Lunedì 10 Dicembre 2018
   
Text Size

Vito Cessa: delucidazioni su centro vaccinazioni e rifiuti

Casamassima-Vito Cessa delucidazioni su centro vaccinazioni e rifiuti

 

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

Il Sindaco spiega problemi e soluzioni alle due piaghe del paese

 

Nell’incontro con la stampa, avvenuto giovedì 15 ottobre, il Sindaco Vito Cessa ha affrontato due delle tematiche che in questi giorni hanno tenuto banco a Casamassima: Centro vaccinazioni e smaltimento rifiuti. 

L'iter del Centro vaccinale

Le vicissitudini del Centro vaccinazioni sono note ormai a tutti. Molte mamme nel portare i propri figli nel plesso di via Lecce hanno riscontrato una situazione poco idonea alla funzione del centro stesso, lamentando e denunciando le cattive condizioni igieniche. «Dopo la segnalazione fatta ad agosto - ha esordito Cessa -  mi sono voluto accertare delle reali condizioni ed effettivamente lo stabile era abbastanza disadorno e malmesso. Ho contattato il dottor Lagravinese, direttore del dipartimento della Prevenzione della Asl Bari e la prima cosa che ho chiesto è stata quella di regolamentare l’afflusso di utenti, poiché non era possibile che troppe persone stessero nella stessa stanza contemporaneamente. La risposta è stata che si trattava di una situazione straordinaria in quanto c’era carenza di personale e che comunque si sarebbe impegnato a risolvere questo problema per evitare le lunghe attese».

«Per quanto riguarda i locali - ha preseguito il Sindaco - mi sono recato di persona a visionare la situazione. Il dottor Antonio Madaro, che si occupa delle vaccinazioni, ha ammesso egli stesso la precaria situazione dei locali. Ragion per cui, ho contattato nuovamente il dottor Lagravinese, il quale si è impegnato a prendere in considerazione l’ipotesi di una diversa sistemazione dei locali, non solo spostando il centro vaccinazioni dal plesso in via Lecce nella sede dell’ex Miulli, ma anche di attrezzarla in maniera idonea. La mia richiesta, oltre a quella di regolamentare l’afflusso dell’utenza e di rendere i locali più idonei, si è estesa anche alla volontà di dotare l'ambiente di fasciatoi e spazi giochi per intrattenere i bambini. Notizia dell’ultima ora è che da oggi iniziano i lavori di pitturazione dei locali i quali termineranno a fine settimana. Salvo imprevisti, già dalla prossima settimana avverrà il trasferimento di tutto il materiale necessario”.

Il Sindaco ha tenuto a precisare che i locali in via Lecce sono di appartenenza della Asl di Bari e che non corrisponde al vero la notizia secondo cui, una volta trasferito il centro vaccinazioni all’ex Miulli, lì possa sorgere una scuola. Il primo cittadino, inoltre, ha lanciato un appello a tutti i cittadini: «Quello che vorrei è che la cittadinanza avesse più fiducia nelle istituzioni e che le segnalazioni future siano rivolte direttamente all’amministrazione e non ai social network, poiché i nostri interventi non hanno bisogno dell’esposizione mediatica».

Smaltimento Rifiuti

Argomento molto importante è anche quello dello smaltimento dei rifiuti. In attesa dell’avvio del nuovo progetto sulla raccolta porta a porta previsto per marzo 2016, il Sindaco Cessa ha illustrato la situazione attuale, spiegando quali sono state le misure adottate per risanare il cattivo servizio espletato dall’azienda "Ecologica Pugliese" a Casamassima.

«Dall’inizio del mio mandato ad oggi - ha precisato Cessa - non ci siamo mai fermati per individuare un altro soggetto che potesse subentrare a questa azienda.  Purtroppo tutti i contatti avuti hanno avuto esito negativo. Anche i rappresentati del M5S hanno individuato un’azienda di Rutigliano che, nonostante le nostre sollecitazioni, non ha risposto ai nostri appelli. Siamo ancora alla ricerca e siamo fiduciosi che, a breve, ci possa essere un subentro. Dal canto nostro stiamo cercando di compensare questo disservizio innanzitutto attraverso un controllo dell’operato degli addetti ai lavori».

Venendo alla raccolta differenziata, il Sindaco ha evidenziato che Casamassima è stata dotata di «due contenitori per la differenziata, attualmente rimossi per permettere il rifacimento della segnaletica orizzontale all’interno del parcheggio del Largo Fiera; tuttavia contiamo di ripristinarli il più presto possibile in una zona diversa che deve essere ancora decisa. Abbiamo constatato una diminuzione dei cassonetti destinati alla differenziata, un po’ perché vengono rubati un po’ perché utilizzati per l’indifferenziata. Dai 200 cassonetti dell’indifferenziata e 55 terne (cassonetti per carta, vetro e plastica) del 2001 siamo passati a 171 dell’indifferenziata, 37 per la carta, 48 per il vetro e 51 per la plastica. Abbiamo sollecitato l’azienda e stiamo valutando l’idea di acquistare "in danno" il materiale mancante».

Altro intervento è stato quello di regolamentare il conferimento, apponendo delle targhe sui bidoni che precisano gli orari in cui i cittadini sono tenuti a gettare i rifiuti. L’orario attuale prevede il conferimento dalle ore 20 alle ore 6. Inoltre è stato istituito un nuovo gruppo di vigilanza: «Abbiamo istituito una squadra di guardie ecozoofile - ha spiegato il primo cittadino - con lo scopo di prevenire l’imbrattamento del territorio, vigilando sul corretto deposito rifiuti e sulle deiezioni canine. È una squadra fatta di volontari che prestano questo servizio a titolo gratuito, ma noi abbiamo previsto per loro un rimborso spese di ordine pratico».

Infine, è stato affrontato il problema della pulizia delle strade. Per quanto riguardo le operazioni di diserbo, ovvero del taglio dell'erba che cresce lungo i marciapiedi, l'Amministrazione ha «stilato una scala di priorità, in quanto il territorio è molto vasto; tuttavia il tagliabordi in dotazione all’azienda era rotto, quindi abbiamo messo a disposizione un tagliabordi del Comune. Abbiamo avuto problemi anche con la spazzatrice: la nostra era inutilizzabile e quella dell’azienda doveva essere condivisa con altri comuni. Ad ogni modo, superando i disguidi tecnici, abbiamo fatto in modo di aumentare la frequenza dell’intervento delle spazzatrici da una volta a settimana a tre/quattro volte. Inoltre per agevolare l’azienda nella pulizia, le daremo in dotazione un soffiatore che darà la possibilità all’operatore di affiancare la spazzatrice e rimuovere tutto ciò che si deposita sotto le macchine e dove la spazzatrice non può arrivare».

A margine della conferenza stampa è stata sollevata anche la problematica di una probabile presenza di amianto nei pressi dell’ex Cantina Sociale. A detta del Sindaco, lunedì prossimo ci sarà un primo sopralluogo con le autorità competenti che ispezioneranno e decreteranno il da farsi.  

 

ELEONORA MONTRONE

Commenti  

 
#2 Politicamente deluso 2015-10-20 12:16
Sindaco io l'ho votata e me ne sono pentita. State inondando di menzogne il paese e nei famosi primi 100 giorni non avete fatto praticamente nulla!!!!!! Maledetta sinistra, cambiano le facce, ma rimane sempre la stessa minestra. Il NULLA!!!!!!!!!!
 
 
#1 ORONZO 2015-10-19 14:50
Sig. Sindaco, a fronte di questa emergenza rifiuti, perché noi cittadini non partecipiamo almeno alla pulizia delle zone antistanti le abitazioni private. Così come hanno già fatto alcuni compaesani nei giorni scorsi.

grazie a tutti coloro che parteciperanno.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI