Martedì 18 Dicembre 2018
   
Text Size

Questione depuratore: tutto ancora fermo

Francesco Matarrese


Matarrese (SEL) denuncia lo stallo che dura da oltre quattro anni

Casamassima, tutto tace sulla questione del depuratore di Lama San Giorgio e la cittadina del nord Barese continua a non utilizzare il depuratore che ormai è fermo da oltre quattro anni. A confermarci lo stallo della situazione è Francesco Matarrese, segretario della sezione locale di SEL, senza mascherare il malcontento che lo accomuna ai suoi concittadini.

L’amministrazione di Casamassima è riuscita a incontrare i vertici dell’Aqp in merito?
“No, abbiamo cercato di contattare sia Aqp che Regione ma non abbiamo avuto risposte. Qui è tutto fermo e pagheremo una multa molto pesante. Si pensa alla Pentolaccia e al Carnevale ma non si pensa alle emergenze purtroppo e a parte noi qua sembra tutto fermo. Abbiamo anche provato a contattare l’assessore Giannini, ma niente. La situazione ormai è incancrenita, faremo un sopralluogo ispettivo ma vedo che, tranne noi, tutti gli altri dormono in un paese in cui non funziona niente. Eppure il depuratore è un bene comune a cui tutti dovrebbero essere interessati. Qui non è un problema di colore o di partiti, dovrebbe essere una priorità per tutta la cittadinanza di Casamassima. Sembra che il paese abbia deciso di fare gli interessi di Rutigliano e non di Casamassima”.

Come intendete andare avanti ora?
“Siamo uniti e ci stiamo organizzando. Personalmente ho chiesto la collaborazione dell’ingegner Antonicelli, dopo vedremo: se ci sono da fare denunce o esposti si faranno. Non è assolutamente possibile che un depuratore funzionante non debba lavorare e i cittadini debbano continuare a pagare una tassa sulla depurazione per una depurazione che non c’è. Questo secondo me si chiama furto”.

Claudio Cisternino

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI