Lunedì 10 Dicembre 2018
   
Text Size

Messa in sicurezza dei ponti Auchan: tutto ancora fermo

Gino Petroni


Il consigliere Gino Petroni sollecita la giunta a "darsi una mossa"


Gira che ti rigira, a Casamassima, i temi su cui confrontarsi in Consiglio comunale sono sempre più o meno gli stessi, da anni. Il fatto che le interpellanze spesso si assomiglino non è purtroppo imputabile alla scarsa creatività dei consiglieri ma all'evidente e stagnante situazione di immobilismo nella quale Casamassima sembra essersi impantanata.

Tema già discusso più volte in Consiglio è stato quello della messa in sicurezza dei ponti che collegano il paese con il centro commerciale, tristemente noti per essere già stato teatro di un incidente mortale. A riproporre nuovamente il problema è il consigliere Gino Petroni, che non usa mezzi termini: «Non vedo un reale impegno per risolvere la questione e perciò volevo stimolare l'intera giunta a darsi una mossa». Petroni, inoltre, chiede al Sindaco di relazionare su quale siano gli ostacoli legislativi alla messa in sicurezza dei ponti di Via Cellamae e Via Noicattaro.

Il Sindaco Cessa conviene con Petroni sull'urgenza della questione e risponde: «Si fa riferimento alle normative contenute nel Decreto Ministeriale del 14 gennaio 2008, dal titolo "Norme tecniche per le costruzioni". Su nostra richiesta è arrivata anche una relazione da parte dello studio tecnico che è stato incaricato dal centro commerciale Auchan di progettare l'adeguamento sismico. In questa relazione sono state addotte una serie di motivazioni per cui il progetto, così come da convenzione, non è fattibile. Occorre pertanto un progetto alternativo. Noi continuiamo a ribadire l'importanza e la necessità assoluta della messa in sicurezza dei ponti con la creazione di un passaggio pedonale; occorre, inoltre, un impianto di pubblica illuminazione e una pista ciclabile. Valuteremo cosa si può fare attraverso il nostro Ufficio Tecnico al fine di chiarirne la sostenibilità economica». In poche parole: nulla di fatto, anche in questo caso.

VALERIA MARANGI

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI