Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

Caro 2016, ti prometto...

Casamassima-Caro 2016 ti prometto- L'assessore Rocco Bagalà

 

 

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

Le promesse e gli obiettivi degli Assessori Bagalà e Spinelli

 

Il 2015  è prossimo a cedere il passo ad un nuovo anno. Quasi  in maniera "fisiologica" si tracciano bilanci e, soprattutto, prende vita lo spirito propositivo che nella nostra mente fa scattare puntualmente i "l'anno prossimo farò...!", "l'anno prossimo sarò...". Questo meccanismo non risparmia certo la politica. Abbiamo deciso pertanto di chiedere agli Assessori in carica quali sono i loro buoni propositi per l'anno nuovo.

Rocco Bagalà, assessore con delega alle attività produttive, politiche agricole, industria, marketing territoriale e personale "rompe il ghiaccio"  e  elenca quali sono i suoi obbiettivi per il nuovo anno: «I miei buoni propositi da Amministratore non possono che essere in funzione di Casamassima e dei suoi cittadini; il 2016 sarà un anno migliore sopratutto perché, come già detto in più occasioni, abbiamo subito un bilancio che non è dell'Amministrazione Cessa ma di gestione pregressa commissariale che ci terrà interessati fino al 31 dicembre. Per essere più preciso da gennaio avremo la possibilità di dare realmente seguito al programma politico per cui i cittadini casamassimesi ci hanno votato e hanno espresso fiducia importante che prestissimo ripagheremo con i fatti e con la risoluzione di tanti problemi annosi che affliggono il nostro paese».

Antonietta Spinelli, assessore al sociale, alla famiglia, all'infanzia ed al volontariato, elenca con grande dovizia di particolari i suoi obbiettivi, da Assessore, per il 2016: «Innanzitutto vorrei precisare che non rispondo a questa domanda per elencare una serie di promesse che poi resteranno vane, ma rispondo a questa domanda sulla base di elementi concreti e cioè sulla base del DUP che stiamo per approvare che è un documento unico programmatico di carattere politico e contabile che caratterizza la vita amministrativa di un ente pubblico e anche sulla base del PEG cioè il documento contabile di cui ogni settore della vita amministrativa è dotato. Anche se ci siamo insediati effettivamente da luglio e quindi il bilancio previsionale 2015 è stato un bilancio per lo più "ingessato", comunque già delle scelte politiche le abbiamo attuate; nel settore del Servizio Sociale sin dall'inizio ho fatto uno studio del PEG per poter fare già delle piccole scelte politiche; pertanto, nel 2016, vorrei che gli obbiettivi che già abbiamo  iniziato nel 2015 siano potenziati e portati avanti». L'Assessore passa a elencare quali sono i suoi quattro macro obbiettivi per l'anno prossimo: «Il primo macro obbiettivo è quello di creare una rete del terzo settore sociale rivalutando il ruolo del volontariato; il volontariato non deve essere visto come un contenitore passivo di iniziative ma come l'attore della progettualità del terzo settore. L'otto settembre scorso ho avviato un tavolo di terzo settore che sarà convocato a partire da gennaio ogni primo venerdì del mese. Il secondo obbiettivo è quello di garantire azioni di inclusione sociale perché sicuramente un servizio sociale degno di nome non deve ridursi ad un'erogazione a pioggia di contributi ma deve investire sulla progettualità di inclusione socio lavorativa. Nel previsionale 2015 abbiamo fatto stanziare 20.000 euro per il progetto Clorofilla (attività di inclusione socio lavorativa attraverso la manutenzione del verde); il terzo obbiettivo è quello di far fronte all'emergenza casa: proprio in questi giorni è stato emanato il bando emergenza casa; io vorrei poi riproporre questo bando almeno due volte nel corso della prossima annualità; il bando si rivolge a persone che sono state sfrattate con priorità a nuclei familiari con al loro interno minori, anziani e disabili. Vorremmo inserire Casamassima tra i Comuni ad alta densità abitativa e ottenere più somme integrative per i canoni di locazione come pure per poter programmare costruzione di nuove case popolari». La Spinelli conclude annunciando il suo quarto ed ultimo obbiettivo:«L'ultimo obbiettivo riguarda le pari opportunità per tutti, che consentano ad esempio alla donna di conciliare i tempi vita/lavoro e quindi in quest'ottica si collocano tutti gli interventi finanziati dal Comune su minori, disabili, anziani».

Chiudiamo con le parole del primo cittadino Vito Cessa, che si pone come obiettivo quello di continuare a "fare la differenza", proseguendo a creare occasioni e condizioni per far crescere la comunità casamassimese.

Tutti encomiabili propositi che ci auguriamo vengano realizzati nel più breve tempo possibile.

VALERIA MARANGI

 

 

 

 

Casamassima- Caro 2016 ti prometto-L'assessore Spinelli

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI