Mercoledì 19 Dicembre 2018
   
Text Size

Centro polivalente per minori

Casamassima-centri polivalenti generica

 

 

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

L'assessore Spinelli spiega l'importanza del progetto per la comunità di Casamassima

 

Approfittiamo della disponibilità e della chiarezza dell'Assessore Antonietta Spinelli per chiederle qualche delucidazione circa il bando per il centro polivalente per i minori, in particolare i punti salienti del bando e le ricadute che l'apertura del centro casamassimese avrà sulle politiche sociali del paese. L'Assessore al welfare risponde, come sempre, in maniera assolutamente esaustiva: «Il centro polivalente per i minori ha una grande valenza. La ricaduta è questa: il miglior intervento sul minore è quello fatto non solo sul minore ma sul contesto di appartenenza del minore. Il centro polivalente minori completa una gamma di servizi già presenti sul territorio come il centro diurno Cristo Re, il sostegno educativo anti dispersione scolastica gestito dalla cooperativa vita Activa ed ha una finalità differente perché integra sostegno didattico, sport e genitorialità, mediazione, laboratori. La migliore azione di integrazione è quella di coinvolgere i minori in percorsi di socializzazione non solo attraverso lo svolgimento dei doveri scolastici ma sopratutto attraverso attività laboratoriali di integrazione anche con le Associazioni del territorio».

Quanto alla modalità e al funzionamento del centro, spiega più nel dettaglio l'Assessore: «Il centro sarà aperto tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, quindi rispetto ad altri progetti come "Famiglie Accoglienti" assicurerà una certa continuità. Con il centro polivalente minori saranno sopratutto le attività laboratoriali ad essere potenziate. Tutti questi interventi e sopratutto questo bando hanno un valore aggiunto perché inglobano anche il finanziamento degli interventi del progetto Cometa (un progetto di affido) e il progetto Pippi (un intervento di 50.000 euro finanziato, in Via sperimentale, dalla Regione Puglia rivolto a minori da 0 a 11 anni  e volto a combattere il ricovero in struttura dei minori)».

Stando alle parole dell'Assessore alle politiche sociali il nuovo anno sarà interessato da molteplici novità che punteranno a risollevare le sorti di una grossa fetta di cittadinanza purtroppo afflitta da difficoltà e disagi e crescenti.

VALERIA MARANGI

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI