Lunedì 17 Dicembre 2018
   
Text Size

I "Ponti Auchan" ritornano nell'agenda dell'Amministrazione Cessa

Casamassima-I Ponti Auchan ritornano nell'agenda dell'Amministrazione -PALMIERI

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

Palmieri: "Cancellare la scelta scellerata di Birardi e della sua amministrazione"

 

È il lontano 3 marzo 2009 quando viene sottoscritta una convenzione tra il Comune, Emanuele Degennaro (amministratore unico della società Sudcommerci srl), e Giuseppe Cimbro (procuratore della società Gallerie commerciali Italia spa e della società Auchan). In questa convenzione (precisamente all'art. 5) Auchan e Sudcommerci si impegnavano a realizzare «a proprie spese e comunque in più rispetto a quanto dovuto per oneri/opere di urbanizzazione primaria e secondaria, anche alle ulteriori seguenti opere: l’illuminazione dei cavalcavia in sopraelevazione alla SS100, sulle vie per Cellamare e per Noicattaro, di accesso al centro commerciale esistente dall’area urbana; apposite piste pedonali e ciclabili di accesso al centro commerciale esistente in ampliamento dei cavalcavia in sopraelevazione alla SS100 sulle vie per Cellamare e Noicattaro. Numero due aree da destinare a parcheggio e verde attrezzato in suolo di proprietà comunale all’interno dell’area urbana. Un intervento di potenziamento della segnaletica di indicazione delle vie di accesso al centro commerciale esistente».

Poi un Consiglio comunale del luglio 2014 - particolarmente "discusso" - fece slittare le somme previste per i "ponti Auchan" verso la realizzazione di un parco urbano cittadino da edificarsi in via Angelo Pende. Siamo agli sgoccioli del 2015 e la vicenda è ancora sospesa. Ragion per cui abbiamo chiesto all'Assessore e Vicesindaco Andrea Palmieri quali siano le intenzioni dell'amministrazione Cessa.

«Accolgo con piacere - esordisce Palmieri - la richiesta di aggiornamenti ed informazioni su un tema che in passato ha acceso gli animi ed il clima politico sia sui ritardi nella realizzazione delle opere previste in convenzione, per la messa in sicurezza dei due cavalcavia che portano al centro commerciale, sia per le decisioni e le giustificazioni assurde che l’Amministrazione Birardi ha addotto per la cancellazione di quell’opera».

«Innanzitutto - prosegue l'assessore - abbiamo affrontato come Amministrazione e valutato dal punto di vista giuridico la decisione assunta in Consiglio unilateralmente dall’Amministrazione Birardi per cancellare l’opera e destinare le somme che potrebbero pervenire escutendo la fideiussione (circa 750mila euro) ad altro intervento. La nostra intenzione, interpretando la volontà dei cittadini di Casamassima, è di tornare sulla decisione assunta dal Consiglio Comunale durante la giunta Birardi e di provare, misurando la fattibilità delle opere previste, a realizzare quanto necessario per migliorare la sicurezza di tanti giovani e meno giovani, che continuano di giorno e di notte ad attraversare i cavalcavia».

« Nostro obiettivo  -  sottolinea il Vicesindaco - sarà cancellare la scelta scellerata di Birardi e della sua amministrazione, vergognosa perché presa all’indomani della morte della signora Tari. Anche in suo nome bisognerà dare sicurezza ai tanti che attraversano i cavalcavia, cancellando le sciocchezze e le giustificazioni sull’inutilità dell’opera, ascoltate in Consiglio comunale e nelle dichiarazioni farneticanti sui giornali di quasi due anni fa. I lottizzanti non hanno mai aderito alla decisione unilaterale assunta in Consiglio dall’amministrazione Birardi di cancellare l’opera e di escutere la fideiussione e, da quello che ci consta, sono disponibili a discutere la realizzazione dell’opera».

Palmieri, dunque, prende ancora una volta le distanze dalle scelte della precedente amministrazione e cerca di imporre - insieme alla nuova giunta - un netto cambio di rotta.

VALERIA MARANGI

 

CAsamassima-I Ponti Auchan ritornano nell'agenda dell'Amministrazione Cessa-Ponte Auchan - via Noicattaro

Commenti  

 
#2 Laura maria 2015-12-20 15:08
Qui non si vede né l'illuminazione del cavalcavia, né il parco urbano...la solita storia di Casamassima...dobbiamo fare questo, dobbiamo fare quello e alla fine non si fa nulla!!!!!!!!!!Ma cosa faranno con questi benedetti soldi???????????Vergogna, vergogna...questo paese dovrebbe scomparire dalla faccia della terra..basta con promesse..AGITE e fatelo subito
 
 
#1 emilia 2015-12-18 17:20
si ricordi sempre dello scempio e della quasi impercorribilità di via cardo storta .è una vergogna
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI