea Palmieri sono nelle liste a suo supporto, Francesca Barone, al pari dei suoi predecessori Francesco Cristofaro e Silvia Lioce, si sono autonomamente tirati fuori dalla contesa delle urne. Giuseppe Cristantielli invece, ex assessore ad ambiente e pubblica istruzione è candidato con Antonietta Spinelli.

Gianluca Zaccheo

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI