Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

Furto in Ludoteca

Casamassima-Furto in Ludoteca

Articolo pubblicato su “la Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

Sparisce il salvadanaio con i risparmi destinati ai bambini "meno fortunati"

La settimana scorsa ha piacevolmente stupito, la notizia, apparsa su giornali e social, dei due portafogli restituiti, a distanza di poche ore, al Comando della Polizia Municipale con contanti e documenti che non erano stati toccati. Plausi e lodi per l'onestà di chi ha compiuto questo gesto.

Casamassima è sembrata per qualche giorno un'isola felice popolata da persone onestissime. Purtroppo, un episodio del tutto"opposto" rispetto ai due casi eccezionali della settimana scorsa, ci riporta in maniera un po' brusca alla dura realtà. Infatti, come segnalato dalla responsabile della struttura, lunedì scorso si è verificato un furto presso la Ludoteca "l'Albero magico". Si è trattato di un furto odioso, poiché il ladro ha rubato, durante una festa di compleanno, il salvadanaio che era stato destinato, da un anno a questa parte, alla raccolta fondi per regalare un compleanno in ludoteca a uno tra i bambini meno fortunati di Casamassima.

A essere rubata è stata una cifra non alta, qualche centinaio di euro, ma che fa davvero rabbia. È la stessa Angela Scaramuzzi, gestore della ludoteca, a raccontare sulla pagina "Amo Casamassima" lo spiacevole episodio: «Vogliamo raccontarvi quanto è accaduto nella nostra struttura. Ma partiamo dal principio. Quasi un anno fa, precisamente a dicembre 2014, su esempio del comune di Milano, nel nostro piccolo, abbiamo dato vita ad un progetto che si chiamava "Compleanno sospeso" che aveva come obiettivo una raccolta fondi volontaria che si sarebbe conclusa a dicembre 2015 e che avrebbe permesso a bimbi "meno fortunati " una festa di compleanno in ludoteca. Durante una festa di compleanno, una delle tante che si svolgono regolarmente nella nostra struttura questo salvadanaio speciale...sparisce!Ebbene si!!! roba da non crederci...ma qualcuno, qualche indefinibile soggetto, non solo ha praticamente rubato in casa nostra, ma ha spezzato il sogno di regalare una festa speciale a qualche bambino/a. Fa ancor più male dirlo...ma di un genitore si è trattato! Un'unica parola accompagnerà questa vicenda..vergogna».

Il fatto in effetti è grave e sgradevole. Un progetto così bello ha avuto fine per la disonestà di qualcuno che non si è fermato davanti alla bontà dell'iniziativa e non si è fatto molti scrupoli, anzi nessuno in verità. Fortunatamente i gestori della ludoteca hanno deciso di non arrendersi, di rimboccarsi le maniche e ricominciare con il nobile progetto "Compleanno sospeso". Conclude infatti la proprietaria della struttura: «Il nostro augurio più grande, con il vostro aiuto, è di riprendere questo progetto e a dispetto di questa gentaglia...andare avanti!».

VALERIA MARANGI

(foto di repertorio)

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI