Domenica 09 Dicembre 2018
   
Text Size

Campo sportivo bloccato da sei anni per un contenzioso

Casamassima-Campo sportivo bloccato da sei anni per un contenzioso

 

 

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

Il Sindaco: «Ci attiveremo per poter tornare ad utilizzare la struttura quanto prima».

 

La seconda interpellanza della Consigliera Palmieri riguarda l'indimenticato campo sportivo, chiuso e inutilizzabile da sei anni,  precisamente dal 2009, a causa di un contenzioso: «Casamassima è un Comune che ormai da anni non dispone più di un campo sportivo, in quanto, a causa di una controversia giudiziaria tra l'Amministrazione comunale e il gestore o ente gestore, ad oggi l'unica struttura pubblica disponibile sul territorio risulta impraticabile. Ciò premesso, chiedo all'Amministrazione di conoscere lo stato del contenzioso medesimo e quali sono le prospettive future dal momento che, a causa del contenzioso medesimo, di fatto ai ragazzi viene inibito l'esercizio delle pratiche sportive».

«Si tratta  di una situazione cronica che risale a molti anni addietro - risponde in prima battuta Silvia Lioce, Assessore al contenzioso. In effetti c'è un contenzioso in atto posto in essere appunto dall'Associazione Sud-Est. Mi limito a far riferimento a quello che è l'aspetto processuale della situazione, nel senso che l'Associazione ha avanzato una serie di richieste di risarcimento, davanti alle quale il Comune si è costituito in giudizio. Benché non possiamo fare previsioni sull'esito della causa, comunque - anche in base ad una nota del nostro legale - ci sono i fondamenti per un buon esito per l'Ente ».

A completamento dell'intervento della Lioce, interviene il sindaco Vito Cessa che, dopo aver sottolineato come la vicenda gli sta particolarmente a cuore, ricorda l'approssimarsi della conclusione dei lavori dell'ex campo da tennis, candidato a diventare «punta di diamante dell'impiantistica». A seguire riporta l'incontro avuto con il presidente dell'Associazione Sud-Est con l'obiettivo, purtroppo non conseguito, di raggiungere una soluzione extragiudiziale. Ed in conclusione rassicura che «ci attiveremo per poter tornare ad utilizzare la struttura quanto prima. È un peccato che i nostri figli non possano usare il campo sportivo, considerando anche l'esiguità degli impianti sportivi a Casamassima». Una promessa importante, un'altra da appuntare sul taccuino della "Casamassima che verrà", sul cui mantenimento occorre vigilare, da bravi cittadini coscienziosi. Non ci resta dunque che aspettare impazienti che qualcosa si muova in questo senso.

VALERIA MARANGI

 

Commenti  

 
#1 susy 2015-12-07 16:58
MA FATENE UN PARCO CON GIOCHI E PANCHINE DOVE POTER PORTARE I BIMBI, E DOVE INCONTRERSI. INVECE FAVORIAMO UNA SQUADRA CHE NON ESISTE E CHE GIOCA QUASI MAI
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI