Mercoledì 12 Dicembre 2018
   
Text Size

Consiglio comunale o telenovela?

L'assessore Giuseppe Cristantielli risponde alle interpellanze


Il caso Borracci, emergenza idrica e revisione dei conti, i temi clou di questo Consiglio comunale 'a puntate'

 

Politica noiosa? Non è di certo il caso di Casamassima e l’occasione per smentire tale affermazione ce la offre direttamente il Consiglio comunale del 23 maggio. Chi vorrà capirci qualcosa di più, dovrà aspettare la prossima puntata, andata in onda venerdì 27 maggio.

Lunedì scorso, presso la Sala Consigliare, l’assise casamassimese si è riunita per discutere di alcune questioni per così dire “scottanti”. All’ordine del giorno le interpellanze circa l’inquinamento del lago Pertusillo; gli stipendi degli operatori dell’Ecologica Pugliese; servizi igienici dell’area mercatale; insofferenza dei dipendenti dell’Ufficio tecnico; emergenza idrica; sicurezza e bullismo; rendiconto del 2015 e “l’affaire Borracci”.

Prima di dare inizio al Consiglio, Rino Carelli onora il ricordo della strage di Capaci, dove persero la vita Giovanni Falcone e la sua scorta. Si osserva un minuto di silenzio e poi si aprono le danze.

La prima interpellanza è quella del consigliere Giuseppe Nitti che chiede delucidazioni al Sindaco Cessa in merito ai mancati pagamenti da parte dell’Ecologica Pugliese, che espleta il servizio di igiene urbana nel nostro paese, ai suoi dipendenti. A riguardo, Cessa riferisce che il Comune di Casamassima ha erogato una somma pari a 22mila euro, pagando una parte del canone complessivo e che gli stipendi dei dipendenti sono stati pagati.

Il consigliere Antonello Caravella legge l'interpellanza su violenza e bullismo

È la volta di Antonello Caravella che interroga l’Amministrazione sul problema della esiguità e inefficienza dei servizi igienici nell’area mercatale del nostro paese. Il consigliere pentastellato asserisce che il numero di bagni pubblici presenti non è adeguato rispetto alle esigenze dell’utenza e chiede che vengano fornite informazioni circa le competenze di pulizia e apertura dei servizi. A tal proposito intervene il Vicesindaco Andrea Palmieri: «Ci è stato segnalato che i servizi igienici, in quell’area, non sono accessibili e soprattutto bisogna operare degli interventi affinchè essi siano fruibili sia dagli esercenti sia dai cittadini». I bagni pubblici situati in via Baden Powel attualmente sono due e in origine erano stati concepiti in modo tale che uno fosse utilizzato dagli esercenti e uno dagli utenti. A quanto riferito da Palmieri proprio gli stessi esercenti erano in possesso delle chiavi ed erano affidatari del compito di aprire i servizi. Palmieri promette di far sì che il problema si risolva nel più breve tempo possibile e, poiché è stato già ripristinato il lucchetto di sicurezza. «mi impegnerò affinché si possano operare degli interventi che favoriscano l’utilizzo dei servizi igienici anche per le persone diversamente abili».

Caravella interpella poi il Sindaco sulla “questione sicurezza” a Casamassima. Tuttavia, nonostante continuino imperterrite ad arrivare numerose denunce di casamassimesi derubati, rapinati o vittime di bullismo, il Sindaco riferisce di un netto calo di rapine e furti. Un fenomeno in via di risoluzione a quanto pare. Le statistiche sono fornite al Sindaco dal Comandante dei Vigili Urbani, Ivano Eramo. Meno furti e rapine dunque, dovuti anche all’aumento di arresti grazie anche al maggior presidio delle forze dell’ordine nel nostro paese.

La parola passa poi al consigliere Anna Maria Latrofa la quale espone le problematiche denunciate dai dipendenti dell’Ufficio Tecnico. La consigliera riporta le lamentele del personale comunale, il quale da qualche tempo manifesta uno stato lavorativo di disagio. A detta dei dipendenti, oltre al carico di lavoro oneroso, a rendere la situazione ancora più gravosa è la mancanza di una direzione stabile da parte dell’Amministrazione stessa. A rispondere è nuovamente il Vicesindaco Palmieri che riconosce la precarietà della situazione e commenta: «Vi è un’ovvia necessità di incrementare l’organico, sia per quanto riguarda il settore dell’edilizia privata sia per il settore che ricade nelle mie competenze assessorili [urbanistica, ndr], e di dare una stabilità maggiore all’Ufficio Tecnico».

Il consigliere Giuseppe Nitti interpella il Sindaco sull'emergenza idrica

All’ordine del giorno anche l’interrogazione del consigliere Nitti che, a seguito della firma del Patto d’intesa che vedrà Casamassima possibile beneficiaria di alcuni fondi destinata ai 41 comuni della Città Metropolitana, domanda al Sindaco in quale modo Casamassima potrà trarne beneficio. Cessa replica affermando che verranno ideati alcuni progetti inerenti a vari settori. In tal senso il primo cittadino ribadisce la volontà di valorizzare, attraverso le progettualità che verranno proposte, il nostro paese e di stimolare l’innovazione sociale. Casamassima quindi si inserirà in una serie di progetti che, per poter usufruire dei fondi, dovranno produrre spesa entro il 2017 e di conseguenza essere cantierizzati il più presto possibile. Obiettivi finali saranno la creazione di una pista ciclabile che colleghi il centro urbano alla zona residenziale Barialto; l'incremento del sistema di videosorveglianza del paese e l'inserimento nel progetto Porta Futuro (progetto d’inclusione sociale e d’inserimento lavorativo) oltre al progetto che si pone come finalità quella di valorizzare la lama San Giorgio.

Il clima inizia a surriscaldarsi in occasione dell’interpellanza sulla legittimità del ruolo consiliare di Pasqua Borracci. Ma di questo parleremo tra poco. Il colpo di scena però è in agguato. Si continuano i lavori affrontando la rendicontazione del 2015. Il Sindaco passa in rassegna le numerose attività svolte dalla sua Amministrazione, ma a quanto pare nel documento contabile, alla voce “residui attivi”, non comparirebbero i crediti che il nostro Comune vanta nei confronti del Palestrone. La Presidente Nica Ferri opta per un aggiornamento in data 27 maggio. L’opposizione chiede più tempo ma invano. Risultato? Tutti i consiglieri di minoranza lasciano l’aula in segno di protesta. 

ELEONORA MONTRONE

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI