Mercoledì 19 Dicembre 2018
   
Text Size

Nica Ferri si dimetta

17796337_1502942273063782_4052080604584490445_n

 

Preparate il popcorn e sedetevi comodi: lunedì 10 aprile, alle ore 15:30 andrà in scena uno scoppiettante Consiglio comunale. E come quei popcorn che non scoppiano, può succedere di tutto, e anche di niente.

La trappola tesa dall’opposizione questa volta è stata micidiale e perfetta: la mozione di sfiducia per la Presidente Nica Ferri potrebbe mettere a nudo la risicata maggioranza.

E il sindaco Cessa, che come sempre avverte il pericolo ma non passa all’azione, si affanna a consultare strateghi e vecchi esperti della politica locale, per poi come sempre ignorarne i suggerimenti.

Cosa accadrà lunedì? A nostro avviso, se la dott.ssa Ferri volesse gestire in modo intelligente questa grana che incombe sulla maggioranza, dovrebbe dimettersi senza indugio, perché è stata sfiduciata dai consiglieri che nel 2015 l’hanno eletta alla carica di presidente del Consiglio comunale. Lei, che dovrebbe ricoprire un ruolo sopra le parti, senza conflitti, non ha più la fiducia di chi l’ha sostenuta. E non dovremmo neppure stare qui a discuterne. E invece… temporeggia.

Se non perdesse altro tempo potrebbe persino sperare di essere rieletta, continuando a tenere a galla una maggioranza che ansima con l’acqua alla gola. E comunque non perderebbe la carica di consigliere comunale.

Il passo del consigliere Giuseppe Nitti è un altro aspetto in questo momento politico difficile da prevedere; sappiamo chiaramente che nel 2015 non ha votato Nica Ferri presidente.

Sullo sfondo si consuma il dramma di un Partito Democratico agonizzante e ormai inesistente, dopo l’umiliazione del rimpasto i cui effetti potevano essere attenuati da dimissioni preventive del sindaco, che invece preferì perdere tempo, bruciando ogni possibilità di verifica e di mediazione.

E si consuma il dramma di un paese in trappola, proprio come la maggioranza; un paese sotto lo scacco di una cattiva gestione amministrativa.

Ci vediamo lunedì. 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI