Mercoledì 19 Dicembre 2018
   
Text Size

Cessa gela Nitti

Casamassima-Il sindaco Cessa e il suo vice Palmieri alla prima processione (foto Amo Casamassima)

 

Articolo pubblicato su "La Voce del Paese" in edicola la settimana scorsa 
“Non farò nessun rimpasto”. E la rete si scatena

In merito all’ultima lettera inviata da Alessio Nitti non ritengo che questi modi perentori e intimidatori siano adatti alla nuova politica che stiamo portando avanti a Casamassima. Mi ritrovo a ribadire che nei poteri di un sindaco c'è la scelta degli assessori e non della carica della presidenza del Consiglio. Io ho offerto sia a Nica Ferri che a Giuseppe Nitti, entrambi della lista civica Libera Casamassima, la possibilità di far parte della giunta, ma hanno rifiutato.
Rilevo un caso di miopia politica nella lettura mediatica che c'è stata del primo consiglio comunale. Si parla di maggioranza mancata con riferimento all’elezione del Presidente del Consiglio. Si è omesso completamente il giudizio di voto positivo sulle linee programmatiche: è questo il passaggio importante in cui si misura la fiducia verso un sindaco e il suo progetto. Il programma di coalizione su Casamassima, di cui io sono e sarò sempre il primo garante, è stato votato da tutta la maggioranza, fatta eccezione di Giuseppe Nitti, che si è astenuto. La maggioranza, dunque, c'è eccome.

I cittadini non ci hanno eletti per simpatia, ma per portare a termine il programma che abbiamo presentato loro durante la campagna elettorale. Il mio invito è quello di abbandonare i personalismi e lavorare seriamente per realizzare le promesse fatte. Lo ricordo anche a Giuseppe Nitti che sono sicuro rispetterà la fiducia dei suoi 487 elettori, che hanno votato lui e il nostro progetto. Continuiamo il lavoro di squadra iniziato in campagna elettorale.

C'è un tempo per ogni cosa e questo non è quello dei rimpasti. La giunta adesso ha una urgenza su tutte: IL BILANCIO DI PREVISIONE 2015. Stiamo facendo una corsa contro il tempo, ci siamo insediati a metà giugno e ci siamo trovati a risolvere molti problemi. In poco più di 30 giorni ci troviamo a preparare il bilancio di un anno, partendo da zero, dato che il lavoro non era neppure stato avviato da chi ci ha preceduti. Nel mio programma ho anche parlato di bilancio partecipativo, ma questo ovviamente lo attueremo dal prossimo autunno, quando inizieremo a lavorare sul bilancio del 2016.

Ritorno all'invito a dimettermi che mi ha fatto Alessio Nitti: non credo che un sindaco che ha raccolto il 49,8% delle preferenze al primo turno e il 71,02% al ballottaggio, debba dimettersi ora per una questione di cariche, che ribadisco, non sono nella mia disponibilità. Casamassima ha bisogno di risposte e fatti concreti.
VITO CESSA
(Sindaco di Casamassima)
_____________________________________________________________
ANCORA PIOGGIA DI COMMENTI SU CASAMASSIMAWEB.IT

Ecco uno dei tanti commenti: Il bravo professionista dottor Cessa in politica sta dimostrando inesperienza e forse incapacità.
In questo momento, con una giunta misericordiosa, inesperta e che di politica non comprende nulla, deve soltanto evitare di replicare, esprimere considerazioni e proclami inutili.
In questo momento deve solo dimostrare di fare quello che ha promesso ed in caso contrario, deve ritirarsi e dedicarsi alla sua attività di medico di cui, nessuno può o potrà esprimere pareri negativi.
Per quanto riguarda il risultato elettorale, sarei cauto nel millantare vittorie del 71,02 % in quanto i dati attestano un 71,02 di una sparuta minoranza di persone.
Inoltre, con una maggioranza debole e piena di mal di pancia al primo consiglio, veramente rischiamo di ridere per tanto come scrive giustamente altro commentatore in un post precedente.
È anche vero che in caso di defezione di qualche componente di maggioranza, il nostro consigliere grillino potrà farle da supporto avendo già dimostrato di essere molto accondiscendente.
Tanto alla fine sono Grillini o grilletti ed in salti sono molto pratic.

Commenti  

 
#2 RONIN 2015-08-18 20:17
un tempo per ogni cosa?
e nel frattempo ci ammaliamo di colera?
 
 
#1 Considerazione 2015-08-03 22:00
Dispiace che un bravo medico,una brava persona sia tentata ad imbarcarsi in un'avventura di questo tipo.
Tutti conosciamo il dottor Cessa, l'amico di sempre Vito, ma nessuno poteva immaginare questa sua scelta di avventurarsi in politica.
Amministrare e gestire gli accordi politici, sono cose difficile e non facili ed allora ,ci chiediamo il perché di questa avventura.
La squadra non regge, è inesperta e poco preparata per gestire una comunità difficile come Casamassima.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI