Mercoledì 19 Dicembre 2018
   
Text Size

L'Assessore di Turi… critica la differenziata di Casamassima

Palmisano, l'assessore della vicina Turi

 

Da quando durante lo scorso Consiglio Comunale di Turi, Antonello Palmisano, Assessore turese all'Ambiente, alla minoranza che lo interrogava sul perché non sono stati montati i cestini per le carte o le deiezioni canine sul territorio comunale, come previsto tra l'altro dal contratto di appalto dell'Aro Ba5, ha risposto che si voleva evitare che i passanti approfittassero di quei cestini per non fare la differenziata, è scoppiato un caso. I Consiglieri di opposizione a questo punto, hanno fatto notare come la stessa azienda che opera anche a Casamassima ha fatto montare i cestini gettacarte e non ha avuto nessun tipo di problema. Piuttosto infelice l'uscita dell'Assessore all'Ambiente turese Antonello Palmisano che ha risposto facendo intendere che, evidentemente a Casamassima, non si sono raggiunti i risultati eccellenti che si sono ottenuti a Turi. Ha asserito infatti: «Montando i cestini gettacarte come a Casamassima non avremmo ottenuto risultati eccellenti per la differenziata».

La risposta dell'Assessore ha peccato quantomeno di presunzione e di certo ignora o fa finta di ignorare che le percentuali di raccolta differenziata di Casamassima e di Turi sono molto vicine tra loro; a distaccare i due Comuni sono infatti meno di tre punti percentuali. Se a Casamassima la differenziata arriva a 75%, Turi è quasi al 78%. Và da sé che le affermazioni di Palmisano hanno fatto indispettire qualche Casamassimese (e facebook ne è come sempre la prova) perché, per dirla alla Fabrizio De Andrè, "una notizia un po' originale non ha bisogno di alcun giornale, come una freccia dall'arco scocca, vola veloce di bocca in bocca".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI