Mercoledì 19 Dicembre 2018
   
Text Size

Santa Chiara… non c’è ancora chiarezza!

Casamassima- Santa Chiara-Lo striscione di protesta

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

La polemica irrompe anche nel primo Consiglio comunale di Cessa. Andrea Palmieri prova a chiarire la questione. Palmieri: “Abbiamo salvato quasi 1 milione di €” “Era l’unico modo per recuperare immobile e soldi”

 

L'assessore Andrea Palmieri, durante il Consiglio Comunale di mercoledì scorso, si è visto costretto, ancora una volta, a chiarire la questione dei locali dell'ex convento di Santa Chiara, che, lo ricordiamo, saranno destinati a diventare appartamenti per gli studenti universitari della Lum. Interviene pertanto Palmieri: «Per quanto riguarda Santa Chiara i progetti che esistono su quell'immobile sono tre: entrando dalla cancellata sulla destra c'è un immobile per cui è previsto un finanziamento per l'attuazione di un Museo della Civiltà Mediterranea; al secondo e terzo piano c'è una zona destinata ad un progetto con destinazione culturale e turistica; tuttavia, per quanto riguarda il piano terra, cioè i locali destinati al Museo della Civiltà Mediterranea, ci siamo resi conto che il progetto era stato firmato da un ingegnere e non da un architetto come previsto da diverse normative; al di là di questo c'erano inoltre da fare delle modifiche al progetto; una volta ottenuto il parere della sovraintendenza torneremo a parlare con l'Ufficio regionale e capiremo se ci sono i tempi per una gara d'appalto che rispetti i termini di consegna». Il terzo progetto è quello più discusso e riguarda  i lavori di recupero di parte del convento di S. Chiara con destinazione individuata nella delibera della Giunta n. 115 del 13/07/2015, parzialmente destinate ad  alloggi per studenti. Continua l'Assessore: «Costruire delle case popolari avrebbe significato la distruzione totale delle cellette per le monache; l'unica tipologia di intervento che potevamo fare, se individuavamo un destinatario, era un intervento conservativo cioè un intervento che lasciasse intatte tutte le parti del convento che hanno un valore storico. Per cui tra i destinatari possibili, l'unico progetto che potrebbe salvaguardare da un punto di vista architettonico l'ex convento è quello che individua come destinatari gli studenti, perché sono alloggi che prevedono delle stanze singole. A noi d'altronde interessa recuperare quell'immobile conservando il suo valore storico ed architettonico. Non è facile trovare dall'oggi al domani dei finanziamenti e se non avessimo deliberato per lo studentato avremmo perso il finanziamento Pirp, un finanziamento da 916.902,77 euro».

VALERIA MARANGI

Casamassima- Santa Chiara-La difesa del vicesindaco e assessore Andrea Palmieri

Commenti  

 
#8 Cittadino 2015-08-03 21:23
Altro che stipendio a spese dei cittadini e tutti i gettoni di presenza alle varie commissioni inutili che faranno, non Le avete considerate.
Ma queste caro scrivente Nittinsonne sono zero, rispetto a quanto si accingono nel mettere mano nelle nostre tasche.
Vedrete come aumenteranno le tasse per la nostra comunità.
La Tari è il primo passaggio, poi come al solito saranno bravi a dire sciocchezza come il loro leader nazionale che sta finendo di precipitare l'Italia con le favole delle riforme.
 
 
#7 Nittinsonni 2015-08-03 12:41
Palmieri non sei idoneo. Torna a casa e finalmente inizia a lavorare invece di prendere lo stipendio dal Comune a spese dei cittadini
 
 
#6 Chiaritevi le idee 2015-08-03 09:56
A proposito di studentati, "evidentemente pilotati" dai padroni del feudo di Casamassima, avete mai chiesto perché un progetto
per uno studentato (nuovo e idoneo alla vita civile degli studenti) proposto da gente qualsiasi non incline alla corruzione, non è mai approdato in Consiglio Comunale?. Chiedetelo ai vecchi consiglieri comunali ancora in carica ed incominciate ad aprire gli occhi. O forse siete affetti da cecità mentale?
 
 
#5 Considerazione 2015-08-01 14:02
Ma di cosa Vi meravigliate, ma nei 20 anni precedenti di amministrazione becera della sinistra cosa avete visto?
Cemento, alloggi come batterie per polli, proposte favorevoli per eco mostri di centrali elettriche.
Coccodrilli inizia adesso il grande pianto!!!
È' appena cominciata la grande avventura, preparatevi:
Tasse, degrado e altre operazioni di colonizzazioni.
Questo avete voluto e questo Vi meritate, struzzi, anzi capre come vi ha definito un precedente scrivente.
 
 
#4 giardiniere 2015-07-31 15:25
Ca nisciune è fess, a do sta tu, tu si u prim.
Usi luoghi comuni per giustificare il tuo no o il tuo dissenso. nessuna attività può svolgersi se non sono rispettate le norme di sicurezza e quelle per i portatori di handicap, per cui gl'impianti DEVONO essere realizzati a prescindere la destinazione d'uso.
 
 
#3 war 2015-07-31 00:00
Non tutti gli studentati hanno le cucine e tutto il resto dell'elenco fatto da "Ca niusciun e Fess" son cavolate perché ogni struttura antica per ospitare delle nuove attività, di qualsiasi natura esse siano, devono essere a norma e questo significa scale antincendio ecc. ecc. Infatti tra non molto anche Monacelle avrà la sua scala antincendio altrimenti non potrà essere usufruita.
 
 
#2 Casamassima parla 2015-07-30 18:56
Caro Assessore ci deve spiegare perché
L’università privata di De Gennaro, per realizzare le strutture private da destinare ad alloggi per studenti, si deve utilizzare una struttura pubblica che appartiene quindi a tutti i cittadini, utilizzando risorse finanziarie pubbliche?
La LUM può cercare altrove le strutture per fare alloggiare i propri studenti!
E poi non bastano tutti i regali milionari per tasse comunali mai pagate, fatti dalle amministrazioni di casamassima alla famiglia De Gennaro negli ultimi trent’anni?
E poi voi del PD vorreste ancora aumentare le tasse ai poveri cristi, aumentando Tasi-Tari, Imu, oneri concessioni edilizie, multe vigili urbani, accise utenze domestiche, irpef, ecc
Caro Assessore ma Lei e i suoi colleghi di partito la mattina quando vi vedete allo specchio vi fate un esame di coscienza e vi chiedete ma io per chi lavoro per i cittadini o per chi?
 
 
#1 Ca Nisciun è Fess 2015-07-30 12:31
Il complesso architettonico Santa Chiara
Non può oggettivamente ricevere una destinazione ad alloggi per studenti, perché si andrebbe a snaturare la qualità artistica e storica dello stesso immobile.
Ovvero con tale tipologia di interventi si cancellerebbero i caratteri architettonici originari dello stesso complesso, in quanto un intervento di questo tipo, comporta lavori per la
realizzazione di camere singole e/o doppie;
realizzazione di bagni per ogni singola camera;
realizzazione di cucine per la preparazione di pasti;
realizzazione di sale per attività ricreative in comune;
realizzazione di sale studio;
realizzazione di vani scala;
realizzazione di vani ascensore;
realizzazione di corridoi;
Questo significa non poter più percepire la qualità architettonica attuale, che corrisponde a spazi aperti e comuni e soprattutto uno studentato ha la natura di spazi suddivisi e privati.
Inoltre realizzare camere, bagni, corridoi, vani scali e quindi rampe, significa creare aperture nelle murature portanti, modificare volte, realizzando pilastri, travi e solai in cemento armato, che stravolgeranno l’architettura originaria e le sue forme che ci sono state tramandate che oltre seicento anni di storia.
Il complesso architettonico Santa Chiara
Ha bisogno di essere preservato, recuperandolo le sue forme e rispettando la sua essenza di spazio culturale che conserva, produce e propone cultura.

CHI PROPONE DI REALIZZARE ALLOGGI PER STUDENTI NEL COMPLESSO SANTA CHIARA, OFFENDE LA MEMORIA STORICA DEI CITTADINI E DIMOSTRA DI NON PORTARE RISPETTO ALLA CULTURA DI CASAMASSIMA CHE COMUNQUE CI APPARTIENE.
Ca Nisciun è Fess
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI