Mercoledì 19 Dicembre 2018
   
Text Size

Pulizia Post Mercato: richiamo all'ordine per l'Ecologica Pugliese e per i commercianti

Casamassima-Pulizia Post Mercato richiamo all'ordine per l'Ecologica Pugliese e per i commercianti

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

Continua la guerra agli incivili

La guerra alla sporcizia e agli atteggiamenti incivili è ormai scoppiata ed è in pieno svolgimento. Tuttavia, al posto di bombe e fucili, qui si combatte a suon di sanzioni e ordinanze severissime. Ultima arma per cercare di debellare il fenomeno è l'ordinanza approvata lo scorso 28 agosto. Lo stesso nome dell' ordinanza, la n.72 del 28/08/2015, "Disposizioni per migliorare la pulizia del mercato settimanale" la dice lunga e allo stesso tempo chiarisce benissimo l'oggetto dell'ordinanza stessa: l'Ecologica Pugliese, la tanto discussa società di gestione dei rifiuti, è stata "richiamata all'ordine" dalla neo Amministrazione che ammonisce e ordina pertanto agli operatori di attenersi, al termine dell'attività del mercato settimanale, ad alcune regole. Ugualmente richiamati all'ordine sono stati i commercianti ambulanti che il sabato mattina popolano il mercato settimanale.

L'Amministrazione, in un'ordinanza che sembra quasi un decalogo di norme di comune buon senso, ma purtroppo non così ovvie per molti, raccomanda di raccogliere i rifiuti derivanti dal merato settimanale, compresi tutti gli imballaggi, cellophan e polistirolo. Si raccomanda inoltre che carta e cartone vengano sempre ripiegati e legati al fine di evitare la loro dispersione nell'ambiente. I rifiuti organici, si raccomanda nell'ordinanza, dovranno essere chiusi in sacchetti biodegradabili. I rifiuti restanti dovranno essere conservati in sacchi biodegradabili ed essere ben chiusi. Non bisognerà poi accatastare cassette, scatole vuote e imballaggi nel posteggio in concessione.

Le pene pecuniarie per i trasgressori andranno da un minimo di 25 euro ad un massimo di 500 euro. Se il trasgressore continuerà ad ignorare le norme, potrà addirittura essere sospesa la sua attività commerciale per cinque settimane. L'ordinanza è una nuova cartuccia da sparare per l'Amministrazione, che in merito alla questione sta usando il pugno di ferro. Sortirà i suoi effetti? Intanto, spiace constatarlo, almeno per questa settimana, non mancano segnalazioni di abbandono dei rifiuti e altre inciviltà alle quali, purtroppo, l'occhio del cittadino di Casamassima è purtroppo avvezzo.

VALERIA MARANGI

Commenti  

 
#4 Mercante Pentito 2015-09-14 10:51
Sindaco ma perchè continui a fare ordinanze inutili. Il comandante non ti ha detto che esiste un regolamento del mercato che impone la pulizia della piazzola affidata, continui a scrivere perchè non riesci a far rispettare le cose esistenti? In verità solo un assessore ha lavorato per tenere pulito il mercato negli ultimi anni, una persona che non ho votato e...forse non voterò, ma che onestamente, devo ammettere, era l'ultimo ad andar via dal mercato quando tutto era pulito. Anche gli operatori ecologici erano contenti, in questa maniera il mercato si puliva velocemente. I vigili erano sempre al suo fianco pronti a sanzionare: bastone e carota quindi, senza scrivere carte inutili e ripetitive. Per me, che pulisco sempre la mia piazzola non cambia nulla, ma per i furbi dell'ortofrutta si.
 
 
#3 Cesso 2015-09-12 14:23
Caro sindaco e tutte le promesse che hai fatto in campagna elettorale? Il paese e ancora più sporco di prima. Non hai fatto nulla la ditta quella era quella rimasta così come la sporcizia che aumentata. ***
 
 
#2 Mariano 2015-09-08 09:20
I residenti della zona, oltre al mercato del sabato, si devono sopportare per tutta la successiva settimana la sporcizia che questo crea. Buste svolazzanti, cartacce, materiale organico, scarto di verdure e frutta ecc. che spesso invadono i cortili (privati) dei condomini circostanti.
Basterebbe che il comando di Polizia Locale vigilasse sulle operazioni di ripulitura.
 
 
#1 La caricatura 2015-09-08 06:23
Si perde il pelo ma non il vizio. Nonostante siamo stati educati attraverso i nostri genitori, la scuola, la famiglia e nel nostro dna sporcare, deturpare, inquinare l'ambiente. L'uomo è nato per distruggere e dominare. Allora ci vuole repressione, sempre se le forze dell'ordine e istituzioni sono all'altezza. Spesso capita l'amico dell'amico, il nipote del politico di turno, etc etc etc all'infinito.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI