Mercoledì 12 Dicembre 2018
   
Text Size

Abbattimento barriere architettoniche, domande fino al 10 dicembre

Casamassima-Ambito territoriale

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

Accesso al finanziamento di piccoli interventi per edifici privati.

 

C’è tempo fino al 10 dicembre 2015 per presentare domanda per accedere al finanziamento di piccoli interventi per l’abbattimento delle barriere architettoniche negli edifici privati (anno 2015).


La domanda di accesso al contributo dovrà essere compilata utilizzando il relativo modulo (che potrà essere ritirato negli Uffici dei Servizi Sociali e gli Uffici Relazioni con il Pubblico dei Comuni dell’Ambito o risulterà disponibile sul sito internet degli stessi Comuni) e dovrà essere inviata ai Servizi Sociali del Comune di residenza.

L’obiettivo dell’Avviso Pubblico è favorire la realizzazione di piccoli interventi finalizzati al superamento e all’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati con la concessione di contributi a fondo perduto in favore di persone diversamente abili. Sono esclusi dal finanziamento interventi diretti all’abbattimento delle barriere architettoniche in edifici nei quali il disabile svolge il suo lavoro, edifici aperti al pubblico come centri sportivi, luoghi di culto, sedi di uffici pubblici e privati.

Possono accedere al finanziamento: i disabili con menomazioni o limitazioni funzionali permanenti di carattere motorio e i non vedenti; coloro i quali abbiano a carico persone con disabilità permanente; i condomini ove risiedano le suddette categorie di beneficiari.

Le domande devono essere presentate dalla persona con disabilità o da chi la ha in carico. L’avente diritto al contributo può non coincidere con la persona con disabilità e pertanto l’avente diritto deve sottoscrivere la domanda per conferma e adesione (ad esempio il condominio, il proprietario dell’immobile dove risiede la persona con disabilità). Non verranno prese in considerazione le domande non complete della firma e del documento di identità né sarà possibile presentare integrazioni successivamente alla data di presentazione della domanda stessa di contributo.

L’entità del contributo concedibile è determinata sulla base della graduatoria delle domande pervenute così come previsto dal disciplinare in dotazione dell’Ufficio di Piano ed approvato dal Coordinamento Istituzionale. L’importo massimo per ogni singolo contributo non potrà comunque superare 3mila euro. Si precisa che il fondo destinato all’abbattimento delle barriere architettoniche è quantificato complessivamente in 10mila euro ed è relativo alle domande presentate entro il 10 dicembre.

Si può chiedere il contributo per interventi da realizzare in edifici privati esistenti (comprese le pertinenze esterne, box, cantine, cortili, ecc.) che hanno come finalità diretta ed esclusiva l’abbattimento delle barriere architettoniche (per edifici privati si intendono tutti gli edifici con la sola esclusione di quelli pubblici o aperti al pubblico). Inoltre si può chiedere il finanziamento per interventi da realizzare in edifici di edilizia residenziale pubblica di proprietà dello Iacp o del Comune e per l’acquisto di attrezzature che, per le loro caratteristiche, risultino strettamente idonee al raggiungimento dell’abbattimento delle barriere.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI