Venerdì 14 Dicembre 2018
   
Text Size

Famiglie numerose o indigenti, abbattimento dei costi

Casamassima- Famiglie Numerose- Ambito territoriale

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

 

L'Assessore Spinelli illustra il contenuto dell'avviso pubblico "Interventi per famiglie numerose" e fa un bilancio sui principali disagi di Casamassima.

 

Importante comunicazione per i nuclei familiari dell’Ambito Territoriale Sociale di Gioia del Colle, Casamassima, Turi e Sammichele di Bari con quattro o più figli minori a carico. Potranno infatti usufruire di nuove agevolazioni e nuovi contributi per diversi servizi, inseriti nel bando "Famiglie numerose".

A parlarcene  è l'Assessore Spinelli che, nell'intervista gentilmente rilasciataci, ci fornisce anche un'analisi sui maggiori disagi sociali presenti a Casamassima e sui progetti attivati per farvi fronte.

 

Può spiegarci in cosa consiste  questo avviso?

«L’avviso pubblico è rivolto ai nuclei familiari dell’Ambito Territoriale Sociale di Gioia del Colle, Casamassima, Turi e Sammichele di Bari con quattro o più figli minori a carico che potranno usufruire di agevolazioni-contributi per diversi servizi come: refezione delle scuole dell’infanzia e delle scuole primarie, trasporto scolastico nel territorio comunale urbano ed extraurbano; imposte e tributi di competenza comunale; trasporto scolastico in altri comuni rispetto a quello di residenza e per l’uso di mezzi di trasporto per raggiungere il posto di lavoro, fuori sede; acquisto di beni di consumo di carattere parasanitario (latte,pannolini,ecc..) e sanitario per i prodotti non coperti dal servizio sanitario. Tali agevolazioni e contributi rientrano nel programma locale di interventi per le famiglie numerose, predisposto dall’Ufficio di Piano e finanziato dalla Regione Puglia con atto dirigenziale n. 818/2009».

Chi può accedere al contributo?

«Possono presentare domanda: i nuclei familiari, anche monogenitoriali, con numero di figli conviventi minori pari o superiori a quattro, compresi eventuali minori in affidamento familiare, in affido preadottivo, residenti in un Comune dell’Ambito territoriale di Gioia del Colle; i nuclei familiari composti da cittadini italiani o da cittadini di uno stato appartenente all’Unione Europea, oppure, cittadini extracomunitari in possesso del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno) o di un permesso di soggiorno di durata non inferiore ad un anno, residenti in Puglia da almeno sei mesi; i nuclei familiari che attestino una situazione economica valore ISEE, Anno 2015 non superiore ad € 20.000,00. I figli minori non devono aver compiuto il 18° anno di età alla data 31.12.2014 e i nuclei familiari devono aver sostenuto spese documentate per la frequenza e l’utilizzo di servizi prima specificati».

Quante domande sono pervenute finora? Qual è il budget a disposizione del Comune di Casamassima per questo bando?

«A queste domande, purtroppo, non posso dare una risposta esaustiva perché il bando è ancora aperto e scade il 15 Settembre. Le assistenti sociali non sono ancora riuscite a fare una stima di quante famiglie di Casamassima vi hanno partecipato. Posso dirvi però che sicuramente l’avviso è giunto, tramite Ufficio Anagrafe del Comune di Casamassima, alle famiglie interessate. Si tratta di un bando gestito comunque dall’Ambito, quindi, in rete con i Comuni di Turi, Sammichele e Gioia del Colle. Infatti, le domande di partecipazione sottoscritte dal richiedente ed indirizzate alla Responsabile dell’ Ufficio di Piano Comune di Gioia del Colle devono essere presentate direttamente al Protocollo Generale del Comune di Gioia del Colle oppure del Comune di residenza.

Approfitto per ricordare che alla domanda deve essere allegato lo Stato di famiglia o autocertificazione con allegato documento di identità; l'attestazione ISEE 2015; il permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno) o permesso di soggiorno di durata non inferiore ad un anno, residenti nel Comune di questo Ambito territoriale da almeno sei mesi, per i cittadini extracomunitari; l'autocertificazione delle spese sostenute dal nucleo familiare con eventuali giustificativi di spesa».

 

Cambiando argomento, quali sono i maggiori disagi sociali riscontrati a Casamassima? Quali interventi si pensa di attuare per migliorare il welfare di questa cittadina?

«Casamassima ha una realtà sociale molto complessa, data anche la vicinanza a Bari, quindi l'esistenza, tra l'altro, di un fenomeno di migrazione interna. L'area di maggiore criticità in loco è quella minorile, tanto che proprio l'entità della popolazione minorile incide per ben il 33% sull'allocazione delle risorse del Piano Sociale di Zona. Nel tempo sono stati attivati vari servizi, in base alle necessità di intervento, che vanno dal sostegno didattico ed educativo antidispersione scolastica, promosso dalla Cooperativa Sociale "Vita Activa" e da "Famiglie Accoglienti", all'accoglienza presso il centro diurno "Pia Domus Cristo Re" e presso il centro semiresidenziale "Maria Montessori", fino all'extrema ratio dell'istituzionalizzazione presso comunità su provvedimento del Tribunale per i Minorenni. Il comune di Casamassima si è accreditato come ente di Servizio Civile Nazionale e questo garantirà un notevole ritorno per il nostro territorio sia a livello socio-occupazionale di n. 5 volontari, sia perché ho ritenuto orientare la relativa progettazione, da un lato in materia ambientale e, per quanto attiene l'area sociale, in merito all'ambito minorile. Ciò potrà rafforzare e potenziare i servizi per minori già garantiti sul territorio.

Altra area da tempo troppo dimenticata è quella della disabilità, in merito alla quale stiamo programmando nell'imminente futuro di avviare una seppur piccola progettualità di natura sportiva, oltre a garantire, si spera al più presto, l'apertura del centro aperto polivalente per disabili, in merito al quale si sta valutando l'allocazione più idonea.

Non meno rilevante l'area anziani, già supportata dal Servizio domiciliare Sad/Adi ed in merito alla quale è nostra ferma volontà restituire il centro polivalente anziani sito in Via Pacinotti. Di certo una grossa problematica riveste la perdita del lavoro, a fronte della quale stiamo lavorando per l'attuazione di progetti di inclusione socio-lavorativa, poiché ritengo che sia la migliore modalità d'intervento, pur non potendo scardinare l'assistenzialismo, ossia l'erogazione di contributi economici, che, però, saranno erogati per lo più, con appositi bandi, che avranno come criterio emergenziale cardine l'emergenza casa.

Tengo a precisare che il lavoro svolto dal Servizio ed i nostri obiettivi politici sono attuabili soprattutto con la piena collaborazione delle associazioni, cooperative, parti sociali e tutti gli attori del terzo settore locale. È   per questo che ho tenuto, in data otto settembre, presso l'aula consiliare, un tavolo di concertazione, a cui ho invitato i servizi socio-sanitari (s.sociali, consultorio, Sim, Riabilitazione, UEPE, USM), i dirigenti scolastici, le associazioni, le cooperative, le fattorie didattiche, gli asili privati. Il tutto, al fine di incentivare la progettazione concordata e partecipata col patrocinio del comune di Casamassima, garantendo anche la disponibilità della sottoscritta ad accompagnare la stesura della progettazione, riservando un apposito giorno di ricevimento presso il plesso Monacelle (il Venerdì dalle 10.30 alle 12.30). Tanto, anche al fine di coordinare le progettualità e gli interventi, affinché siano mirati ed efficaci. A tal fine ho evidenziato, nello stesso incontro, la necessità di convocare almeno mensilmente un tavolo di rete con i servizi socio-sanitari ed i dirigenti scolastici, primi osservatori dei disagi minorili».

Le parole dell’Assessore fanno ben sperare; ci fanno immaginare un lavoro di rete, che vede tutte le realtà di tutte le età protagoniste nell’educare e sensibilizzare alla crescita e miglioramento della cittadina in toto e dei suoi singoli componenti. Più partecipazione e confronto, meno lotte e discriminazioni.

 

Angela Redavid

 

 

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI