Mercoledì 12 Dicembre 2018
   
Text Size

Continua la telenovela "Mozione di sfiducia"

Il post di Saliani


I commenti di Bizzoco e Saliani

La questione, chiacchieratissima, della mozione di sfiducia nei confronti del Sindaco da parte dei Cinque Stella non sembra placarsi. E mentre si aspetta il raggiungimento del quorum, continuano a levarsi voci in difesa di una o dell'altra parte. Ironico e sferzante, il segretario del Pd, Adriano Bizzoco parla di autogol a cinque stelle, commentando anche il documento che Pietro Lorè, segretario Comunale, ha redatto nella speranza di fare chiarezza sulla vicenda (che noi abbiamo ampiamente illustrato nello scorso numero: si tratta di un atto valido ma non propriamente di una mozione di sfiducia qualora non si raggiungerà il quorum).

Scrive Bizzoco in difesa dell'Amministrazione, non risparmiando sul sarcasmo e accusando i Cinque Stelle di "gaffe": «Per la serie ‪ autogol a 5 stelle‬, il Movimento 5 Stelle di Casamassima pubblica una foto per dimostrare come il segretario comunale abbia confermato la bontà della loro mozione di sfiducia al sindaco Vito Cessa. Fanno finta di non leggere (o forse è proprio un problema di comprensione del testo), che già dalla seconda frase e poi più sotto, il segretario comunale scrive chiaramente che quella depositata non è una mozione di sfiducia perché priva dei requisiti previsti per legge. In pratica spiega loro che hanno depositato un foglio su cui c'è scritto qualcosa, come chiunque può fare, ma quel foglio non produce alcun effetto, né tantomeno si può definire una mozione di sfiducia. Ora due sono i casi. O i nostri amici grillini casamassimesi hanno mentito quando hanno sbandierato ai quattro venti di aver fatto una mozione di sfiducia al Sindaco, sapendo di non avere le carte in regola. Oppure i nostri amici grillini casamassimesi hanno voluto fare il passo più lungo della gamba, sperando di ottenere un qualche ritorno di visibilità politica, e commettendo invece una gaffe. In ogni caso, nel dubbio io domani mattina vado a protocollare in comune una mozione di sfiducia contro il Primo Ministro dell'India perché ancora non ci restituiscono i ‪marò‬. E poi chiedo al segretario comunale cosa ne pensa».

Puntuale arriva il commento di Maurizio Saliani: «Succede solo a Casamassima che un sindaco, un segretario di partito, una addetta stampa e una carta, sempre più stampata, rilascino e trascrivano dichiarazioni circa la presunta “illegittimità” di una mozione di sfiducia presentata da una forza politica (M5S) presente in Consiglio Comunale. Succede solo a Casamassima che attraverso sms, così raccontano le cronache, l’informazione corra veloce di bocca in bocca, senza che si abbia la volontà di verificare se quanto si afferma abbia o meno un riscontro con la realtà. È bastata la lettera scritta dal Segretario Comunale dott. Pietro Lorè per dissipare i dubbi di qualcuno. Credete che qualcuno affrettatosi per tempo a comunicare e dare risalto a quanto interpretato dal sindaco, dalla sua addetta stampa e dal segretario di partito abbia voglia di dedicare lo stesso spazio e la stessa enfasi a quanto chiarito con la lettera del Segretario Comunale? Succede solo a Casamassima. A proposito di quel che succede a Casamassima: quando le dichiarazioni del sindaco sulla crisi che attanaglia la sua di Amministrazione?».

Insomma la questione continua a scaldare gli animi e a provocare malumori. E se invece si smettesse di parlare e si aspettasse un'effettiva evoluzione dei fatti? Ma no, non sarebbe Casamassima.

VALERIA MARANGI
Foto M. Saliani

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI