Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

Mensa scolastica, promossa all'unanimità dei voti

mensa scolastica


Una Commissione monitorerà la qualità di cibo e l'idoneità dei refettori
Approvato tra le polemiche anche il progetto 'Servizio Civico'


Oggetto di discussione durante l’aggiornamento del Consiglio di venerdì scorso, anche i progetti di “Servizio civico” e “Mensa scolastica”, promossi dall’Assessorato ai Servizi sociali guidato da Antonietta Spinelli.

In relazione alla mensa scolastica, l’assessore Spinelli rivela l’istituzione di una commissione che si pone come obiettivo quello di una gestione partecipata del servizio mensa. Per l’occasione, la commissione sarà formata da rappresentati dei genitori, dal responsabile del servizio mensa e dai rappresentanti dell’azienda aggiudicatrice di tale servizio. La suddetta commissione sarà in carica per 3 anni e avrà il compito di monitorare eventuali modifiche del menu, nonché le strutture e le modalità di somministrazione del cibo. L’intento e le modalità del progetto sono oggetto di elogi anche da parte dei consiglieri di minoranza, i quali esprimono voto unanime ai fini dell’approvazione consigliare.

Non sortisce lo stesso effetto il progetto inerente al Servizio Civico, il cui regolamento ha subito delle modifiche. La progettualità, come afferma la stessa Spinelli, «è da intendere come un percorso d’inclusione sociale volto non alla mera distribuzione di contributi assistenzialistici». Sulla stessa lunghezza d’onda del progetto “Clorofilla”, che ha visto il reclutamento di cittadini casamassimesi alle prese con il restyling del verde pubblico, il progetto “Servizio Civico” prevede l’erogazione di 150 euro mensili per un massimo di 4 mesi in cambio di attività lavorative. I beneficiari del progetto saranno tutti coloro che, attualmente, sono già monitorati dai Servizi Sociali e che rientrano nelle categorie di disagio. Tra queste, priorità verrà data soprattutto alle famiglie con minori o disabili a carico.

Il Consigliere Giuseppe Nitti, pur apprezzando l’intento del progetto, chiede che i contributi erogati, nel corso degli anni, possano crescere poiché davvero troppo esigui. L’assessore Spinelli a tal proposito afferma: «Questo è un anno di sperimentazione poiché Casamassima era ferma da un po’ di tempo a tal riguardo, ma cercheremo di adeguare la cifra nel corso del tempo».

ELEONORA MONTRONE

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI