Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

Tariffe Tari e Museo Arte contadina

Donato Fortunato

 

Donato Fortunato, consigliere del Gruppo Misto presenta due interpellanze. La prima riguarda la tanto contestata bollettazione Tari, che è aumentata vertiginosamente a seguito dell'avvio del servizio di raccolta differenziata. Ciò che Donato Fortunato maggiormente contesta è che la Tari è stata calcolata dando per scontato che nell'abitazione interessata vi siano tre occupanti: «Si tratta di un calcolo iniquo e vessatorio nei confronti dei cittadini che già quest'anno si sono trovate a pagare una Tari altissima» - conclude la sua interpellanza Donato Fortunato che, rivolgendosi a Sindaco e assessori, chiede: «Intendete modificare il calcolo?».

A rispondere il Sindaco Vito Cessa, dal momento che l'assessore al ramo Tancorra è assente per motivi personali. Chiarisce Cessa: «È stato applicato quello che prevede il Regolamento, ma va perfezionato per molti aspetti. In questo caso è stato applicato alla lettera il Regolamento: sicuramente le bollette verranno riviste per consentire una bolletta che sia più equa e che tenga conto dei reali occupanti di una casa. Parliamo però di cifre e di differenze molto contenute, una decina di euro per bolletta circa. Tuttavia, per principio di equità, va comunque rivisto il Regolamento: non è giusto che magari chi vive solo paghi per tre persone».

La seconda interpellanza di Fortunato affronta il tema del museo di arte contadina, che da tempo era previsto e che consiste nella vasta collezione di attrezzi del mondo contadino di diverse epoche del signor Luigi Acito. Una mostra permanente da allestire previa concessione da parte dell'amministrazione di un adeguato locale comunale.

«Non possiamo al momento dare una sede stabile a quel museo, ma la volontà di farne una mostra temporanea c'è tutta, nei locali di Palazzo Monacelle» - replica l'assessore alla Cultura Giuseppe Cupertino.

Insoddisfatto, Fortunato sbotta: «Come al solito a Casamassima non diamo risalto alle nostre eccellenze».

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI