Domenica 16 Dicembre 2018
   
Text Size

Ancora un candidato sindaco per Casamassima: è Nicola Vallarelli

Il candidato sindaco Vallarelli

Articolo pubblicato su "La Voce del Paese" (ediz. Casamassima, uno dei 10 comuni), nelle edicole da venerdì scorso.


 


Ancora un candidato sindaco per Casamassima: è Nicola Vallarelli

L'ex consigliere comunale durante l’amministrazione Birardi individuato
come concorrente alla carica per Udc e Noi popolo

 

 

È ufficialmente l'ottavo nome annunciato nel listone dei candidati sindaci a Casamassima, realtà che si supera battendo persino i sette re di Roma. Scherzi della frammentazione politica dilagante in questo paese. Ha però le idee piuttosto chiare Nicola Vallarelli che, candidato per il partito Udc e per la lista civica Noi popolo, con estrema disponibilità ai nostri microfoni fa il punto della situazione sull'attuale fase.

Funzionario amministrativo presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Vallarelli è in politica dal 1983, anno in cui, dopo essersi iscritto alla sezione di Casamassima del Partito socialista italiano, è stato eletto per la prima volta consigliere comunale. Il suo impegno in politica è stato costante negli anni, tant'è che in più occasioni ha anche rivestito il ruolo di assessore, sempre a livello locale. La sua ultima esperienza si è conclusa di recente con la caduta dell'amministrazione Birardi, in cui ha rivestito il ruolo di consigliere comunale quale capogruppo dell'Udc.

Cinquantottenne con l'hobby del giardinaggio, Vallarelli è sposato e ha due figlie di 22 e 19 anni. Ha deciso di mettersi nuovamente in gioco perché il direttivo locale del suo partito per questa tornata elettorale avrebbe chiesto al segretario politico dell'Udc Pinuccio Massaro e al presidente Leonardo Cristantielli di individuare una figura che rappresenti "l'unità e la convergenza di intenti nella ricerca di un nuovo modo di fare politica amministrativa". Di seguito cosa ha dichiarato.


Lei è il candidato sindaco di Udc e Noi popolo. Come si è giunti a tale decisione?

"Partendo dai bisogni dei cittadini, dopo un'attenta ricerca sul territorio si è giunti ad individuare le caratteristiche del candidato ideale".

Tra i nomi più gettonati fino a poco tempo fa per rivestire tale ruolo nello stesso schieramento era tornato alla ribalta Mimmo Birardi. Cos'è successo nel frattempo e soprattutto quali gli attuali rapporti con la lista Trasparenza e legalità?

"Tra le virtù richieste ad un futuro sindaco vi sono sicuramente l'esperienza amministrativa, l'umiltà, il credere alla politica con la p maiuscola intesa come servizio per la collettività, requisiti, questi, che hanno determinato la scelta intrapresa, scaturita chiaramente dopo la rinuncia da parte dell'amico Mimmo Birardi per motivi di lavoro. Mimmo ha dato anzi il suo parere favorevole alla mia candidatura. Pertanto il movimento politico Trasparenza e Legalità, del quale condivido i principi, rimane per me un gruppo di ottimi amici che nel momento in cui dovessero decidere di convergere sulla mia candidatura andranno a rafforzare l'idea di una Casamassima migliore".

Come pensa la notizia della sua 'investitura' sia stata appresa dalle varie formazioni, siano esse di destra o di sinistra?

"Non saprei. Forse con sorpresa (piacevole o non). La democrazia è compiuta quando ogni individuo, nel rispetto delle regole civili, è libero di scegliere una candidatura o di accettarla e quindi quanti più candidati sindaci ci sono tanto più il cittadino è messo in condizione di scegliere con serenità".

Come crede di procedere con la campagna elettorale?

"La mia eventuale campagna elettorale (termine da me non molto gradito) sarà improntata alla massima serietà: zero promesse, se non quella dell'impegno, della lealtà, dell'assoluta trasparenza e dell'ulteriore spinta all'ascolto".

Quali punti toccherà il suo programma?

"Risanare il nostro paese, che ha di per sé un grande potenziale umano, sia a livello culturale che imprenditoriale, non sarà impossibile. Il compito è quello di una nuova programmazione strategica e di un continuo controllo del territorio".

Quali crede saranno i primi interventi che il prossimo sindaco sarà chiamato ad attuare in questa delicata fase della vita politica e sociale casamassimese?

"Sicuramente i primi interventi dovranno essere finalizzati a ridare slancio ed armonia all'apparato burocratico, tenendo conto che i funzionari del nostro Comune sono fra i migliori in assoluto in termini di preparazione professionale; tutto sta a saperli apprezzare. Io stesso da funzionario dello Stato so cosa significhi lavorare con spirito di servizio e talvolta non sentirsi apprezzati. In definitiva credo siano necessarie nell'immediato apertura alla società civile, ascolto del cittadino, buon senso, rispetto civico, organizzazione aziendale e solidarietà".

In un'ottica di 'larghe intese', crede per Udc e Noi popolo sarà possibile puntare su alleanze in vista delle amministrative?

"Non ho ancora firmato nulla; pertanto ritengo che le fasi di 'apparentamento' o di accorpamento dei vari gruppi o liste siano ancora in corso, ovviamente per il bene di questo nostro amato paese".

 

Commenti  

 
#3 Fino a che punto 2015-04-16 17:28
il nostro stomaco dovrà sopportare???
 
 
#2 vitamina c 2015-04-15 13:01
Nicola Vallardi - sindaco !!!!???? -e con quale coraggio :eek: :eek: :eek:
 
 
#1 pro nicola 2015-04-15 12:46
CONDOGLIANZE per la tua morte prematura.
Potevi e non hai fatto ? O ti hanno fatto perchè tu non potevi?
Marpione e non fidato l'EX-segretario UDC. Tanto ha fatto che ha trasformato una lista politica in serva con abito civico.
Ripeto CONDOGLIANZE a te e famiglia (politica).
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI