Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

Il depuratore c'è... ma non si usa!

Casamassima-Il depuratore c'è... ma non si usa!-Francesco Matarrese2

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

Lo sfogo di Francesco Matarrese: "Siamo nella più completa illegalità"

 

A Casamassima, lo sappiamo, ci sono questioni aperte da tempo che non riescono ad avviarsi a soluzione. Potremmo citarne mille a tal proposito, ma ci limitiamo a ricordarne una: quella del depuratore finora mai utilizzato. I residenti di Via Taranto continuano giustamente a lamentare i disagi creati da tale situazione, dal momento che da anni sono in attesa - assolutamente invano - che venga sistemata la rete fognaria e che l'acqua venga finalmente convogliata in Lama Cupa a Casamassima.

"Paladino" di questa battaglia, sin ora senza lieto fine, si è fatto il segretario di Sel Francesco Matarrese che si sfoga a tal proposito ai nostri taccuini: «Qualche giorno fa abbiamo avuto un incontro per fare insieme il punto della situazione con i rappresentanti dell'Amministrazione Comunale. Quello che volevamo capire è quando cominceranno questi famosi lavori di sversamento. Abbiamo deciso di rincontrarci a gennaio, organizzando un nuovo incontro e di far partecipare, questa volta, oltre all'assessore regionale Giovanni Giannini anche qualche rappresentante dell'Acquedotto Pugliese». Matarrese non nasconde il suo rammarico per la situazione attuale e sostiene: «È inaccettabile continuare a pagare tasse salatissime e rimanere in una situazione di assoluta illegalità quando abbiamo un depuratore funzionante. Il depuratore funziona, allora perché i lavori non partono?».

Il segretario di Sel vuol vederci chiaro e annuncia: «Nelle vacanze di Natale ho intenzione di fare un sopralluogo in quelle zone per verificare lo stato dei luoghi. Perché in Lama Cupa non può essere sversata un po' di acqua depurata? È innaturale! Devo forse dare credito alle voci che parlano del divieto di sversare in Lama Cupa per tutelare gli interessi di chi in quella Lama ha costruito ville e vigneti? Perché l'acqua non può andare a finire lì? È inconcepibile».

La questione fornisce l'occasione a Matarrese per fare una riflessione e allo stesso tempo un appello: «Occorrerebbe che ci fosse maggiore interesse da parte della cittadinanza. Sento le persone lamentarsi continuamente di una determinata situazione, ma poi quando sono chiamati a fare qualcosa di concreto si tirano indietro. Vorrei approfittare per invitare pubblicamente la cittadinanza a interessarsi maggiormente delle questioni che la riguardano da vicino, diventando più propositivi e non solo attraverso le associazioni ma anche come singoli cittadini». Un appello, quello di Matarrese, che non possiamo non condividere appieno. Seguiremo pertanto da vicino i risvolti della vicenda.

VALERIA MARANGI

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI