Domenica 09 Dicembre 2018
   
Text Size

Raccolta differenziata rimandata a data da destinarsi

differenziata

8mpianti di compostaggio pieni. Regione ed ARO a lavoro per risolvere le criticità


La raccolta differenziata non parte. Almeno non per ora. Tutti i casamassimesi erano già pronti con i propri mastelli colorati, quando – senza un congruo preavviso – hanno dovuto ripiegare verso i vecchi cassonetti stradali. La motivazione ufficiale parla di difficoltà relative all’indisponibilità degli impianti di compostaggio pugliesi a ospitare la frazione organica e rimanda tutto a data da destinarsi. L'intoppo possiamo assolutamente capirlo e, di certo, non dipende dall'Amministrazione; tuttavia ciò che contestiamo è la mancanza di informazione. Fino al 31 ottobre, infatti, tutti i casamassimesi non ne sapevano niente e si aspettavano di dover cominciare a fare la differenziata il giorno dopo. Perché questo ritardo anche nelle comunicazioni?

A questo primo interrogativo, si aggiungono le perplessità che qualcuno avanza in merito all'iter di aggiudicazione e alle successive divisioni delle mansioni gestionali dell'appalto. Questioni complesse su cui proveremo a far chiarezza nei prossimi numeri. Per ora ci immedesimiamo nei cittadini quando chiediamo: Qual è il problema? Perché la differenziata non parte? Il problema è che si è spinto tanto per avere la differenziata nei Comuni dell'Aro 5 (Gioia del Colle, Acquaviva, Turi, Casamassima e Sammichele) e adesso... a poche settimane se non giorni dall'inizio previsto, come è accaduto a Casamassima, non si può fare più nulla, perché gli impianti di compostaggio sono saturi.

Mentre quello degli impianti di compostaggio pubblici sembra ancora un miraggio, gli impianti privati sono una decina in Puglia e dalle notizie che arrivano in Regione questi sarebbero pieni. Ci sarebbe – secondo il Direttore generale Aro – un'emergenza di impianti in tutta la Puglia. Il paradosso – fa sapere Santoiemma – è che la Regione ci impone di fare il porta a porta e poi si verificano questo tipo di problemi. Intanto il Presidente dell'Aro 5, nonché Sindaco di Gioia del Colle, Donato Lucilla, ha convocato un tavolo urgente per i prossimi giorni. La situazione, dicono, dovrebbe sbloccarsi entro qualche settimana.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI