Lunedì 23 Settembre 2019
   
Text Size

INTERVISTA ESCLUSIVA A ROCCO CARLOMAGNO

carlomagno

 

 

“E’ stato tutto tagliato, le immagini non sono state fatte vedere.”.

Rocco Carlomagno, in esclusiva nazionale su Casamassimaweb, contattato telefonicamente dalla redazione racconta quello che non si è visto nelle immagini che hanno fatto il giro del mondo, da facebook ai quotidiani nazionali e internazionali.

Il disturbatore, eroe della rete dove circola la libertà d’informazione, ama definirsi freelance. Ha osato disturbare il premier con delle domande coraggiose, non di quelle preconfezionate come si conviene nelle monotone conferenze. Per questo, dice di aver ricevuto pugni dal Ministro Ignazio La Russa.

Carlomagno parla di un premier anomalo, fuori dalla realtà, e di una trama ordita per nascondere le immagini del ‘picchiatore’, La Russa, che gli avrebbe sferrato i pugni. Lui ha già un teste, la giornalista del Secolo d’Italia.

“Oggi querelerò il ministro La Russa per aggressione nei miei confronti – annuncia Carlomagno ai nostri telefoni - perché ho una costola ancora indolenzita, ho una serie di dolori intercostali perché ho ricevuto dei pugni nello sterno e forti gomitate.”.

Ecco il racconto di Rocco Carlomagno estratto dall’intervista audio:

“Mi sono accreditato con la carta d’identità intorno all’una per questa conferenza stampa che, a Roma, Berlusconi aveva indetto. Da freelance, anche se non sono iscritto all’albo, molti blogger erano riusciti a entrare regolarmente rilasciando i propri dati.

Mi sono seduto in penultima fila. E’ cominciata questa conferenza stampa dove voi avete sentito i soliti monologhi di un Presidente del consiglio che è ormai fuori dalla realtà, che è un personaggio anomalo e unico come lo descrivono in tutto il mondo. Dopo un’ora abbondante di monologo e soliloquio io e la giornalista dell’Unità ci siamo permessi di alzare il dito. Accanto a me, alla mia destra, c’era una giornalista del Secolo d’Italia di cui non faccio nome, lo farò stamattina ai magistrati.

Questa giornalista era tranquilla, garbata…a un certo punto quando hanno visto che noi abbiamo incominciato ad incalzare di domande concrete il premier, perché loro avevano organizzato una conferenza stampa di plastica dove arrivano giornalisti del loro ambiente di centrodestra dallo scadente profilo deonotologico… La prima domanda che ho fatto è perché nella presidenza del consiglio venivano occultati i bilanci della protezione civile.

Quando sono stato in aula alla camera il 18 febbraio 2010 il parlamentare del partito democratico Zaccaria ha detto in aula che Bertolaso aveva occultato i bilanci del dipartimento di protezione civile attraverso il decreto legge 343 d’accordo col governo nel 2001. Perché occultarli?

Questa è la domanda che volevamo porre. Questo sistema di tangenti è una delle più grandi e clamorose nella storia della Repubblica. Si è innervosito La Russa, ha fatto alzare la giornalista accanto a me e ha cominciato a tirarmi i pugni. E’ stato tutto tagliato, le immagini non sono state fatte vedere.”.

BERLUSCONI E LA RUSSA CONTRO ROCCO CARLOMAGNO

Commenti  

 
#3 :- 2010-03-12 16:52
un ministro della difesa che alza le mani a chi fa semplicemente una domanda in corso d conferenza stampa?? questa è diventata l'Italia...
 
 
#2 Francis 2010-03-11 23:24
Incontrandoti per caso ti dissi: grida sempre in alto e forte la verità di cui sei portatore. Ti stimo per la coerenza e il coraggio, non chini la testa, sei fiero. Che ti rugga sempre dentro il tuo spirito guerrier.
 
 
#1 Domenico Paparo 2010-03-11 18:18
Un piccolo grande uomo :-)
Rocco non sei solo i tuoi fratelli non ti abbandonano !!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.