Mercoledì 19 Dicembre 2018
   
Text Size

M5S: Unioni civili ed Efficientamento Energetico

Casamassima- Le proposte del Movimento 5 Stelle-efficientamento energetico

 

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

Le due nuove proposte del Movimento si appellano alla coscienza dei casamassimesi

 

Di fronte all'assenza del Registro delle Unioni Civili, il Movimento Cinque Stelle di Casamassima ha deciso di prendere l'iniziativa e aprire il dibattito su uno dei temi più discussi, spesso ostacolato da pregiudizi morali ed pseudoetici. Antonello Caravella, "grillo parlante" (perdonate il gioco di parole quanto mai calzante) e consigliere del Movimento Cinque Stelle, ha infatti protocollato, insieme agli attivisti casamassimesi, formale richiesta di istituzione di tale registro.

«Negli ultimi giorni - asserisce Caravella - stiamo portando all'attenzione il fatto che a Casamassima manca un Registro delle Unioni Civili. Non si tratta di legalizzare il matrimonio omosessuale o di concedere l'adozione a coppie gay, ma di un piccolissimo e assolutamente simbolico passo in avanti verso una questione fondamentale ed attualissima». Quello dei pentastellati vuole essere un segnale di apertura verso il riconoscimento concreto dei diritti amministrativi delle coppie (di uguale o diverso sesso) non legate dal vincolo giuridico del matrimonio. Difatti, l’iscrizione nel Registro delle Unioni Civili, sebbene non risolva tutte le problematiche legate al vuoto normativo in materia di "coppie di fatto", rappresenta di certo una prima forma di tutela giuridica.

E a proposito di segnali, ricordiamo che il Movimento Cinque Stelle ha anche proposto di insignire il magistrato Nino Di Matteo della cittadinanza onoraria. Una battaglia che Caravella porterà avanti nel prossimo Consiglio comunale. Infine, un'altra proposta dei pentastellati riguarda l'efficientamento energetico. Si tratta di una proposta, protocollata lo scorso 23 ottobre, che non peserebbe assolutamente sulle casse comunali e che è stata sperimentata con esiti positivi in Comuni come Pomezia e Imola. In particolare, si chiede di interfacciarsi con l'ESCo, una particolare società di servizi energetici che assorbe totalmente il costo dell'investimento per migliorare l'efficienza energetica di strutture pubbliche o private, traendo guadagno solo dall'effettivo risparmio che si riesce ad ottenere. Dunque, affidarsi a questa società comporterebbe una riduzione dei consumi con una ricaduta favorevole in termini ambientali ed un reale abbattimento dei costi, dal momento che Casamassima sostiene per il consumo energetico una spesa annua di circa 400mila euro. La proposta includerebbe anche l'installazione nel paese di lampioni led a basso consumo.

Staremo a vedere se Casamassima si aprirà alle innovazioni, da diversi punti di vista, e riuscirà, grazie anche a queste sollecitazioni, a rompere il muro dell'arretratezza e dell'ignoranza.

VALERIA MARANGI

Casamassima- Le proposte del Movimento 5 Stelle-efficientamento energetico Casamassima- Le proposte del MOvimento 5 Stelle-unioni civili

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI