Lunedì 17 Dicembre 2018
   
Text Size

"Grande soddisfazione per la tempistica del nostro ARO"

Casamassima-Grande soddisfazione per la tempistica del nostro ARO

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in   edicola la settimana scorsa

Il primo cittadino commenta l'esito del maxi-appalto per la gestione dei rifiuti casamassimesi

La conclusione delle procedure di gara dell'ARO 5, ci permette di approfondire alcuni dei dubbi sorti con primo cittadino Vito Cessa.

La commissione ha decretato l'aggiudicazione provvisoria al candidato che ha offerto il minino ribasso d'asta, affermando che i costi elevati (soprattutto per i cosiddetti "servizi complementari e accessori") saranno ammortizzati dai risparmi garantiti dall'efficienza dei mezzi che il nuovo gestore utilizzerà.  Avete chiesto chiarimenti sui parametri adottati dalla commissione di gara?

«Innanzitutto mi lasci esprimere la mia grande soddisfazione per la tempistica che sino ad oggi ha caratterizzato il nostro ARO. L'essere stati tra i primissimi a completare le procedure di gara ci consentirà di ricevere anche delle premialità dalla Regione. In realtà, l'aggiudicazione provvisoria non è ancora avvenuta, poiché il RUP, il dott. Santoiemma, è in attesa dei riscontri chiesti in tribunale. Circa la valutazione delle società in gara va puntualizzato che il risultato finale  è dato dalla somma di 2 punteggi, ovvero quello relativo all'offerta tecnica, per la quale venivano assegnati massimo 80 punti, e quello relativo all'offerta economica,  per la quale la massima valutazione era 20. L'ATI costituita da CNS , COGEIR e Del Fiume  ha presentato l'offerta tecnica migliore, conseguendo già in questa prima fase di valutazione un punteggio molto più alto rispetto alle concorrenti, tale da compensare il minor ribasso dell'offerta economica».


Come noto dalle cronache nazionali, il CNS è stato coinvolto nello scandalo Mafia Capitale. È preoccupato per eventuali irregolarità?

«Rispetto alla gara, non avendo alcun rappresentante in seno alla commissione, la nostra Amministrazione ha avuto il ruolo di osservatore:  al dott. Santoiemma abbiamo chiesto  sempre e solo massima correttezza e tempestività; il fatto che abbia trasmesso la documentazione delle aziende in tribunale non può che rassicurarci». 

 

Seppur in contrasto con la "Carta della Qualità" (Del. G.R. n.194 del 11/02/12), l'art. 20 del Capitolato prevede che ogni Comune predisponga un Centro Comunale di Raccolta. In caso di ritardata realizzazione o consegna dello stesso gli obiettivi di raccolta differenziata "saranno diminuiti rispettivamente dal 60% al 50% nella fase intermedia e dal 70% al 60% nella fase a regime". Come intende procedere Casamassima per dotarsi di tale Centro?

«Circa il Centro Comunale di Raccolta, stiamo già valutando con i nostri funzionari quale potrebbe essere l'ubicazione migliore, perché lo riteniamo uno strumento indispensabile per un corretta e completa gestione dei rifiuti. La precedente amministrazione aveva ricevuto un contributo regionale per la sua realizzazione, ma non sono riusciti ad utilizzarlo; subentrato il commissario prefettizio, il comandante Eramo a fine aprile 2015 ha bloccato la procedura è optato per l'acquisto di 7700 mastelli ed un costipatore. Consideri che avevamo preso contatti con il proprietario di un'isola ecologica mobile per dotarci sin da ora di un piccolo centro di raccolta, ma i costi elevati ( circa 700 euro al giorno) ci hanno fatto desistere».

 

Sono stati impegnati poco più di 44mila euro di un finanziamento regionale, inizialmente destinato alla realizzazione di un'isola meccanizzata, per l'acquisto di 7.700 mastelli per la raccolta della carta. Non le sembra una spesa superflua, considerando che il nuovo appalto prevede già la consegna, ad ogni cittadino ed ad ogni esercizio commerciale, di appositi bidoncini in comodato d'uso gratuito?

«I mastelli ottenuti con il finanziamento regionale, devo dire  ben gestito dal nostro comandante di polizia locale, saranno messi a disposizione della ditta che effettuerà la raccolta differenziata e comporteranno, come da contratto, una riduzione del canone. Il giorno 15 ottobre c'è stato un incontro presso il comune di Gioia del Colle: erano presenti i rappresentanti delle amministrazioni comunali dell'ARO 5, il dott. Tornavacca della ditta ESPER e il dott. Santoiemma. Ci hanno aggiornato, illustrandoci anche  alcuni dei numerosi parametri di valutazione, quali ad esempio, la premialità per gli operatori,  la frequenza dello spazzamento meccanizzato, l'utilizzo di veicoli con recupero di energia in frenata  (ad alimentazione ibrida), la rimozione dei rifiuti abbandonati in siti occasionali,  la campagna di informazione. Ora non ci resta che attendere l'avvio del servizio che, a detta del dott. Santoiemma, potrebbe partire già  a gennaio 2015. Noi continuiamo il nostro lavoro di sensibilizzazione ed educazione della cittadinanza (anche attraverso le sanzioni)  e di controllo del lavoro dei dipendenti dell'Ecologica Pugliese».

VALERIA MARANGI

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI