Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

Il baritono Pietro Barbieri canta le sue lodi

Pietro Barbieri riceve il Premio per la categoria Arte-Spettacolo


Personaggio casamassimese 2015 – categoria Arte-Spettacolo

Pietro Barbieri è stato proclamato lo scorso 5 febbraio “Personaggio casamassimese 2015 – categoria arte-spettacolo” con la seguente motivazione: "Una voce che canta Casamassima in loco e nel mondo. Per gli alti e lontani traguardi raggiunti quest’anno, per il notevole impegno pedagogico e per il desiderio di contribuire alla crescita musicale del nostro paese".

Una più che degna conclusione per il nostro baritono Barbieri che nel 2015 ha coronato una serie di sogni cantando su prestigiosi e semplici palchi da Casamassima all’altra parte del pianeta e costituendo l’associazione musicale “La vita è un inno, cantalo”. L’abbiamo incontrato per fargli i nostri personali auguri.

«Alla mia premiazione sono seguiti centinaia di congratulazioni da parte di amici, conoscenti ed estranei. Un augurio che davvero non mi aspettavo mi è giunto da una signora che ritengo speciale, la mamma del nostro caro concittadino Antonio Busto, scomparso prematuramente. La signora Busto mi aveva chiesto l’amicizia su facebook appena qualche giorno prima e dopo la premiazione ci ha tenuto a ringraziarmi per quello che faccio e dò al mio paese. Mi sono commosso. Non credo di essere né il primo né l’ultimo che si spende a favore della musica in paese. Ci sono tanti musicisti validissimi e credo che negli ultimi tempi si stia facendo anche molto fra iniziative, eventi e riconoscimenti. Trovo lodevole l’impegno di tanti cittadini e associazioni, ma certo c’è ancora lavoro da fare nella promozione dei talenti».

L’anno passato ha regalato a Barbieri come cantante l’opportunità di debuttare in diversi ruoli operistici, dalla “Madama Butterfly” di Puccini nel festival “La Lirica a Noicattaro” fino ad arrivare in Giappone dove ha cantato nell’opera “I Pagliacci” di Leoncavallo, passando per Conversano, Bari, Ostuni e molti altri palchi.

«Quella in Giappone è stata un’esperienza indimenticabile. Mi ha stupito molto la loro cultura, ma soprattutto la loro riverenza verso l’Opera Italiana e verso noi italiani. Ora sto preparando il concerto il prossimo 3 marzo alla Sala Imperial “Grazie perché …”, sarà dedicato a tutte quelle persone che hanno sempre creduto in me e che mi hanno sostenuto nel ricevere ben due premi: il ‘Premio Casamassima’ da parte dell’associazione Amo Casamassima e il ‘Personaggio’ appunto. Inoltre sto preparando alcuni concerti con varie orchestre, fra cui quella della Città metropolitana, e debutterò nel ruolo di Marullo per il “Rigoletto” di Verdi per il prossimo festival nojano, appuntamento immancabile per me».

Ma le maggiori energie ed entusiasmo di Pietro Barbieri sono indirizzati nel suo impegno pedagogico verso i numerosi sui allievi, giovani e meno giovani, che forma come insegnante di canto. «Il mio lavoro di insegnante lo svolgo con tanta passione e umiltà. Ho iniziato una nuova avventura nel XVI Circolo didattico di Ceglie – Carbonara, che si aggiunge a quella che svolgo ormai da diversi anni presso la scuola primaria e dell’infanzia di Adelfia. Da due anni collaboro con la Scuola di danza “Scarpette Rosa” di Casamassima e da tanto tempo collaboro con l’Unitre e con la mia prima maestra, la signorina Ermelinda. Ho infine chiuso l’anno in bellezza con la nascita della nuova associazione musicale casamassimese nella quale ricopro la carica di

Direttore artistico. Il nostro desiderio è quello di cantare, divertirci, trasmettere messaggi ai cuori di chi ci ascolta e formare un Coro polifonico che vada a rispolverare composizioni di autori pugliesi. Stiamo preparando un concerto a Casamassima per Pasqua con la parrocchia Santa Croce dal titolo ‘Cristo ieri, oggi e sempre!’ e il musical ‘Forza Venite Gente’ sulla vita di San Francesco. Il prossimo 7 maggio lo portiamo alla Cattedrale di Giovinazzo, mentre il 27 maggio saremo a Bitetto in una struttura che monteranno per l’estate con alcune centinaia di posti a sedere. Del coro, composto da persone semplici e affiatate, fanno parte alcune persone che prima cantavano solo in casa, magari la domenica mentre si prepara il ragù. Tutti possono avvicinarsi al canto ed è stupendo incontrarsi la sera, dopo una giornata di lavoro e mille attività e divertirsi per un paio di ore dedicandosi alla musica. In associazione siamo tutti motivati dall’amore per il canto e per il nostro paese».

Chiediamo a Pietro qual è il consiglio che dà più spesso ai suoi giovani allievi. «Crederci, crederci e crederci. È una strada in salita, piena di buche e curve, ma non è impossibile. Io credo molto nelle parole di Alfieri ‘volli, sempre volli, fortissimamente volli’».

Chiediamo a Barbieri se crede esista un orgoglio casamassimese e cosa si potrebbe fare per ‘gonfiarlo’. «Io sono orgoglioso di essere casamassimese, infatti sono sempre qui anche se vivo ad Adelfia e anche mia moglie, che è adelfiese, lavora a Casamassima e preferisce stare qui. Credo che nel costruire un orgoglio casamassimese molto possano fare le associazioni e le istituzioni che dovrebbero sostenere le prime in tutto e per tutto. Trovo che quest’Amministrazione sia abbastanza attenta alla cultura e al mondo delle associazioni. Bisogna lavorare insieme, eliminare il pessimismo, l’invidia e anche l’eccessiva tendenza alle critiche. Dovremmo essere più incoraggianti e formare una squadra di ‘capetoste’ che vogliano costruire creando stimoli e coinvolgendo gli altri. Don Sante ha sempre pensato che Casamassima meritasse di più e dobbiamo convincercene anche noi».

Con sempre maggior stima ed affetto nei suoi confronti, chiudiamo l’intervista a Pietro chiedendogli per chi tifasse a Sanremo. «Non seguo Sanremo perché mi sembra indecoroso che ogni discesa da quella scala costi così tante migliaia di euro agli italiani, sono schiaffi alla povertà e non lo accetto né come uomo, né tantomeno come artista. Ho sentito però le canzoni in radio e le trovo tutte molto valide, soprattutto quella di Arisa che è una cantante che assegno spesso alle mie allieve».

LUNA PASTORE

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI