Domenica 09 Dicembre 2018
   
Text Size

“Sarò vigile”. La parola all’opposizione

Casamassima- Il consigliere Gino Petroni

Articolo pubblicato su “La Voce del Paese” in edicola la settimana scorsa

Gino Petroni ai nostri microfoni: “Sono un uomo di centro destra.

Il Concorso? Noi siamo sereni, abbiamo agito con trasparenza”

 

Come è spesso inevitabile, nell'immediato post-elezioni sono molte le polemiche e i politici entrati nell'occhio del ciclone. Tra questi, di certo, Gino Petroni, sconfitto nella sua corsa a sindaco e ora vittima di "chiacchiericcio", come lui stesso l'ha definito, che lo vedrebbe migrare verso altri lidi da un punto di vista politico. Prima dunque di cominciare l'intervista e anticipando ogni domanda, Gino Petroni asserisce: «Lo dico e lo ribadisco: Gino Petroni è un uomo di centrodestra e sempre lo sarà. Il Movimento Schittulli attraversa, è vero, un momento di crisi e di fratture; tuttavia se cambieranno alcune cose rimarrò nel Movimento. Stiamo già tentando di costruire un tavolo di lavoro con un nuovo gruppo di persone, assolutamente di centrodestra, che abbiano però le idee decisamente più chiare di alcune persone con le quali abbiamo stretto alleanze nella tornata elettorale appena trascorsa».

Quali sono dunque i suoi progetti alla luce dei risultati delle elezioni?

«Farò un' opposizione sana e costruttiva, in relazione anche alla mia esperienza nella precedente Amministrazione come Assessore al Commercio. Dove ci sarà da vigilare, vigilerò, stando particolarmente attento che il lavoro venga svolto con correttezza e trasparenza; vigilerò in particolare su alcune questioni  a mio parere deficitarie del Comune attraverso un controllo dall'interno. Se mi chiederanno di collaborare io sono qui. Lo scopo è comune, cioè quello di innalzare Casamssima a più alti livelli, da molti punti di vista».

Come commenta il risultato delle elezioni?

«Abbiamo perso ma era prevedibile, dal momento che ci siamo presentati disuniti alle elezioni. Se fossimo stati compatti avremmo probabilmente vinto perché Casamassima, per tradizione, è un Comune di destra, lo è sempre stato. Ho cercato, sin dal primo incontro al  Grazy , il 29 dicembre scorso, di unire tutte le forze di centrodestra, partiti e liste civiche. Personalmente credo di aver fatto tutto per unire e appianare le divergenze e ci sono persino documenti che lo provano. Purtroppo c'è stato qualcuno che non ha voluto. Con il senno di poi, io stesso avrei potuto essere meno rigido su certi punti. A Casamassima hanno perso sia i partiti che le liste civiche. Ma ci riproverò: il centrodestra, per vincere, ha bisogno di ritrovare unità!»

Cosa si sente di augurare al neo Sindaco di Casamassima?

«A Vito Cessa auguro con tutto il cuore un buon lavoro. Gli auguro soprattutto di poter lavorare in un clima di assoluta serenità»

Visti gli ultimi fatti, corre l'obbligo di porre a Petroni anche una domanda sul caso concorso vigili urbani che ha giustamente suscitato tanto clamore nella cittadina. Ricordiamo infatti che hanno ricevuto un avviso di garanzia tutti i componenti, fatta eccezione del vice sindaco Michele Bovino, dell'ex giunta capeggiata dall'allora sindaco Mimmo Birardi. L'accusa che ha colpito l'ex Amministrazione è quella di aver commesso presunte irregolarità per quel che riguarda un concorso per l'assunzione a tempo determinato di vigili urbani. Tra gli indagati, compare anche il nome di Gino Petroni, Assessore all'epoca dei fatti.

Signor Petroni, come risponde alle accuse?

«Non posso dire molte cose in questa fase delicata. Mi limito a dire che tutti noi ex assessori ed il Sindaco abbiamo la coscienza a posto; d'altronde abbiamo agito in piena trasparenza e legalità. Quella delibera di giunta fu avallata anche dall'ex segretario comunale. Pertanto siamo sereni e sicuri che le accuse cadranno»

VALERIA MARANGI

Commenti  

 
#2 Pieta 2015-06-30 13:58
Petroni, Ti preghiamo cosa devi vigilare se sei stato l'artefice di questo massacro della nostra comunità.
Se l'unico responsabile di aver mandato questi a governare Casamassima.
Purtroppo, Tu non sei di questo paese è questo è il motivo per cui ti interessa poco e nulla.
Dimettiti e fai entrare il tuo sacrificato ed umiliato Risoli, almeno tra giovincelli si capiscono o si capiranno di più.
 
 
#1 statcittocheèmegihe 2015-06-30 10:15
Petroni è l'unico e solo responsabile della frammentazione del centrodestra perchè incapacità e presunzione vanno sempre a braccetto.
Per questo motivo è stato ridicolizzato per tutta la campagna elettorale.
Siccome in 3 anni di amministrazione non si è accorto nessuno dell'esistenza di questo ex assessore fantasma, ha preso lo scettro dopo e ha distrutto il centrodestra combinandone di tutti i colori, facendosi cacciare da tutti e finendo per fare l'alleanza con FI che appoggiava un altro candidato presidente. Una mente fuori dal comune!
Ve lo vedete adesso a fare l'opposizione? E' forse capace di spiccicare due parole?
Signori della Redazione, sul concorso non perdete la testa. Petroni non sa nulla perchè non capisce nulla e non hai mai letto nulla.
Ascolta me, Petronschittullato, dimettiti e lascia perdere la politica, o prenditi qualche osso che ti può offrire il centrosinistra e vattene con i vincitori.
Nan si afftscen l'arie.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI