Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

FRANCESCO MATARRESE: OCCORRE FAR RIVIVERE IL PAESE

Casamassima-FRANCESCO MATARRESE OCCORRE FAR RIVIVERE IL PAESE- francesco-matarrese (2)

 

Articolo pubblicato su "La Voce del Paese" in edicola la settimana scorsa

Amministrazione Cessa? «Troppo presto per dare giudizi».

Come è ovvio, l'operato dell'Amministrazione Cessa, insediatasi da circa tre mesi, è sotto la lente (alle volte impietosa) di cittadini e politici, non solo all'interno del Consiglio ma anche da fuori. Francesco Matarrese, segretario di SEL Casamassima - legato, lo ricordiamo, alla coalizione Cessa - non ritiene ancora maturi i tempi per un giudizio obiettivo e  rimanda ogni valutazione ai primi mesi del 2016. Nell'intervista che segue, tuttavia, il segretario Matarrese ha messo in luce alcune questioni e problematiche che il paese si trascina da quasi un decennio.

Segretario, posso chiederle un parere circa i primi tre mesi dell'Amministrazione Cessa?

«Non c'è tantissimo da dire, è presto per dare giudizi. Noi, come SEL, abbiamo condiviso il programma, un po' meno la scelta degli Assessori; in questo caso, avremmo fatto una scelta diversa, ma la decisione spettava al Sindaco. Quel che è certo è che il Sindaco e la nuova Giunta devono affrontare un sacco di problemi, ereditati da anni e anni di Amministrazioni, che hanno fatto sì che il paese si sviluppasse in maniera assolutamente disordinata».

Cosa ha portato Casamassima a questo stato di degrado? Quali errori sono stati fatti a suo parere?

«In questi anni si è pensato solo a costruire, costruire e costruire. Sono mancate del tutto le Istituzioni e  sopratutto una comunicazione con i cittadini: il paese è stato gestito malamente per troppo tempo. Negli ultimi dieci anni, le vecchie Amministrazioni hanno fatto tutto tranne che interessarsi ai cittadini; si sono invece interessate sempre e solo all'Auchan, al suo ampliamento, mentre il paese intanto moriva».

Oggi quali sono le priorità per la cittadina?

«Io comincerei con creare nuovi luoghi di aggregazione: vedere la piazza della città deserta alle otto di sera è tristissimo; oramai i casamassimesi vanno all'Auchan se fa caldo per trovare un po' di fresco, e sempre all'Auchan se fa freddo per riscaldarsi e passare il tempo. Noi ci auguriamo che la nuova Amministrazione crei le condizioni per far rivivere finalmente il paese, la piazza. La priorità, secondo noi, è ridare vivibilità al paese ed anche rieducare al senso civico i cittadini»

Dunque avete fiducia nella nuova Amministrazione Cessa?

«Certamente, d'altronde apparteniamo alla stessa coalizione ed abbiamo condiviso il programma. Ci fidiamo di Vito Cessa: probabilmente, se ci fosse stata un'altra persona, noi non avremmo fatto parte della coalizione. Ripeto, è presto per giudicare l'operato della nuova Amministrazione, potremo farlo non prima dei primi mesi del 2016. Anche per le polemiche è presto, eppure già ne stanno sollevando moltissime, come per esempio sul caso dei rifiuti; purtroppo non si può fare più di tanto, almeno per ora: i problemi dipendono dall'ARO, non dall'Amministrazione».

Una sua lettura sulla "crisi politica" o sui malumori tra il capogruppo di Libera Casamassima, Giuseppe Nitti, e gli altri della maggioranza?

«La situazione la vedo "male". Insomma, magari ci sono stati degli accordi non rispettati a discapito di Giuseppe Nitti, ma adesso basta. Queste "uscite", questi malumori in Consiglio devono finire. Consiglierei a Nitti di essere più paziente. Magari chiarire la questione in altre sedi, ma deve tornare a stare con la maggioranza».

VALERIA MARANGI

Commenti  

 
#1 Lupomb inca***to 2015-10-05 16:27
E' ora di finirla con lo scaricabarile delle colpe. I politici casamassimesi che si sono succeduti nel tempo al governo della città sono tutti responsabili, nessuno escluso. Il paese è diventato irriconoscibile, in male, rispetto a quello che ricordo era una trentina di anni orsono.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI