Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

Una nuova pagina per l'urbanistica casamassimese

Casamassima- una pagina nuova per l'urbanistca casamassimese-L'assessore Andrea Palmieri

 

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

Palmieri: dallo scioglimento del NOPE alla questione Auchan, passando per la riqualificazione della Villa Comunale.

Sebbene il suo lavoro venga spesso reso noto tramite social, abbiamo preferito fare una chiacchierata "alla vecchia maniera" con l'assessore ai Lavori pubblici e vicesindaco Andrea Palmieri, in un'intervista che affronta alcuni argomenti di particolare interesse, tra cui, ad esempio, lo scioglimento del NOPE, la decadenza delle concessioni per le cappelle gentilizie e la riqualificazione della villa comunale. Capitolo a parte si apre sulla vicenda Auchan: Palmieri ci spiega che l'intera questione relativa all'eventuale acquisizione delle aree da parte del Comune è stata demandata ad un legale che ha redatto una puntuale relazione sulla quale l'amministrazione orienterà, nelle prossime settimane, la propria azione. E lo stesso percorso, precisa il vicesindaco, sarà compiuto sulle varie lottizzazioni esistenti, quelle pagine scure vecchie di decenni che raccontano Casamassima quale vittima (più o meno consapevole) di una cementificazione incontrollata.

Assessore, cosa ne pensa dello scioglimento del NOPE per restituire la funzione di controllo alla Polizia Municipale?

«Lo scioglimento del NOPE, deciso dal Commissario Prefettizio con delibera n. 21 del 04 Novembre 2014, segna la fine di uno strumento inusuale di cui l’Amministrazione precedente si era dotato per effettuare i controlli sugli abusi edilizi. Avevo dei dubbi e continuo ad averli, rispetto al fatto che la gestione operativa fosse affidata al Responsabile del Servizio Gestione del Territorio e che il nucleo “fosse alla diretta dipendenza del Sindaco”, come dice la delibera del Commissario che, “sovrintendeva e controllava il NOPE”. Ritengo che con il provvedimento del Commissario dott. Magnatta la funzione di controllo e vigilanza sull’attività edilizia sia rientrata nell’alveo naturale delle specifiche competenze della Polizia Municipale, a cui la legislazione attribuisce quei compiti e che nella situazione precedente poneva a mio parere casi, certo limitatati ma esistenti, in cui il controllato (Ufficio tecnico) era anche controllore. È bene tenere distinti i due ambiti, certo con la possibilità che, a supporto della Polizia Municipale, l’ufficio gestione del territorio possa mettere a disposizione personale tecnico quando si effettuano i controlli. Per permettere alla Polizia Municipale di svolgere in pieno la sua funzione nel settore edilizio, come in altri settori di loro competenza, ritengo si debba anche investire sulla formazione delle professionalità già esistenti, in una materia non certo semplice ed in continua evoluzione. In ogni caso la funzione di controllo e sorveglianza sul settore edilizio è attualmente svolta dalla Polizia Municipale e sono diversi gli interventi sino ad oggi effettuati».

 

Con delibera del Commissario Magnatta è stata sospesa la decadenza delle concessione  delle aree destinate alla costruzione delle cappelle gentilizie, in attesa della risoluzione dei giudizi pendenti. A che punto è la situazione?

«Le situazioni presenti rispetto alle concessioni delle aree per le cappelle gentilizie sono variegate e piuttosto complesse. Il Commissario Magnatta, anche in questo settore, ha provato a fare chiarezza ed ad individuare una possibilità di risoluzione delle vicende. L’art. 57 del regolamento di Polizia mortuaria, rivisto durante il periodo di Commissariamento, stabilisce che, “per giustificati motivi da valutare caso per caso, a richiesta degli interessati, con deliberazione della Giunta comunale, sentito il Responsabile dell'Ufficio Tecnico comunale, può essere concessa una proroga gratuita non superiore a l2 mesi per la presentazione del progetto”. Ci muoveremo su questa traccia prevista dal regolamento di Polizia Mortuaria all’art. 57, 1° e 2° comma, individuando le soluzioni, ove possibile, nel pieno rispetto del regolamento sopra citato ed anche rispetto a quanto previsto sui termini e le modalità di costruzione delle cappelle, dal DPR 380/2001.



Nell'aprile 2012, il Consiglio comunale da mandato all'Ufficio Tecnico di analizzare la situazione urbanistica della zona in cui sorge il centro commerciale Auchan. A dicembre 2014 nulla sembra essere definito: mancano ancora i frazionamenti delle aree e l'acquisizione delle opere di urbanizzazione primaria da parte del Comune. Come state procedendo per risolvere la situazione?

 «Rispetto alla situazione delle aree e delle opere di urbanizzazione presso il Centro Commerciale Auchan, se non ricordo male l’incarico non fu dato solo all’ufficio tecnico, ma anche ad un avvocato. Pertanto approfondiremo seriamente ed accuratamente, nelle prossime settimane, quanto il legale ha esplicitato nella relazione depositata e non ci sottrarremo ad obblighi, se ve ne sono. Lo stesso percorso sarà compiuto sulle varie lottizzazioni esistenti, che si trascinano da decenni e su cui è necessario scrivere una nuova pagina. Tornando alla questione delle aree nei pressi del centro commerciale Auchan, sia chiaro che quanto faremo rispetto ad eventuali acquisizioni di aree, se ce ne saranno da fare, non saranno individuate, come i nostri predecessori avevano scientificamente programmato, per affidarle come parcheggi a pagamento. Non ho cambiato la mia opinione in proposito, espressa in tempi non sospetti e che ribadisco: pensare di individuare delle aree su cui realizzare parcheggi a pagamento, sia in paese che nei pressi dell’area commerciale (entrambe erano le zone individuate dall’Amministrazione precedente), è una scelta sbagliata per due ordini di motivi: da un lato sarebbe un’ulteriore tassazione nascosta a carico di tutti i cittadini; dall’altro gli esercenti commerciali sarebbero nuovamente penalizzati e danneggiati nelle zone centrali di Casamassima, dove da anni vivono in estrema difficoltà. Inoltre i lavoratori dei centri commerciali, compresi quelli di Auchan, da anni in contratto di solidarietà, rischierebbero davvero il posto di lavoro. Non è indifferente specificare che sarebbe il 1° parcheggio a pagamento presso un centro commerciale, unico in Italia e forse in Europa. Si creerebbe uno svantaggio competitivo considerevole in ogni caso con gli altri centri commerciali della zona, che hanno parcheggio libero e non a pagamento, con rischi seri dal punto di vista occupazionale, per i lavoratori Casamassimesi e non. A queste semplici valutazioni, non ho mai avuto risposte in questi anni da chi aveva un approccio davvero singolare alla realtà e che pensava di risolvere i problemi della nostra città con delle farneticazioni».

 

Sempre più cittadini lamentano la difficile fruibilità della Villa Comunale: esistono progetti per riqualificarla?

«Rispetto ai lavori di manutenzione ordinaria della Villa Comunale, riprenderanno a brevissimo dopo gli affidamenti in via di definizione per la cura del verde. Come già riferito in più occasioni dal Sindaco, in questa prima fase ci stiamo concentrando nella progettazione già ultimata e nell’individuazione delle risorse necessarie per la realizzazione di un’area giostre dedicata ai piccoli cittadini della nostra comunità. Stiamo prevedendo anche la videosorveglianza, per prevenire atti di vandalismo che hanno spesso caratterizzato quello spazio verde, negli ultimi anni».


Come procedono i lavori della Chiesa dell'Addolorata?

«I lavori dell’Addolorata sono ormai ultimati. Oltre al restauro della chiesa, il campanile ed il balcone davvero caratteristico, sono stati illuminati ed in tanti stanno apprezzando ogni sera la particolarità e la bellezza, che forse sfuggiva a molti nostri concittadini. L’impianto di illuminazione ha sicuramente esaltato tutto il complesso di Monacelle. Inoltre è stato acquistato un pianoforte, già utilizzato per concerti e che ci eviterà spese ulteriori di affitto e trasporto, anche in futuro, quando saranno organizzati eventi culturali. Le settimane scorse è stato consegnato il Confessionale della Chiesa, recuperato e portato al suo antico splendore, e nei prossimi giorni sarà riconsegnato e rimontato anche il candelabro della chiesa, che credo sorprenderà molti, dopo il recupero. Ormai siamo in una fase molto avanzata sul progetto e cioè il pagamento delle ditte che hanno eseguito i lavori e la rendicontazione delle spese alla Regione».

 

VALERIA MARANGI

 

 

Casamassima- una pagina nuova per l'urbanistica casamassimese-Il centro commerciale Auchan

Commenti  

 
#3 Proni al potere 2015-10-13 20:53
La delusione di questa pseudo-sinistra al potere in paese e' tanta.
Assessori la cui nomina e' assolutamente inopportuna.
***
Ipocrisia su scelte precedenti che andavano nella direzione di tutelare prima i casamassimesi e poi gli interessi degli altri.
Caro Palmieri, oltre l'ordinario da te descritto ogni domenica con dovizia di inutilità, cosa altro ?
 
 
#2 Cittadino 2015-10-11 19:41
Assessore come scrive giustamente lo scrivente Casamassimese, quella idea che lei definisce ironicamente scientifica da parte dei precedenti, avrebbe certamente contribuito ad abbassare le tasse ai cittadini.
Purtroppo, la lungimiranza non è pregio per tutti e non a caso avete pensato solo ad aumentare la tassazione ai cittadini, continuando a salvaguardare altri.
***
 
 
#1 Casamassimese 2015-10-11 15:18
Il biglietto per il parcheggio avrebbe dovuto essere pagato dai non residenti e con quei soldini si sarebbero potute abbassare chissà di quanto le tasse comunali, ma quale tassazione occulta. Come al solito mai toccare gli interessi delle grandi multinazionali.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI