Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

Crisi di maggioranza, Cessa pronto a rassegnare le dimissioni

Il Sindaco Cessa

 

Dopo la richiesta da parte della Lista Cessa di azzerrare la giunta, aprendo un tavolo di confronto tra le forze di maggioranza utile a trovare un nuovo equilibrio, il Sindaco Vito Cessa ha diramato un comunicato - che riportiamo di seguito -  in cui annuncia la piena disponibilità a rassegnare le dimissioni.

La "crisi di governo" si aprirà non appena si sarà concluso il tavolo tecnico in Prefettura, sollecitato dallo stesso primo cittadino, per confrontarsi con tutti gli Enti coinvolti nella risoluzione della "questione scuole".

“Da alcune settimane c'è uno stallo politico che rallenta l'azione del mio governo, proprio in un momento che richiede coesione ed impegno massimi. E' mia priorità far risedere intorno al tavolo di maggioranza tutte quelle forze politiche che hanno sostenuto la mia elezione, per verificare, con lealtà ed obiettività, la strada fin qui percorsa e capire se e come ripartire. E' necessario che ognuno, sindaco compreso, riconosca i propri eventuali errori, ma possa anche condividere proposte per rilanciare l'attività amministrativa: Casamassima ha bisogno di essere amministrata bene e per far ciò serve una maggioranza stabile, coesa e propositiva”. A parlare, alla luce degli sviluppi politici delle ultime ore, è il sindaco di Casamassima, Vito Cessa.

“E per ripartire – osserva ancora il primo cittadino - dobbiamo fermarci tutti, me compreso: è necessario che io azzeri la giunta e poi mi dimetta. Avrei voluto farlo già da un po', ma l'emergenza scuole mi ha obbligato, e ancora mi obbliga, a restare in prima linea, nel pieno esercizio delle mie funzioni.
Martedì scorso, a margine di un tavolo tecnico sul caporalato, ho informato sua Eccellenza il Prefetto delle difficoltà che stiamo incontrando rispetto alla questione scuole, raccogliendo la sua disponibilità a convocare gli Enti coinvolti; ieri, dopo la conferenza dei servizi alla città metropolitana, e come anticipato all'incontro con le scuole, ho inviato al Prefetto una richiesta formale, perché indica con urgenza questo tavolo tecnico.
Azzererò la giunta e rassegnerò le mie dimissioni un attimo dopo la conclusione di questo tavolo, un attimo dopo aver sottoscritto un verbale con tutti gli Enti preposti, alla presenza di sua Eccellenza il Prefetto.
Invito, quindi, tutte le forze politiche che hanno sostenuto la mia candidatura, e che ora siedono in consiglio comunale, ad un atteggiamento di responsabilità verso le scadenze amministrative che ci attendono, e ad essere pronte a sedersi al tavolo politico all'indomani dell'incontro in Prefettura al quale, ribadisco, faranno seguito l'immediato azzeramento della giunta e le mie dimissioni”.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI