Lunedì 17 Dicembre 2018
   
Text Size

Grazie alla nostra inchiesta, anche Casamassima si costituisce parte civile contro la Lombardi

magnatta casamassima

Dopo la nostra inchiesta e le pressioni degli esponenti politici Rino Carelli e Franco Pignataro, dopo la replica e il polverone sollevato, il Commissario prefettizio torna sui suoi passi e si costituisce in nome e per conto del Comune di Casamassima (Delibera del Commissario Straordinario n. 44 del 16/03/2015) nel procedimento per reato di disastro ambientale a carico della Lombardi Ecologia che gestiva la discarica "Martucci" a Conversano, discarica che serve i comuni del bacino ex Ato Ba5, tra cui Casamassima.

Particolari e approfondimenti nel prossimo numero del “La Voce del Paese – edizione Casamassima”.


IN BASSO LA DELIBERA INTEGRALE.

SE NON RIESCI A VISUALIZZARLA, PER SCARICARLA CLICCA QUI

 

 

CLICCA QUI - RILEGGI LA REPLICA DEL COMMISSARIO ALLA NOSTRA INCHIESTA E LE CONTRODEDUZIONI

 

CLICCA QUI PER RILEGGERE L'INCHIESTA 

 

 

Commenti  

 
#2 Iodico 2015-03-20 15:20
Magnatta è persona perbene!
E voi pensate che la giustizia avrebbe avuto il suo regolare corso trattandosi di un vice prefetto inquisito?
Della Procura di Bari i "si dice" sono molteplici, ma personalmente ho piena fiducia nei magistrati baresi...
 
 
#1 Biagio Elefante 2015-03-18 16:43
Apprezzabilissima ed oltremodo utile a tutti i cittadini dei tanti comuni interessati la pubblicazione dell'integrale richiesta di rinvìo a giudizio, che credo sia farina della dr.ssa Fatiguso. Pubblicazione che conferma la eccelsa trasparenza del comune di Casamassima in fatto di pubblicazione di atti, senza della quale non sarebbe possibile esercitare l'utile controllo dal basso delle imprese di tecnici e politici, che noto abbastanza presente da parte dei casamassimesi, rispetto ad altri.
Va precisato che la costituzione di parte civile è possibile fino al dibattimento; vale a dire io non mi costituisco ora e mi costituisco dopo se c'è rinvìo a giudizio,appunto in apertura del giudizio, e specie in questa vicenda ove non è certo l'ennesimo soggetto parte civile, in aggiunta a tanti altri, che può cambiare la decisione del gip di rinviare a giudizio o prosciogliere gli imputati.

Credo che Magnatta abbia anticipato questa iniziativa a scanso di equivoci. Scelta indubbiamente non facile:non farlo poteva legittimare le voci sulle sue presunte cointeressenze, farlo alimenta quelle sull'essere stato "costretto" a farlo.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI