Mercoledì 19 Dicembre 2018
   
Text Size

Via Don Minzoni e la sospensione dei lavori

L'attuale condizione di via Don Minzoni


Cessa e Palmieri: "Lavori non eseguiti a regola d'arte"

Un'altra questione che sta facendo discutere e che potremmo tranquillamente annoverare nella top ten della settimana è quella relativa alla sospensione dei lavori in Via Don Minzoni. Come noto, le opere di rifacimento del manto stradale sono state bloccate a seguito di una contestazione del Comune alle procedure applicate dall'Acquedotto Pugliese. Abbiamo sentito in merito alla vicenda sia il Sindaco Vito Cessa che il Vicesindaco Andrea Palmieri.

Cessa esordisce facendo un discorso più generale sulla problematica della manutenzione delle strade e sulle azioni che l'Amministrazione sta ponendo in essere per rimediare ad una situazione "storica" di Casamassima. «Sulla questione delle strade - asserisce il primo cittadino - noi abbiamo già predisposto un intervento su via Turi che dovrebbe partire la settimana prossima. Sarà la prima strada che noi asfalteremo con soldi nostri. A Casamassima ci sono molte buche che noi andremo a riempire. Abbiamo invitato sette o otto ditte che però non hanno risposto, per cui nessuno ha per ora accettato l'invito. Proprio nell'ottica della legalità abbiamo fatto una manifestazione di interesse ed ora attendiamo i tempi tecnici per raccogliere le adesioni delle aziende interessate». Sempre su via Turi, Andrea Palmieri aggiunge che «ci saranno dalla prossima settimana anche lavori di rifacimento della segnaletica stradale orizzontale e verticale (paesaggi pedonali, parcheggi sulle vie principali presso cimitero e area mercatale, sostituzione e risistemazione segnali). Nel prossimo bilancio ci saranno 800mila euro di mutuo per il rifacimento strade comunali».

Venendo a via Don Minzoni, spiega Vito Cessa: «Per quanto riguarda Via Don Minzoni, si tratta di un intervento che è stato fatto dall'Acquedotto Pugliese ma sul quale stiamo facendo un lavoro di controllo affinché i lavori vengano eseguiti ad arte. Se c'è stato un arresto in questi giorni è perché noi abbiamo segnalato quelle che erano, a nostro avviso, delle irregolarità e abbiamo preteso che l'Acquedotto procedesse in maniera esemplare». Quanto alle irregolarità riscontrate, spiega il Sindaco che «la scarificatura non ci è sembrata fatta "ad arte" e anche l'asfalto steso sul manto stradale riteniamo che non sia stato fatto bene. Venerdì abbiamo un incontro tecnico con l'Acquedotto e con la ditta che sta facendo i lavori di ripristino per fare un ulteriore punto della situazione, affinché i lavori procedano in maniera spedita».

Sulla questione abbiamo sentito anche l'Assessore ai lavori Pubblici e Vicesindaco Andrea Palmieri: «Lunedì scorso abbiamo effettuato un nuovo sopralluogo dopo le forti piogge che ci sono state. Abbiamo deciso di convocare per venerdì prossimo, 18 marzo, l' AQP e la ditta che si sta occupando dei lavori; procederemo poi a un ulteriore verifica dello stato dei luoghi. Questo incontro servirà anche per esprimere i nostri dubbi riguardo allo svolgimento dei lavori che, a nostro parere, non sono stati effettuati fin ora a regola d'arte. Durante questo tavolo tecnico concorderemo anche sulle modalità dei lavori, ossia su come questi lavori procederanno da lunedì 22 marzo in poi».

Palmieri e Cessa ci confermano dunque che per ora non ci sono novità ma che da venerdì la situazione probabilmente si sbloccherà ed i lavori, cominciati in maniera, a sentire il Sindaco e il Vicesindaco, un po' "raffazzonata" procederanno seguendo tutta un'altra linea.

VALERIA MARANGI
foto Amo Casamassima

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI