Mercoledì 12 Dicembre 2018
   
Text Size

"Sostegno alla quotidianità": approvata la graduatoria finale

Casamassima- sostegno alla quotidianeità

 Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

Accolte tutte le istanze, finanziate con un importo dimezzato rispetto a quello previsto.

 

È stata approvata la graduatoria finale relativa all'intervento denominato "sostegno alla quotidianità". Si tratta di un'iniziativa voluta dal Commissario Prefettizio che, con delibera del novembre 2014, impegnava 30mila euro al fine di «promuovere la qualità della vita familiare e il consolidamento dei nuclei svantaggiati, con un sostegno rivolto particolarmente alle famiglie in condizioni di disagio che non riescono a far fronte alla gestione delle attività quotidiane e del mantenimento della propria abitazione».

Dando seguito all'intento commissariale, lo scorso settembre si è riunita la commissione tecnica, costituita dalla dott.ssa Diana, responsabile del Servizio socio-culturale; dal Segretario comunale dott. Lorè e dall'assistente sociale dott.ssa Nuzzi. Tenendo presente l'indirizzo dato dall'Assessore al Welfare avv. Spinelli, due sono stati i principi ispiratori che hanno guidato la valutazione delle varie domande giunte a Palazzo di Città: l'esigenza di estendere quanto più possibile il numero dei beneficiari dell'intervento e la necessità di rispondere ai bisogni espressi dai cittadini e, dunque, di operare in primis per tamponare le difficoltà relative al mantenimento dell'abitazione principale (spese di affitto o di mutuo) e successivamente di intervenire sui costi delle utenze, del trasporto lavorativo o scolastico e delle spese mediche.

Tutte le istanze pervenute sono state ammesse, finanziando gli interventi «per un importo pari circa alla metà dell'importo massimo stabilito dal bando, con la sola eccezione delle spese scolastiche trattandosi di spese in favore dei minori».

Nello specifico per coprire le spese di affitto o mutuo saranno erogati 740 euro, suddivisi in 150 euro per i primi quattro mesi e 140 euro per il quinto mese. Invece, per il sostegno al pagamento delle bollette saranno stanziati 350 euro a richiedente, divisi in due mensilità rispettivamente da 200 e 150 euro. Infine si procederà a pagare in un unica soluzione il rimborso per le spese per gli abbonamenti ai trasporti (50 euro); le spese mediche (180 euro) e quelle finalizzate all'acquisto di materiale scolastico (190 euro).

Nell'atto di indirizzo della giunta Cessa si precisa che l'azione di sostegno rappresenta «un effettivo e notevole impegno finanziario» per il bilancio comunale, ragion per cui si chiede pari «impegno e responsabilità da parte dei beneficiari». Un impegno che, materialmente, si traduce nella sottoscrizione di un "Patto di corresponsabilità" che vincola l'utente a non richiedere fino a febbraio 2016 «qualsiasi altra forma di accesso a benefici di natura economica erogabili dal comune di Casamassima». In altre parole non sarà possibile erogare nessun altra tipologia di contributo a chi ha già beneficiato di questa forma di sostegno, anche al fine di evitare «situazioni di possibile discriminazione» nei confronti degli utenti in carico al Servizio socio-culturale.

Infine si precisa che «eventuali integrazioni all'intervento di sostegno saranno oggetto di valutazione con successivo provvedimento». Un'integrazione che, ascoltando gli umori di alcuni cittadini, potrebbe arrivare prima del previsto: il rischio che si potrebbe palesare è di aver trasformato l'intervento in un "finanziamento a pioggia" che, nel tentativo di "accontentare" le richieste di tutti i soggetti in difficoltà, finisca per non risultare concretamente valido per nessuna della famiglie in difficoltà. 

Casamassima- sostegno alla quotidianeità

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI