Domenica 09 Agosto 2020
   
Text Size

L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE INCONTRA LA CITTADINANZA (1)

comune_conf. bilancio

PARTE PRIMA

Nell’ambito dell’operazione trasparenza, mercoledì 19 maggio presso le Officine Ufo, l’amministrazione comunale ha presentato alla cittadinanza il bilancio di previsione 2010; il sindaco e gli assessori si sono messi a disposizione dei cittadini per ricevere suggerimenti e rispondere alle critiche.

LA PARTECIPAZIONE POPOLARE - Una conferenza che sicuramente avrebbe avuto più successo se l’auditorium non fosse stato mezzo vuoto: conoscendo l’attitudine dei casamassimesi a lamentarsi e il corposo numero di associazioni presenti sul territorio, ci si aspettava una sala gremita di gente: e invece pare proprio che coloro ai quali stia davvero a cuore la possibilità di un confronto diretto con l’amministrazione per tentare di migliorare il paese, siano davvero pochi.

Vogliamo incolpare la pioggia? Una pessima scusante, dato che anche chi era presente ha affrontato la pioggia, pur di esserci. O per una volta vogliamo ammettere che spesso alle critiche non corrisponde una medesima voglia di mettersi in gioco? A Casamassima ci sono tante cose che non vanno e non è un mistero: ma se non ci facciamo avanti per farle notare, per chiedere spiegazioni o per avanzare proposte, allora forse prima di accusare, dovremmo interrogarci un po’ sul concetto di cittadinanza attiva.

L’assessore alle Politiche fiscali e finanziarie, Politiche dello sviluppo economico e Politiche comunitarie, Fabio Nanna, ha presentato il bilancio 2010 in termini comprensibili e senza cadere nei facili giochetti del linguaggio tecnico.

EMILIANO & C. - Gli aleatori progetti del governo sul federalismo fiscale hanno bloccato i comuni, che non possono ben programmare le loro manovre; inoltre il patto di stabilità impone di raggiungere un certo saldo, che però è definito da somme puramente algebriche che non tengono conto delle reali esigenze e possibilità dei comuni. Proprio per questo motivo, venerdì 21 il nostro sindaco sarà a Bari in piazza con altri sindaci di tutta la regione per protestare contro i vincoli imposti dal suddetto patto di stabilità.

IL BILANCIO - Le voci di spesa sono le stesse di cui abbiamo parlato negli articoli sul consiglio comunale del 30 aprile; un discorso più approfondito merita l’aumento del 20% sulla TARSU tassa sui rifiuti solido urbani.

Le nuove procedure sullo smaltimento dei rifiuti impongono un processo di biostabilizzazione dell’indifferenziato da effettuarsi presso il Centro compostaggio di Conversano: questo comporta una sovrattassa di circa 31,00 euro in più al quintale che graverà completamente sul portafoglio dei cittadini, in quanto il nuovo funzionamento a tariffa prevede che si paghi non più il comune, ma direttamente il gestore del servizio di smaltimento, mentre il comune non potrà più compartecipare alle spese.

ECOLOGIA E UTILITA' - Il lato positivo è che la gestione dovrebbe migliorare: Casamassima fa parte dell’ATO BA5 (Ambito Territoriale Ottimale) consorzio che doveva gestire il servizio di raccolta e occuparsi degli appalti. Purtroppo fino a poco tempo fa era davanti agli occhi di tutti il malfunzionamento dell’Ecologica pugliese, che poteva avvalersi di contratti poco seri e di controlli quasi inesistenti. Adesso che il progetto ATO è fallito e i comuni hanno ripreso il controllo, saranno loro a stipulare i nuovi appalti: come ha spiegato l’assessore all’Ambiente e alle Politiche energetiche e fonti alternative Sabino Verna, per Casamassima si prevede entro quest’anno l’arrivo della raccolta differenziata porta a porta per plastica, carta e vetro, per arrivare in un secondo tempo ai rifiuti organici.

Resta solo da augurarsi che all’aumento dei pagamenti, corrisponda un reale miglioramento del servizio.

Continua..

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.