Domenica 16 Dicembre 2018
   
Text Size

Nica Ferri e Libera Casamassima si complimentano con Vito Cessa

nica ferri vito cessa

Pubblichiamo il Comunicato di LiberaCasamassima

 

LiberaCasamasima e Nica Ferri, a seguito delle primarie del centrosinistra, esprimono i più sinceri complimenti a Vito Cessa e a chi lo ha sostenuto per il brillante risultato ottenuto, e rivendicano con orgoglio di aver contribuito fortemente alla realizzazione di questa storica giornata di festa democratica casamassimese. Ora Egli è il candidato di tutta la coalizione e potrà proseguire il suo percorso con l'autorevolezza di una investitura così popolare.
Nel contempo LiberaCasamassima rivolge un sincero ringraziamento a Nica Ferri per l'esempio di determinazione e correttezza mostrati durante la competizione e per il raggurdevole risultato di consenso e fiducia ottenuti che costituiscono preziosa eredità per il prosieguo insieme dell'attività politica. 
Auguriamo a Vito Cessa di tenere in debita considerazione la straordinaria manifestazione di ieri e la domanda di cambiamento in essa contenuta, garantendogli ampio supporto nel segno di quel documento di valori da tutti sottoscritto e dal quale tutto è partito. 
Avanti tutti con coraggio nel rompere i vecchi schemi. Viva il bene comune, viva Casamassima.

 

nica ferri vito cessa

 

Commenti  

 
#11 Rosa M. 2015-03-06 21:30
Pregevole Alfiere Nero.
 
 
#10 Alfiere Nero 2015-03-06 21:19
Ad estimatore di AF

Ed infatti le ho risposto proprio perché ( ma non è proprio un merito ) non sono Renzi e Berlusconi.
 
 
#9 Alfiere Nero 2015-03-06 12:51
Attento dott. Cessa...
Lei e Pignataro ( mio antico interlocutore- convitato di pietra ) siete delle persone oneste ma siete poco preparati in Storia.

Al posto della Ferri tra la moltitudine di trappole in cui l'avrei fatta cadere c'è questa domanda sempre a proposito di Pasolini.
Lo sa come Pasolini definiva la DC? Un partito "interclassista qualunquista", proprio come il PD di oggi. Altro motivo per togliere quell'insegna!

Il suo messaggio è la migliore conferma del fatto che qualunquisti si nasce; da una parte e dall'altra della barricata. Difficile è stare, sempre, dalla parte dei vinti, della vita e della storia come diceva Pasolini. E arrivare alla mia età, da uomo libero. Non è facile; e lei me ne fornisce la patente.
 
 
#8 Alfiere Nero 2015-03-06 12:30
Caro Dott. Vito Cessa,

So giocare su più scacchiere contemporaneamente. Piuttosto è lei che non sta sul pezzo...( stampa ). Stia più attento! Le ho già risposto sull'altra scacchiera. Vede? In un confronto l'avrei fatta girare come una trottola...e costretto a un lorazepam sublinguale.

Comunque, confido nella sua onestà intellettuale e un po’ nella sua professione per liberarmi da una personale idiosincrasia. Si faccia promotore di togliere dall’insegna della sede del PD di Casamassima la dedica a Pier Paolo Pasolini. Può indicarmi anche una sola ragione che accomuna il poeta e scrittore all’attuale PD? O a Renzi? Dedicate il circolo a Spiderman, Spongebob, Cossiga , Andreotti: ma abbiate il gusto di togliere Pasolini!
D’altronde Renzi stesso, il cui parlare e pensare ad minchiam canis a parte il fatto di non avere scrupoli di coscienza, ha fatto riferimento al complesso di Telemaco scopiazzando a suo modo dal suo collega Recalcati.
Ora, lei sa che il complesso di Telemaco è l’inverso di quello d’Edipo e secondo l’eclettico Recalcati indica non cosa si eredita dal padre ma il modo giusto di ereditare. Siccome Renzi crede ancora di essere a Telemike e non a governare un paese cita a vanvera la Telemachia.
Insomma secondo Renzi dobbiamo rottamare Ulisse padre di Telemaco e quindi anche Pasolini. Alora che aspettate a rottamare l’insegna?
Ah! Dimenticavo! Renzi tutto rottama tranne suo padre Tiziano bancarottiere. Allora dott. Cessa facciamo una cosa, metta sul lettino Renzi e suo padre e poi Telemaco e suo padre Ulisse e veda che differenze ne esce…. Poi si metta lei sul lettino e si faccia dire da Recalcati il risultato.

Absit iniuria verbis
 
 
#7 UN ESTIMATORE DI AF 2015-03-06 11:11
Cessa Cessa, da un professionista serio e amabile come Lei non mi sarei aspettato una risposta ad AF così banale. Non si è obbligati a mettersi in gioco per poter esprimere le proprie idee, altrimenti sarebbero veramente tanti gli ambiziosi!
O forse a Lei fa comodo vivere tra ciechisordomuti???????
 
 
#6 UN ESTIMATORE DI AF 2015-03-06 11:06
Non ritiene la Sua risposta troppo evasiva?
Se Grillo e Casaleggio fisserO stati dei RENZI o dei BERLUSCONI?
 
 
#5 vito cessa 2015-03-05 12:38
Caro Alfiere Nero, mi cambia scacchiera?
Le ripropongo la domanda fatta altrove e alla quale non ha dato ancora risposta: perché non si mette in gioco in maniera costruttiva e propositiva, con la sua di faccia?
Ammiro la sua preparazione culturale, ma mi delude profondamente la superficialità dei suoi giudizi e la banalità delle sue proposte.
Squalifica la mia persona senza neppure conoscermi e riesce solo a fare proclami qualunquisti?
Peccato!
 
 
#4 Alfiere Nero 2015-03-05 11:39
Caro estimatore,

Io non rifiuto Di Maio e Di Battista, rifiuto Grillo e Casaleggio. Ecco, se si invertissero i ruoli li stimerei ancor di più.
Andassero a dire, come si deve parlare, scrivere, comportare e pensare nelle Istituzioni a quelli.
Anzi, a chidd.

Grazie
 
 
#3 Un estimatore di AF 2015-03-05 09:03
Dispiace che una persona seria, intelligente e colta, si rifiuti di tenere in considerazione politici come Di Battista, Di Maio e quanti rinunciano ai lauti compensi da parlamentari, rifiutando gli accordi capestri con i soliti banditi governativi.
Senza polemica alcuna, inviterei Alfiere Nero a spiegare questo suo rifiuto.
 
 
#2 Alfiere Nero 2015-03-03 20:50
Casa… pound

Ascoltate, lettori di Casamassimaweb, io non vi ho rotto mai le palle, tranne quando vi chiedevo in particolare almeno di non votare la “destra” casamassimese legata direttamente o indirettamente a Berlusconi; in seguito anche il PD mutato in Renzi. Quindi vi chiedo una cosa semplice semplice: vi va di votare scheda bianca alle prossime elezioni amministrative?
Molti diranno, e tra questi i finti benpensanti, telecomandati, venduti, lobotomizzati ecc ecc., che il voto è un dovere. E’ vero! Ma è anche vero che è un atto di coscienza. E facendovi un atto di coscienza di quelli veri vi chiedo. Secondo voi, tranne qualche soggetto o partitino di sinistra, c’è qualche partito degno di “normalizzare” Casamassima? NOOOOO!!!
Allora volete dare un peso alla vostra breve vita di un uomini e donne di Casamassima? Volete “cessa”re di essere cittadini iloti? Volete essere Cassandre e don Chisciotte che lottano contro i mulini a vento nell'attesa che arrivi finalmente il momento in cui, vi muoverete concordi nel creare un vasto movimento di opinione pubblica che strattoni con forza e con iniziative e mezzi finora non esperiti i soliti e irriducibili poteri forti che sempre si propongono e voi come i cani di Pavlov correte dietro. Mettendovi insomma a “ferri” corti?
Sapete come la penso delle primarie; soprattutto quelli alla Renzi. E, domenica sera, mentre passavo per via Roma ho visto, ammassati davanti al seggio, una moltitudine di persona che era l’esatta fotografia del dipinto di Hieronymus Bosch “Il carro del fieno”. In un istante ho desiderato il ritorno, intensamente il ritorno di Pajetta e Tambroni. La biologia e la sociologia negate, insieme alla retta ragione, per mero, evidente tornaconto elettorale. Un capolavoro di restaurazione mediante l’uso di disavveduti. Una collettiva ed interessata cecità volontaria. Una caotica e lacoontica gita organizzata dai furbacchioni della eterna rendita di posizione. Casamassima con il suo solito handicap storico e sociale che ne rallenta la corsa, nella lotta politica e nella vita delle istituzioni, e che va rimosso con lo strumento, sofferto e cruento, di una presa di posizione netta contro le immarcescibili patrizie famiglie.
Mi son detto come i saggi latini: experientia docet. Ancora una volta i buoni propositi dovranno battere in ritirata. Tutto resterà eternamente immutabile. Anzi, tutto ritornerà come prima Non succederà nulla di buono per Casamassima. E ancora una volta il gattopardo non sarà ammazzato. Che pena!

PS: Condivido il pensiero di frà diavolo.
 
 
#1 frà diavolo 2015-03-03 00:53
Correndo da sola alle elezioni di maggio Nica Ferri avrebbe potuto ottenere un grande risultato. Forse la poltrona di Sindaco. Cadendo nel discutibile "gioco" delle primarie, prerogativa di un partito apparentemente in salute ma le cui convulsioni romane sono lontane dalla soluzione, priva Casamassima dell'unica vera possibilità di svolta degli ultimi vent'anni. Dall'altra parte si conferma l'inconsistenza della matrice di sinistra che ha dovuto ricorrere ad un ex democristiano per correre alla carica di sindaco. La sinistra di Casamassima, cessa.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI