Lunedì 10 Dicembre 2018
   
Text Size

La destra casamassimese 'burattino' nelle mani dei Cinque Stelle?

Adriano Bizzoco


Bizzoco ironizza sulle dinamiche innescate dalla mozione di sfiducia e ne contesta le motivazioni

La mozione di sfiducia proposta dai consiglieri di opposizione Caravella, Carelli, Latrofa, Palmieri Mariagrazia, Petroni e Rodi, ha gettato nello scompiglio la politica locale. In barba a quanti ritenevano “illegittimo” il documento protocollato da Caravella qualche settimana fa, il consigliere del Movimento Cinque Stelle di Casamassima è passato all’azione e - grazie all'appoggio dell'opposizione - ha reso legittima la mozione di sfiducia.

L’amministrazione Cessa dunque non gode più, o forse non ne ha mai goduto, della fiducia dei suoi “antagonisti”, che accusano il Sindaco di non tenere in considerazione le proposte avanzate dall’opposizione nel corso di questi primi nove mesi di mandato. Sulla spinosa questione è intervenuto, il Segretario del Circolo Pd di Casamassima, Adriano Bizzoco con un post Facebook a dir poco eloquente. Bizzoco ricusa quanto scritto nella mozione di sfiducia circa l’allontanamento di massa dei cittadini dalla politica partecipata, facendo riferimento alla decantata riuscita fallimentare dei Cantieri di Cittadinanza da parte dell’opposizione.

A tal proposito Bizzoco afferma: «Io non so dove questi signori vivano, ma evidentemente non si sono resi conto che da quel Cantiere sono nate tre diverse esperienze al 100% politiche e partecipative: un movimento politico strutturato che ha consiglieri comunali e assessore di riferimento; il nuovo gruppo dei Gd Casamassima - Pier Paolo Pasolini animato dai giovani più attivi del Cantiere; e naturalmente il proseguimento del Cantiere stesso, che continua a riunirsi e a produrre dibattiti sulle problematiche di Casamassima, sebbene non più in quei locali per ragioni di mera sostenibilità economica. Quindi o gli amici consiglieri di minoranza non si sono resi conto di cosa è effettivamente avvenuto (un errore di poco conto, sebbene sia stato usato come premessa per una mozione di sfiducia), oppure adottano come metro di giudizio l'apertura e la chiusura delle sedi per valutare la consistenza politica dei soggetti in campo. Nel qual caso, volendo usare la stessa logica, potremmo ugualmente affermare che Autonomia Cittadina o Movimento Schittulli sono progetti politici falliti perché hanno chiuso le rispettive sedi immediatamente dopo la campagna elettorale. Un'assurdità, com'è evidente».

Ancora più taglienti diventano i toni del segretario PD circa le accuse mosse contro l’Amministrazione Cessa per quanto concerne la messa in sicurezza dei ponti che collegano il nostro paese al Parco Commerciale Auchan. Bizzoco si stupisce di come una tale responsabilità venga ascritta a Cessa e, posto che vi è un iter burocratico che richiede dei tempi tecnici, ribatte: «Tenuto conto che è precisa volontà del Sindaco e di questa maggioranza procedere con la messa in sicurezza, la cosa che lascia davvero interdetti è che a scrivere e firmare queste cose sono esponenti della precedente Amministrazione, la stessa che indisse un Consiglio comunale monotematico al solo scopo di modificare la convenzione in oggetto ed ELIMINARE la messa in sicurezza dei ponti Auchan, perché - ricordo ancora le parole di autorevoli esponenti della destra casamassimese in quell'assise - considerati un favore al centro commerciale, mentre i cittadini dovevano limitarsi a prendere l'auto per raggiungerlo. Oggi dunque scopriamo che quella stessa gente che votò a favore dell'ELIMINAZIONE della messa in sicurezza dei ponti Auchan, adesso utilizza lo stesso argomento AL CONTRARIO per attaccare Vito Cessa e sfiduciarlo. Capite bene che stiamo parlando di una contraddizione e di una ipocrisia di dimensioni ciclopiche».

Un ultimo pensiero, ironico ma sferzante, è rivolto alla destra casamassimese che, a quanto afferma Bizzoco, «ha deciso di abdicare al proprio ruolo politico presente e futuro a Casamassima in favore del M5S. E l’ha fatto in due modi molto significativi. Innanzitutto ha deciso di togliere gli amici grillini dall'imbarazzo della figuraccia fatta con la precedente pseudo-mozione priva di firme, consentendo loro di ripresentarla con le firme di tutti, ma soprattutto ha legittimato un’iniziativa politica (potenzialmente fallimentare) targata Movimento 5 Stelle, a totale guida grillina sia per quanto riguarda la tempistica che le modalità, mettendosi a ruota e dunque cedendo al M5S la leadership del campo avverso al centrosinistra. Ammetto di essere rimasto sorpreso da come la destra casamassimese abbia, con tanta facilità, deciso di riconoscere l'assoluto primato politico del M5S. Chiaramente d'ora in avanti sarà più chiaro leggere le dinamiche della minoranza, sapendo chi detta i tempi e i temi dell'agenda politica da quella parte».

ELEONORA MONTRONE

Commenti  

 
#3 Lettore 2016-04-10 11:59
Ma questo giovane ed aitante segretario non farebbe meglio a guardare i burattini e gli spettacoli che stiamo vedendo dopo appena un anno di amministrazione della sua coalizione.
Ma roba da matti!!!!!!
 
 
#2 jovanotti 2016-04-10 01:14
Mè non si dice così alla persona
 
 
#1 Playstation 2016-04-08 22:16
Caro Bizzoco,
Evidentemente la tua esperienza video ludica ti porta a vivere una realtà distorta: non c'è manipolazione, ma solo collaborazione tra forze politiche di opposizione, prima molto distanti, ma che la vostra/tua conclamata incapacità e' riuscita a far convergere con un unico fine:mandarvi a casa !
Va considerato il danno che la tua gestione sta perpetrando agli elettori del PD rappresentati da un ragazzino/segretario arrogante che da segretario/candidato non è' riuscito neanche a farsi eleggere, nonostante il premio di maggioranza per la vittoria elettorale, e che oggi sta sfaldando la coalizione. Sai che la politica reale non è quella di House of Cards. ? No vero ? Non te ne sei accorto, beh continua a vivere nel "tuo" mondo, ma lascia stare Casamassima, non ti appartiene.
Un elettore PD (vecchia scuola, la nuova da te rappresentata mi fa schifo)
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI