Domenica 09 Dicembre 2018
   
Text Size

Le stranezze di Casamassima

Casamassima- Il candidato sindaco Giacomo Nanna

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

Intervista a Giacomo Nanna. Cosa resta del commissario Magnatta

In seguito alla lettera scritta al comune da Giacomo Nanna in merito alla situazione del manto stradale di via Roma, pubblicata sullo scorso numero, abbiamo deciso di incontrarlo per rivolgergli alcune domande e approfondire:

Come sei arrivato alla stesura della lettera? Hai ricevuto delle segnalazioni?

È una normalissima lettera, che avrebbe potuto scrivere qualsiasi cittadino. In via Roma sono stati fatti dei lavori, appaltati dall'Enel all'azienda Patano, che si sono conclusi il 5 giugno, e ora siamo al  9 di luglio e la situazione della pavimentazione è quella che è sotto gli occhi di tutti. Mi sono chiesto, ed è questo il senso della lettera: perché la pavimentazione non è stata sistemata? Chi doveva controllare? E perché l'azienda, che era tenuta a ripristinare le cose com'erano prima dei lavori non l'ha ancora fatto?”

Hai ottenuto delle risposte?

Di persona no, ma ad oggi ho saputo che l'azienda è stata diffidata. Non so se dopo o prima della mia lettera, una lettera semplicissima per mettere in risalto agli occhi dell'amministrazione e degli uffici competenti la situazione di via Roma, per la quale recentemente erano stati spesi 40.000 euro per il rifacimento del manto stradale. Credo si debba arrivare ad un punto in cui i cittadini devono farsi carico delle situazioni e portarle al comune, per chiedere spiegazioni su ciò che non va”.

Cosa ti senti di rispondere a chi ti accusa di portare avanti ancora la campagna elettorale?

È una cosa che mi fa ridere, come ho scritto in un commento. Fare una lettera che denuncia una situazione che riguarda la comunità vuol dire fare campagna elettorale? Pensa che per esempio la situazione di piazzetta Salvemini, dove erano sparite le griglie per lo scolo dell'acqua e c'era una questione di sicurezza per le persone, visto che qualcuno poteva farsi male, io l'ho ripresa da Amo Casamassima, e non credo che Amo Casamassima faccia politica. Ho preso la situazione e ho scritto agli uffici di competenza come avrebbe potuto fare qualsiasi cittadino, non perché sono il commissario dell'Udc. La gente deve capire che deve cambiare il modo di fare politica, il cittadino deve entrare nei meccanismi e avere la possibilità, come ce l'ha, scrivendo, di portare i problemi all'amministrazione e risolverli insieme. Questo è il modo di fare, io ti segnalo che c'è un problema e tu devi intervenire. Ti dico di più, la questione di via Roma l'ho appresa da facebook”.

L'altra tua iniziativa che abbiamo riportato è quella che riguarda i lavori di sostituzione del tronco fognario dell'Acquedotto pugliese in via Don Minzoni, ti piacerebbe parlarcene meglio?

Li ho solo riportato una nostra proposta, anche se fino ad oggi non ho avuto risposte e non so se sia stata presa o meno in considerazione. Ogni volta che piove un po’ di più via Don Minzoni si allaga, visto che l'Acquedotto sta sostituendo il tronco principale ed i relativi allacci per tutta la strada, ho proposto di intervenire anche sulla fogna bianca, scavando e mettendo dei canali con griglie lungo i marciapiedi, dove l'acqua andrebbe a riversarsi. Risolveremmo in questo modo tre problemi: dal punto di vista economico andremmo a risparmiare i soldi del rifacimento del manto stradale, che potrebbero essere investiti in altro modo; risolveremmo il problema degli allagamenti e non andremmo a dover spaccare nuovamente domani creando notevole disagio a chi ci vive e a chi deve passare per quella strada. Il mio intento era di proporre, portare un'idea e discuterne, per vedere se sia fattibile o meno. È una proposta che va nell'esclusivo interesse della comunità, affinché il problema venga risolto. Il troncone verrà sostituito anche in via Cisterne e in via Bari, e anche per quelle vie si potrebbe fare un discorso del genere”.

Un ultima domanda, mentre salivo ti ho sentito parlare di un terreno comunale che è stato donato, ce ne potresti parlare?

Eh..ti do un'anticipazione..questa è stata l'ultima cosa che il commissario prefettizio Magnatta ha fatto nel pieno dei suoi poteri. Ha donato un terreno di proprietà del comune alla Congregazione dei Testimoni di Geova. Abbiamo fatto richiesta agli atti per capire meglio la situazione e perché è stata presa questa decisione, a cavallo tra le amministrative e il ballottaggio. Diventa una questione politica, perché questa urgenza? Perché non lasciare questa situazione nelle mani della nuova amministrazione che a giorni si sarebbe insediata?”.

 

MARCO LOSETO

Commenti  

 
#4 ciccio bomba 2015-07-16 07:31
Non ti consco ma quello che dici eche stai facendo mi piace assai. Sono da 57 anni qui e devo dire lòa verità non ho, quasi, mai visto tutto quello che fai in così breve tempo. L'unica nota dolente è che hanno messo la tua foto accanto al Pigna. Speriamo ti vada bene e che lui non parli di te, hai visto cosa è successo in grecia? Grattatina obbligatoria giovinotto.
 
 
#3 Giacomo nanna 2015-07-15 13:34
Comprendo, amico mio, la tua profonda amarezza e il tuo disgusto, ma stai tranquillo a me con le mani nella marmellata non mi vedrai mai, perchè non mi piace. Io amo profondamente il mio paese e cerco di trasmettere questa passione a tutti. Dobbiamo cominciare a riprenderci quello che è nostro, prendere a calci quei poteri forti che hanno spolpato e continuano a farlo il nostro futuro e quello dei nostri figli. Sono convinto che se uniamo le forze ce la faremo. Denunciate e combattete per quello in cui credete, solo così vinceremo. Ha ragione politicamente deluso, la salita è lunga e ripida ma assieme sarà più bello.
 
 
#2 testimoniduc.... 2015-07-15 12:06
Scusate e a che titolo si è donato sto fondo? qui si continua a fare dell'horror... per non parlare di ciò che Cessa e company che io ho votato già stanno deludendo. Vedi la situazione case degli studenti. perché non fare le aule per il catechismo o le sale per gli scout oltre a contenitori culturali come musei o sale espositive per mostre temporanee. L'unica cosa bella che abbiamo che a livello architettonico merita è proprio l'ex monastero. e noi lo diamo in mano agli studenti che fra festini e party lo ridurranno in un centro sociale. Basta ma a chi volete far credere che lo fate per la comunità? avete messo le mani nel barattolo della marmellata e avete capito quant'è buona. Ma sciat a ......
Penso che finché ci saranno persone come Nanna che denunciano tutto va bene. Così ha cominciato Cessa e poi che ha fatto. Spero che il buon Giacomo fra 5 anni se non prima non strumentalizzi la campagna elettorale con ciò che sta evidenziando per poi riuscire a mettere le mani nel famoso barattolo di marmellata e poi accorgersi quanto buona sia.
 
 
#1 politicamente deluso 2015-07-15 11:55
Scusami Giacomo ma non mi trovi d'accordo a dover spiegare, a certi caproni, cose così scontate. Ti dissi, prima che tu decidessi, che Casamassima non era pronta al tuo modo di fare schietto e di poche parole, ma di tanti fatti. Hai voluto la bicicletta e mo pedala, la salita è lunga e ripida. Cmq devo dire che stai sorprendendo persino me. Bravo
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI